Con la rubrica “Parole dal mondo” nasce FDC Viaggi

    Un appuntamento a settimana, a partire da questo giovedì 28 gennaio, per scoprire cosa sta succedendo oggi nel mondo

    Noi italiani negli ultimi anni siamo stati un popolo di grandi viaggiatori, esploratori e curiosi conoscitori del mondo: nel 2019 sono stati ben 54 milioni i viaggi all’interno dello stivale e 17 milioni quelli all’estero (fonte Istat), ma nell’ultimo anno abbiamo dovuto rallentare, lasciare le valigie nei sottoscala, i passaporti nei cassetti e rassegnarci a guardare in fotografia i luoghi che sognavamo di visitare. Ora finalmente torniamo a guardare al futuro del turismo con un po’ più di speranza, ed è in questo clima di attesa fiduciosa che abbiamo deciso di lanciare FDC Viaggi, un contenitore che, attraverso tour esperienziali, contenuti speciali, incontri e curiosità, ci permetterà di scoprire un po’ di più del territorio che ci circonda (e non solo!).

    No Banner to display

    FDC Viaggi presenta la rubrica Parole dal mondo

    Per inaugurare questa nuova avventura abbiamo deciso di parlare di luoghi che spesso non sono solo meta di turismo, ma dove continuano ad avvenire scontri, dove intere popolazioni si ribellano e cercano nuovi Paesi pronti ad accoglierle, dove nelle piazze e sul web ci si confronta su questioni sociali e il mancato rispetto dei diritti – e la  necessità di vederli presi in maggior considerazione – è ormai una questione di primaria importanza, dove le discriminazioni sono all’ordine del giorno.

    Luoghi di cui è necessario parlare, perché conoscenza e consapevolezza sono le vere armi a disposizione dei cittadini: da questo desiderio di condivisione è nata Parole dal mondo, una rubrica in collaborazione con l’associazione ColorEsperanza – che da anni si occupa dello sviluppo di progetti in Repubblica Dominicana e Haiti – che in 4 appuntamenti online vi porterà a mettere piede in terre lontane, intervistando attivisti e giornalisti, tutti accomunati dalla pubblicazione di un libro in cui trattano tematiche sociali di respiro internazionale.

    Un format nuovo per scoprire il mondo e le sue sfaccettature

    Ci saremo noi di Fuoridalcomune.it e ColorEsperanza, ma anche tre associazioni del territorio, che di diritti ne sanno davvero qualcosa: Coraggiosa – spazio di confronto e discussione per giovani – Udi Cernusco Gruppodonnedioggi e Acli Cernusco. Un incontro tra territori lontani, uno sguardo sul mondo che parte proprio dalle forze locali.

    Interviste in diretta Facebook

    Quattro personaggi, quattro tematiche principali di cui parlare in diretta sulla nostra pagina Facebook, rispondendo alle vostre domande in quattro incontri interattivi di grande attualità: razzismo e discriminazione delle minoranze etniche in Italia, il dramma siriano, la  complessa situazione vissuta dalle comunità indigene del Guatemala, la realtà quotidiana delle donne caraibiche.

    A causa dei fusi orari (alcuni degli ospiti si trovano infatti in giro per il mondo), alcune interviste non potranno svolgersi in diretta, ma vi daremo modo di inviarci le vostre domande prima della registrazione.

    Ecco il planning degli appuntamenti, uno a settimana, sempre alle ore 18.00:

    A moderare e intervistare gli ospiti, insieme a noi di Fuoridalcomune.it, saranno i rappresentanti delle tre associazioni, Coraggiosa, Udi Cernusco Gruppo Donnedioggi e Acli Cernusco.
    Non ci resta che darvi appuntamento a domani!

    28/01, chiacchierata con Oiza Queensday Obasuyi

    Oiza Queens Day Obasuyi ha 26 anni ed è nata e cresciuta ad Ancona. Si è laureata in Lingue, Culture e Letterature Straniere all’Università degli Studi di Macerata, dove frequenta il corso di laurea magistrale in Global Politics and International Relations. È una studiosa di diritti umani, migrazioni e relazioni internazionali. Collabora con The Vision e Internazionale. Per People ha pubblicato Corpi Estranei dove, ripercorrendo la storia politica e culturale d’Italia, smantella il sistema di esclusione e discriminazione in cui viviamo, per denunciare un Paese culturalmente arretrato nel rapporto con le minoranze etniche e le migrazioni. Corpi estranei, infatti, è l’esperienza di una donna afro-discendente capace di smascherare i meccanismi e le carenze della nostra classe dirigente.