Parole dal mondo: la Siria raccontata da Laura Tangherlini

Ospite della seconda puntata, la giornalista e scrittrice Laura Tangherlini per parlare di Siria e del suo libro "Matrimonio siriano, un nuovo viaggio"

Torna l’appuntamento con Parole dal mondo, la rubrica di Viaggi Fuori dal Comune in collaborazione con le associazioni ColorEsperanza, Coraggiosa, ACLI Cernusco E UDI Donnedioggi Cernusco, che in quattro puntate, in onda in diretta streaming su Facebook, approfondisce diversi temi di attualità, attraverso le riflessioni di quattro scrittrici e scrittori che vivono in diverse parti del mondo.

Questa secondo appuntamento vedrà protagonista la Siria, raccontata attraverso le parole della giornalista e scrittrice Laura Tangherlini, che proprio al legame profondo con questa terra e con lo scopo benefico di aiutare il popolo siriano ha deciso di dedicare un ampio progetto editoriale, che comprende quattro libri e due reportage documentaristici. L’intervista si concentrerà sull’ultimo libro della giornalista, Matrimonio siriano, Un nuovo viaggio.

Come seguire la diretta

Se seguite già la nostra pagina Facebook alle 18 troverete la diretta sulla bacheca, ma potrete seguirla anche dalle pagine di ColorEsperanza, Osservatorio sul razzismo in Italia, ACLI Cernusco e Giovani delle ACLI di Milano. Per chi non dovesse avere Facebook, la diretta sarà disponibile anche all’interno di questo articolo.

Il libro

«Come si sopravvive da profughi siriani?
Come e dove si è accolti? Si è ancora beneaccetti?
Da cosa si scappava e da cosa si scappa?
Quanto restano forti dopo otto anni di conflitto la nostalgia e il ricordo?
Il ritorno per i profughi è davvero una possibilità?
La guerra è davvero finita?
Esistono buoni e cattivi? Chi sono?
La ricostruzione è cominciata? Chi la finanzierà? Quali interessi gravitano intorno ad essa?
Che Siria era e che Siria potrà essere? Ci sarà posto per tutti?
Qualcuno pagherà per questi anni di morte e distruzione?

Le risposte a queste domande nelle voci delle vere vittime, di chi scappa e di chi ha paura a tornare. Il loro dramma in un libro di inchiesta, denuncia e amore: “Matrimonio Siriano, un nuovo viaggio”, che nasce dai viaggi benefici di due neo-sposi e dal bisogno di verità e giustizia di una giornalista.

Comincia quando Laura Tangherlini, assieme al marito cantautore Marco Rò, ha voluto organizzare in chiave completamente benefica per i profughi siriani le loro nozze in Umbria, incontrando e aiutando poi quegli stessi profughi in Libano e Turchia.

E termina in Giordania, dove l’autrice torna, da sola, per continuare il suo progetto di ascolto e sopratutto di aiuto concreto verso quel popolo di cui si era innamorata nel 2009, soggiornando a Damasco per studio. Al dito ormai la fede e sulle spalle chili di aiuti sia propri, derivanti dai guadagni delle vendite del precedente “Matrimonio Siriano”, sia inviati da tanti conoscenti e telespettatori che negli anni hanno seguito e sostenuto questo molteplice viaggio d’amore».

L’autrice

Laura Tangherlini giornalista e conduttrice di Rainews24, muove i primi passi nel mondo del giornalismo nel 1998 presso la redazione di Ancona de Il Resto del Carlino. Dal 2008 conduce i notiziari del canale all news Rai di cui è uno dei principali volti ed è membro della redazione Esteri (di recente inviata in Svezia per le manifestazioni per il clima dove ha intervistato in esclusiva nazionale la piccola Greta Thunberg, in Albania per le recenti proteste dell’opposizione, in Thailandia  per i baby calciatori rimasti intrappolati nella grotta, in Grecia per gli incendi, in Messico per la carovana di migranti dall’Honduras, e prima vari viaggi in Libano e Giordania per i profughi siriani, in Kenya per i campi profughi, in Romania per le proteste ed altri approfondimenti). Si è più volte occupata anche della situazione nel Medio Oriente, ed essendo appassionata di Siria (dove aveva soggiornato per qualche mese nel 2009 per motivi di studio della lingua) ha scritto tre libri dedicati alle conseguenze soprattutto umanitarie del conflitto siriano:

2013 — “Siria in fuga(premio Fiuggi Storia come miglior Opera Prima)
2014 —”Libano nel baratro della crisi siriana” nel 2014, coautore Matteo Bressan (premio Cerruglio 2015 come miglior saggio).
2018 — “Matrimonio siriano” (libro e reportage video) (Premio per il giornalismo di inchiesta Javier Valdez 2018, Premio Montale fuori di casa 2018 sezione Mediterraneo, Premio Caravella 2018 per la solidarietà e l’impegno civile).
2019 — Matrimonio Siriano, un nuovo viaggio” (ultimo libro che include anche il precedente).

Il prossimo appuntamento

Giovedì 11 febbraio sarà la volta dell’antropologo Andrea Freddi che presenterà il suo libro Il viaggio e la trama, migrazione, sviluppo e potere in una comunità indigena del Guatemala.

«Le comunità indigene del Guatemala sono coinvolte in una lunga fase postguerra che aggiunge alle drammatiche fratture del conflitto interno nuove complesse sfide. Questo libro si basa su una ricerca etnografica multisituata realizzata tra la comunità maya mam di Todos Santos Cuchumatan e i gruppi di migranti indigeni in California e in esso si analizzano in particolare due dei fenomeni sociali che segnano la contemporaneità mesoamericana: le migrazioni verso gli Stati Uniti e le politiche multiculturali di sviluppo. Le genealogie storiche di tali fenomeni e le esperienze di vita che essi generano permettono di riflettere su come una comunità indigena riconfigura il proprio sistema di potere e il proprio senso di appartenenza collettivo. I migranti maya si scontrano con i discorsi e le pratiche burocratiche della legalità, con le logiche di verità delle richieste di asilo e con le tensioni razziali delle periferie statunitensi.»