lunedì, 21 Giugno 2021

Cologno, Villa Casati ospita due mostre

L’Amministrazione comunale di Cologno Monzese ha dato il patrocinio a due eventi di cultura e memoria. Villa Casati sarà la location della mostra personale del pittore Bruno Tosi a cura dell’Associazione Amici dell’Arte, che verrà inaugurata il 29 maggio alle 17.30, e la collettiva di pittura e scultura “Leonardo 2020”, a cura della Proloco cittadina in apertura il 12 giugno alle 17.30.

Bruno Tosi

La mostra personale dedicata a Bruno Tosi, pittore milanese, classe 1937, è un omaggio dell’Associazione Amici dell’Arte a un artista a tutto tondo che è anche incisore e mosaicista. Inizia la sua stagione artistica con i fatidici anni Sessanta e la sua opera pittorica parla il linguaggio dei tempi che vive, alla ricerca di una nuova espressione con le sue figure cariche di intensità degli sguardi, dei volti scavati e, nell’insieme, della febbricitante figura umana.

«L’attuale tregua con il Covid – ha dichiarato l’Associazione Amici dell’Arte – ci permette di continuare a sviluppare un progetto espositivo di arte a Cologno, facendo spazio ad un artista a tutto tondo, Bruno Tosi, il cui lungo percorso artistico parte da molto lontano e si dipana fino ad oggi senza soluzione di continuità, con una ricca sfaccettatura di ricerca ed evoluzione, che lo rendono unico nel panorama creativo milanese e lombardo, anche per la sua capacità di coinvolgimento emotivo».

La mostra, a ingresso libero, resterà aperta dal 29 maggio al 6 giugno, dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 19.00 e la domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00.

Leonardo 2020

La Proloco cittadina ha organizzato e curato la mostra “Leonardo 2020”, una collettiva di artisti di pittura e scultura dedicata alle opere di Biondini Antonio, Cirillo Luciano, Crespi C. Ambrogio, di Castri Vincenzo, Meroni Enzo, Milani Raoul, Nava Valerio, Navarra Massimo, Nistler Pierfrancesco, Presti Tiziana e Vago Maurizio.

L’ingresso è libero e l’esposizione resterà dal 12 al 20 giugno dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 19.00 e il sabato e giorni festivi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00.

Augusta Brambilla

No Banner to display

Cinema e musica per l’estate colognese: sul palco (forse) anche il sindaco

immagine di repertorio

L’estate si avvicina e il Comune di Cologno Monzese ha organizzato una serie di eventi a base di cinema e musica per rendere piacevoli le serate passate in città. Tutte le iniziative, a ingresso libero, si svolgeranno nello spazio di fronte a Villa Casati nel rispetto delle disposizioni per la prevenzione del contagio da Covid-19.

«La città si merita tutto questo e noi siamo ben felici di regalare nove serate di svago ai colognesi dopo un periodo davvero travagliato – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Dania Perego Cologno Monzese deve ripartire e noi faremo la nostra parte con quattro concerti, quattro film nel novero di “Cinema in Villa” in collaborazione con Barz and Hippo e uno spettacolo/concerto con I Giuinott Dè la Martesana a cura della Pro Loco Cologno Monzese.Abbiamo deciso di ripartire con gli eventi coinvolgendo le realtà territoriali – ha proseguito – come le associazioni e i gruppi colognesi, la Barz and Hippo che ha in gestione il nostro cineteatro e Massimo Scaccabarozzi, a.d. di Jansenn Italia e colognese doc con cui abbiamo l’onore di collaborare da diversi anni per progetti importanti contro la violenza di genere».

Il programma

Venerdì 11 giugno – ore 21,00

Concerto in collaborazione con l’Associazione musicale Atelier ProArt

Giovedì 17 giugno – ore 20,30
Concerto con Massimo Scaccabarozzi e la JC Band in favore del Progetto Artemisia

Venerdì 25 giugno – ore 21,00
Spettacolo/concerto con I Giuinott Dè la Martesana a cura della Pro Loco Cologno Monzese

Mercoledì 7 – 14 – 21 – 28 luglio – ore 21,30
Cinema in Villa in collaborazione con Barz and Hippo, la programmazione dei film è in fase di definizione.

Sabato 17 luglio – ore 21,00
Concerto in collaborazione con l’Associazione musicale Atelier ProArt

Sabato 24 luglio – ore 21,00 Concerto con i Replay

Sul palco (forse) anche il sindaco

E ad esibirsi potrebbe essere anche il sindaco Angelo Rocchi, che immagina le serate organizzate come un momento di svago dopo i difficili mesi appena trascorsi. «Può darsi che anche questa volta suonerò anch’io in qualche concerto – ha dichiarato il sindaco Angelo Rocchidavanti ai colognesi che si potranno finalmente svagare e penso che queste serate all’aperto siano un sacrosanto premio alla comunità colognese dopo prove difficili e purtroppo anche drammatiche. Si deve ripartire è credo che musica, arte e film siano una ricetta più che azzeccata».

No Banner to display

Cologno, gli studenti del Leonardo Da Vinci presentano il cortometraggio “Lo Scatto”

Un cortometraggio degli studenti e per gli studenti. Il risultato di un laboratorio fatto appena finita la prima ondata Covid-19. Era il luglio 2020, l’Italia provava a tornare alla vita dopo l’impatto con la pandemia. L’Istituto Leonardo Da Vinci di Cologno Monzese è stata l’unica scuola superiore in Italia a rimanere aperta, organizzando laboratori per gli studenti, grazie alla partnership con “Come Pietre nell’Acqua”, progetto che ha l’obiettivo di sviluppare, si legge nella loro presentazione, «competenze di vita e di cittadinanza ed offrire agli adolescenti dei tre comuni partner opportunità di attraversare esperienze e ruoli “straordinari” al fine di ridurre le diseguaglianze determinate da varie situazioni».

Il cortometraggio 

Da questi laboratori è nato “Lo scatto”, cortometraggio che vede protagonisti gli studenti, davanti e dietro le telecamere. Il film sarà presentato venerdì 27 maggio alle 14.10 all’interno dell’auditorio, ma sarà visibile anche in diretta YouTube sul canale dedicato.

Alla presentazione parteciperanno gli studenti che hanno collaborato alla realizzazione del cortometraggio, la dirigente scolastica prof.ssa Graziella Ercoli, il regista del cortometraggio Matteo Bonanni, il prof. Enrico Saccà che ha coordinato il percorso, le professoresse Vanessa Paparo, Federica Dincao, Nadia Pasinelli e Antonella Coccia.

No Banner to display

A Cologno Monzese una manifestazione in ricordo delle vittime della strage di Capaci

23 maggio 1992, a Capaci si sta consumando uno degli attentati di stampo mafioso più tragici della storia italiana: una bomba posizionata nell’auto di Giovanni Falcone uccide il magistrato, la moglie Francesca Morvilo e gli uomini scorta Antonino Montinaro, Vito Schifani, Rocco Di Cillo.

L’associazione Libera Casa contro le mafie e l’ANPI di Cologno Monzese hanno organizzato una manifestazione in Piazza Castello in occasione del XXIX anniversario della strage di Capaci. L’evento si svolgerà domenica 23 maggio alle ore 11.20.

Un evento che coinvolge tutti 

È da diversi anni che ogni 23 maggio a Cologno Monzese si svolge puntuale la manifestazione in ricordo delle vittime della strage di Capaci; l’appuntamento coinvolge tutti, anche i cittadini provenienti da altri comuni, ed è un modo concreto per ricordare l’importanza della lotta contro la criminalità organizzata. Non solo, è anche un’«assunzione di responsabilità da parte di ogni cittadino- così ha dichiarato il Presidente di Libera casa contro le mafie di Cologno Antonio D’Arrigo-.Proprio in questo periodo particolare riteniamo fondamentale ribadire i valori e i pensieri  che ci ha lasciato Giovanni Falcone e con lui ricordare la moglie Francesca Morvilo e gli uomini scorta  Antonino Montinaro, Vito Schifani, Rocco Di Cillo».

No Banner to display

Cologno, tre sottopassi da dipingere: ed è tutto legale

rear view of street artist painting graffiti with aerosol paint on wall at night
rear view of street artist painting graffiti with aerosol paint on wall at night

Si chiama “Murales nei sottopassi pedonali della mia città” l’iniziativa di Cologno Monzese per abbellire e riempire di significato alcuni punti del Comune. Il progetto si sviluppa in 3 anni: nel 2021 i writers interverranno nel sottopasso di via Ovidio, realizzando opere con a tema “I grandi intellettuali e artisti italiani del passato” e “La natura, fonte di energia rinnovabile”. Successivamente saranno coinvolti i sottopassi di largo Salvo D’Acquisto e via Emilia.

«Quest’iniziativa mi è subito piaciuta  perché conosco diversi ragazzi i quali, armati di una bomboletta spry, sono in grado di realizzare delle vere e proprie opere d’arte – ha dichiarato il sindaco Angelo Rocchi Nei prossimi tre anni vedremo quindi trasformarsi i tre sottopassaggi che corrono sotto la tangenziale e sono certo che i partecipanti faranno un ottimo lavoro a tutto vantaggio della nostra città».

L’assessore Perego «Evitare l’imbruttimento o l’imbrattimento»

Il concorso, gratuito,  è aperto a tutti i cittadini di Cologno Monzese. E’ necessario iscriversi entro il 16 luglio inviando una mail all’indirizzo cultura@comune.colognomonzese.mi.it o recandosi presso l’Ufficio Cultura Via Mazzini 9 il lunedì, mercoledì giovedì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e il martedì anche dalle ore 14.30 alle ore 17.30.

«La finalità del concorso  è la realizzazione di murales sui muri perimetrali di tre sottopassaggi pedonali, muri puliti e pronti per essere dipinti così da evitare il loro imbruttimento o imbrattamento – ha aggiunto l’assessore alla Cultura Dania Perego Per questa gara non sono previsti compensi per la realizzazione delle opere se non l’opportunità di essere protagonisti in un percorso artistico di valorizzazione del territorio e del bene comune. Desidero ringraziare l’azienda Brico io S.p.A. di Milano che ha un punto vendita a Cologno Monzese in Via Pasubio angolo Via Treviso – ha concluso –, la quale si è resa disponibile a sostenere l’iniziativa per l’anno 2021 mettendo a disposizione le bombolette spray per un importo di € 1.000,00».

 

No Banner to display

Economia, etica e fede: un ciclo di incontri per riflettere su un nuovo modello di sviluppo

Tre incontri per parlare di economia, etica, sviluppo e ambiente. La pandemia ha acuito la crisi economica e sociale e le contraddizioni di un modello di sviluppo. Un tema sollevato anche più volte da Papa Francesco e che le Commissioni per la Pastorale Sociale dei Decanati di Cologno Monzese, Vimodrone e Cernusco sul Naviglio, in collaborazione con la pastorale giovanile e GRANIS (Gruppo si Animazione Sociale), hanno deciso di approfondire con un ciclo di 3 incontri online.

Gli appuntamenti

Le tre serate, alle quali hanno collaborato anche le Acli di zona e l’Azione Cattolica Locale, vogliono approfondire una riflessione sul rapporto dell’economia con l’etica, l’ecologia e la fede, e trasmettere quella che per gli organizzatori è l’urgenza di un nuovo modello di sviluppo.

26 Maggio

Economia ed Etica. L’economia ha esiliato l’etica:è possibile una riconciliazione?
Con Don Walter Magnoni (Pastorale Sociale e Lavoro Diocesi di Milano)

10 Giugno
Economia ed Ecologia. Alleati per un nuovo progresso sostenibile e inclusivo.

Con S.E. Mons. MARIO TOSO Vescovo di Faenza-Modigliana

Ottobre 2021 (data da definire)

Economia e Fede. L’economia è diventata un idolo: come riconciliarla con la fede?

Con Prof. Luigino Brunio (Università di Roma LUMSA)

Tutti gli incontri inizieranno alle 21.00 in diretta sulla pagina Facebook e sul canale YouTube dell’oratorio San Marco di Cologno Monzese.

No Banner to display

Cologno, al via la manutenzione della primaria di via Pisa

Ph: google maps

E’ tempo di restyling per la scuola primaria di via Pisa. La giunta, giovedì 13 maggio, ha infatti dato il via libera al progetto esecutivo di manutenzione straordinaria del plesso scolastico. «Questo – ha dichiarato il sindaco Angelo Rocchi è l’ennesimo investimento per migliorare le scuole cittadine che accolgono tutti i giorni i nostri ragazzi e devono, pertanto, essere all’altezza dell’importante funzione che svolgono».

Gli interventi

L’intervento, finanziato con avanzo di amministrazione, ha un costo di 150.000 euro e permetterà la rimozione e sostituzione di pavimenti, sanitari e rivestimenti e la manutenzione straordinaria dei servizi igienici al piano terra al 1° piano, oltre a quella di bagni e spogliatoi vicini alla palestra.

«Si tratta di un intervento necessario – ha dichiarato Dania Perego, assessore con delega all’Edilizia scolastica –, perché pavimenti, rivestimenti e sanitari sono risalenti alla realizzazione dell’edificio quindi datati, ammalorati e non più rispondenti alle necessità e teso a migliorare la sicurezza della scuola, nonché propedeutico in vista dei lavori di ristrutturazione dell’infanzia di via Pisa che imporranno un trasferimento temporaneo dei bimbi nella struttura della primaria».

No Banner to display

Cologno, da giugno tornano i centri estivi

Il Comune di Cologno Monzese ha dato il via libera alle linee guida per l’organizzazione dei centri estivi per l’estate 2021 per i bambini della scuola dell’infanzia e primaria (fascia 3-11 anni). Le iscrizioni potranno essere fatte dal 19 al 26 maggio ed è prevista una riunione online per presentare il servizio alle famiglie.

L’organizzazione

I bambini saranno suddivisi in 5 plessi e l’orario di attività sarà dalle 7.30 fino alle 17.30. Per ogni ciclo è previsto l’inserimento di 8 minori diversamente abili.

Organizzazione delle aperture:

  • Scuola primaria Lombardia (14 giugno-30 luglio) capienza 42
  • Scuola primaria Vespucci (14 giugno-30 luglio) capienza 42
  • Scuola dell’Infanzia Levi (5-30 luglio) capienza 36
  • Scuola dell’Infanzia Andersen (5-30 luglio) capienza 36
  • Scuola dell’Infanzia Volta (5-30 luglio) capienza 36

«L’anno scorso nonostante la situazione sanitaria fosse più complessa tanto da imporre delle misure molto più stringenti, eravamo comunque riusciti a garantire l’apertura dei centri estivi in città ma, naturalmente, con un’utenza ridotta – ha dichiarato Dania Perego, assessore con delega alla Pubblica Istruzione – Quest’anno invece sono lieta di dire che la situazione è tornata quasi alla normalità. La gestione dei Centri Estivi era stata assegnata l’anno scorso alla Cooperativa Sociale Progetto A per il triennio 2020/2022 alla quale, visto la situazione che stiamo ancora attraversando, abbiamo ovviamente chiesto di rimodulare il progetto nel rispetto delle norme governative di prevenzione sanitarie».

No Banner to display

Cologno Monzese apre le porte di Villa Casati

L’Amministrazione comunale di Cologno Monzese apre le porte di Villa Casati. La Pro Loco cittadina, con il patrocinio del Comune, ha organizzato il 2 giugno una visita guidata, a ingresso libero, con ritrovo in piazza Mentana e partenza dalla Torre Colombaia. In occasione della Festa della Repubblica Italiana si potrà andare alla scoperta delle storiche bellezze dell’attuale sede del Comune.

Patrimonio cittadino

La Villa Besozzi Casati faceva parte dell’incastellemento di Cologno, di proprietà fin dal medioevo dei monaci del Monastero di Sant’Ambrogio di Milano. L’edificio, edificato sul basamento di un’antica casa-forte, inizia a assumere l’aspetto attuale nel corso del XVI secolo, quando fu acquistata dai nobili Besozzi. Soltanto con il trasferimento di proprietà dai nobili Besozzi ai nobili Casati, avvenuto ai primi dell’800, la casa-forte assunse, dopo la ristrutturazione, le attuali forme di palazzo ottocentesco, adibito a abitazione di villeggiatura. 

Le pitture che decorano le varie stanze, sia inferiori che superiori, sono datate 1678, mentre le decorazioni pittoriche delle ante delle porte e dei soffitti e cassettoni sono di gusto settecentesco. Gli stemmi dei Casati e i fregi che incorniciano le porte si presume appartengano, in gran parte, all’800. Dietro al Palazzo, si estendeva un grandioso parco ricco di maestosi alberi ultrasecolari, piante esotiche e superbi cedri del Libano. Il 18 ottobre del 1798 il conte Antonio Besozzi è costretto a vendere l’intero patrimonio fondiario a Gaspare Casati. Gli ultimi residenti della villa sono Alberto Visconti di San Vito e la consorte Anna Casati discendete della famiglia Casati. Nel 1968 la villa passa di proprietà al Comune, a cui tutt’oggi appartiene.

Alla scoperta della poesia e della storia 

Il percorso alla scoperta della villa Casati ha un duplice aspetto: poetico e storico. Il primo prevede la lettura di poesie tratte dal poema cavalleresco “Orlando Furioso” di Ludovico Ariosto, pubblicato per la prima volta a Ferrara nel 1516, a cura dell’Associazione Amici della Biblioteca e con la voce poetica di Vittorio Ferrari.

Il secondo è caratterizzato dalla visita della dimora ottocentesca, dove si potrà ammirare il putto cinquecentesco, restaurato da Banca Intesa, e accompagnati dalla voce narrante di Silvia Mele. 

Per avere maggiori informazioni e per prenotare, numero massimo di 20 persone, è possibile contattare la Pro Loco ai numeri telefonici 02/2532990 o 338/448867, dal lunedì al sabato dalle 16.00 alle 19.00, oppure scrivere una email all’indirizzo colognoproloco@tiscali.it.

Augusta Brambilla

No Banner to display

Lavori in corso per le strade e i marciapiedi di Cologno Monzese: una spesa di circa 300mila euro

Investiti circa 300mila euro per la manutenzione di strade e i percorsi pedonali a Cologno Monzese. Diversi gli interventi che interesseranno il comune e che termineranno entro il mese di luglio.

Intervenire sui punti critici della città per rendere le strade più sicure

Gli interventi riguarderanno i seguenti incroci:

  • via Francia/Ingegnoli/Volontari del sangue;
  • via Cavallotti/Goldoni;
  • via Volta/Dalla Chiesa;
  • via Dall’Acqua/Bellini;
  • Via Longarone fronte cimitero;
  • viale Lombardia/Piacenza;
  • via Milano civ.66;
  • via Per Imbersago – Fermate T.P.L,

e i seguenti percorsi pedonali, su cui ci si concentrerà durante la prossima estate:

  • via Ginestrino e percorsi pedonali lato parco (da via San Martino sino a parte terminale);
  • percorsi pedonali e sede stradale di via Chioggia (tratto da via Pordenone e via Verona);
  • percorso pedonale via Longarone (tratto da strada accesso cimitero a via Chioggia) e sedestradale (tratto tra rotatoria via Carducci via Chioggia);
  • via Longarone: parcheggi a “lisca di pesce” a verticali (lato cimitero) percorso pedonale via Pascoli tra il civico 23 e parcheggio scuola e sede stradale (tratto compreso tra via Ginestrino e via Dall’Acqua).

«Con questa serie di accorgimenti – ha dichiarato il Sindaco Angelo Rocchiandiamo a rispondere alla necessità di rendere più sicure le nostre strade intervenendo in alcuni punti strategici che da tempo presentano maggiori criticità».

Verrà installato “Lama di luce” per la sicurezza dei pedoni

L’assessore ai Lavori Pubblici Fabio Della Vella ha spiegato che l’incrocio di via Francia/Ingegnoli/Volontari del sangue, «insieme ad altri sei, sarà dotato anche di un nuovo sistema di illuminazione denominato “Lama di luce” il quale, al passaggio del pedone grazie alla presenza di un sensore, sarà in grado di aumentare l’intensità dell’illuminazione del palo della luce che sarà anche dotato di un cartello retroilluminato bifacciale a Led che renderà maggiormente visibili le strisce pedonali».

No Banner to display

No Banner to display