lunedì, 21 Giugno 2021

Rifacimento sagrato e piazza della chiesa di Pessano: ora c’è la firma

Ph: Alberto Villa

Accordo concluso per il rifacimento del sagrato e della piazza della chiesa di Pessano con Bornago. L’Amministrazione comunale e la parrocchia hanno infatti siglato la convenzione che stabilisce competenze e responsabilità. L’iter per raggiungere questo risultato è partito nel maggio del 2017 e ha coinvolto Giunta, Consiglio comunale, soprintendenza, Curia Ambrosiana e la parrocchia locale che, tra le altre cose, ha dovuto anche acquistare i reliquati dagli eredi della contessa Erminia Prinetti Castelletti.

Dunque un lavoro complesso come ha anche ricordato il sindaco Alberto Villa: «Nella pubblica amministrazione è così – ha scritto -, dietro ad ogni gara pubblica, grande o piccola che sia, ci sono un mare di carte, di lavoro e di burocrazia».

Gli interventi e le competenze

Le spese di progettazione dell’intervento saranno a carico della parrocchia, mentre il Comune investirà circa 200.000 euro per la’esecuzione dei lavori nel sottosuolo e la realizzazione di una nuova pavimentazione del sagrato e della piazza.

No Banner to display

Pessano, primo premio per Fabiola Sangineto: ora la sua opera è esposta al Padiglione Venezia

Foto di Fabiola Sangineto

Pessano con Bornago e Venezia non sono mai state così vicine: ad accorciare le distanze è stata l’architetto Fabiola Sangineto, 28 anni, pessanese, che ha vinto il primo premio del concorso “Artefici del Nostro Tempo” per la sezione Illustrazioni e Fumetto organizzato dal Comune di Venezia lo scorso maggio 2020.

Da Pessano con Bornago al Padiglione Venezia, Fabiola Sangineto: «Un onore»

È accaduto durante il primo lockdown: laureata al Politecnico di Milano, Fabiola Sangineto aveva deciso di partecipare al concorso del Comune di Venezia «da semplice appassionata autodidatta nel campo dell’illustrazione– così ha raccontato-. L’idea è nata durante l’isolamento; con “Le stanze del tempo ritrovato” ho voluto lanciare un messaggio di rinascita: è nell’arte infatti, e per arte intendo anche film e letteratura, che si può trovare la libertà, anche nei momenti di solitudine forzata come quello che abbiamo vissuto». “Le stanze del tempo ritrovato” è un’insieme di 4 opere: L’Attesa, Isolamento, Speranza, Tornare ad Amare. Le opere, che hanno un significato corale ma anche individuale, risultano l’unione tra la formazione accademica di Fabiola e la sua passione per la storia dell’arte. «Ho vinto da autodidatta– ha detto l’architetto-. Penso che questo sia una conferma a non abbandonare mai le proprie passioni, perché coltivandole si ottengono grandi risultati».

«L’arte è per tutti»

La vincitrice del concorso ha lanciato un invito a tutti coloro che si sentono lontani dall’arte, a chiunque la consideri una “faccenda elitaria e irraggiungibile”: «L’arte non ha genere, età, limiti: questa è la sua bellezza, è aperta a tutti. Chiunque può interpretare un’opera. Anzi, riconsiderare le idee sovversive di ieri ci può aiutare oggi, perché il passato apre sempre una nuova riflessione sul presente».

Le stanze del tempo ritrovato: L’Attesa, Isolamento, Speranza, Tornare ad amare. Foto di Fabiola Sangineto
Dall’esposizione al Padiglione Venezia. Foto di Fabiola Sangineto

 

 

No Banner to display

Giornata Mondiale del Libro: a Pessano si parla di Epica

La Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore cadrà il 23 aprile, e in occasione di questa ricorrenza, lo staff di Manifattura K – teatro di Pessano con Bornago, residenza multidisciplinare nazionale e presidio sempre aperto a nuovi contributi – ha organizzato una due giorni di iniziative dedicate al mito e all’epica, proprio quella di Ulisse, Enea, Achille e molti altri.

IL PROGRAMMA

Si comincerà venerdì 20 alle 18 presso Manifattura K (Piazza della resistenza/Corso Europa) con Sei mitico, prof!, tavola rotonda e momento di incontro dedicato a docenti ed educatori che si occuperanno di trasmettere la bellezza della letteratura epica con progetti innovativi e idee atipiche.
Si proseguirà alle 20 con un laboratorio di lettura ad alta voce curato dallo staff di Manifattura K. Entrambe le iniziative sono a ingresso gratuito.

Sabato 21, invece, la mattinata sarà dedicata ai più piccoli, con il laboratorio di tessitura La tela di Penelope, curato da Francesca Maggioni, dalle 10 alle 12, sempre presso Manifattura K. Ingresso 3 euro, accompagnatori esclusi.
Dalle 17 alle 19, a ingresso libro presso la Biblioteca, si proseguirà con la
Maratona Epica di Letture, aperta a tutti, lettori e non, grandi e piccini, con l’accompagnamento musicale della Scuola di Musica Marzia Cantiani.

Alle 21, presso Manifattura K, andrà in scena Numeri pentateuco #4, della compagnia La Confraternita del Chianti, durante il quale il concetto di clandestinità verrà slegato dalla statistica e ricondotto a Medea e Giasone. Ingresso 3 euro.

COME PARTECIPARE

È sufficiente cercare in libreria – o in Biblioteca – l’Odissea, l’Iliade, l’Eneide, una bella tragedia, un mito, quello che si preferisce.
Per chi fosse preoccupato all’idea di leggere in pubblico, ci sarà il laboratorio di lettura ad alta voce.
Per chi, invece, non avesse niente da leggere, nessun problema: non ci sarà scaletta, nessun obbligo, niente biglietto d’ingresso.
I bambini saranno i benvenuti.

Tutte le iniziative sono inserite nel progetto #PerFareUnAlbero, realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo e con il patrocinio del Comune di Pessano con Bornago. Sono partner della Maratona: Biblioteca Francesco Tarchi, Scuola di Musica Marzia Cantiani, Comitato Polvere di Storie, Comitato Genitori Pessano con Bornago, Libriamoci Bussero.

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito web di Manifattura K qui o scrivere a: organizzazione@manifatturak.it.

No Banner to display

Manifattura K è tra i vincitori del programma “Per chi crea”

Marco Di Steafano e Chiara Boscaro, direttori di Manifattura K

Manifattura K ha fatto centro. Il teatro di Pessano con Bornago, ormai in chiusura, è infatti una delle otto residenze artistiche ad essersi aggiudicata un contributo (30.000 euro) da SIAE e MIBAC grazie al programma nazionale “Per chi crea”, che destina il 10% dei compensi “Per copia privata” a supporto della creatività e della promozione culturale dei giovani.

STRANGER TEENS

Manifattura K, casa di Associazione K, che si occupa di produzione e programmazione culturale, si è aggiudicata il bando grazie al progetto “Stanger Teens”, che si svolgerà a Pessano Con Bornago fino alla chiusura della ex Filanda e, dalla primavera 2020, a Varese.

«Un titolo (Stranger Teens,ndr) che strizza l’occhio alle serie che piacciono ai più giovani per un progetto di residenza che porterà a Pessano due artisti multidisciplinari under35 di livello nazionale, tutto dedicato ai giovanissimi della fascia 11-14 anni – hanno detto Chiara Boscaro e Marco Di Stefano, direttori di Manifattura K -. Gli artisti coinvolti – hanno proseguito – lavoreranno con i ragazzi e le ragazze a laboratori di ricerca e sperimentazione di nuovi linguaggi. Tutti gli artisti coinvolti, poi, nella primavera del 2020, metteranno competenze e capacità al servizio di una performance collettiva e innovativa, a cui ragazzi e le ragazze potranno partecipare come pubblico. I giovanissimi – hanno concluso – avranno la possibilità di partecipare gratuitamente a tutte le attività, proprio in questi giorni stiamo procedendo a contattare scuole, oratori, CAG».

UNA SPERANZA

Primo passo è la ricerca e selezione dei due artisti multidisciplinari da portare a Pessano per lavorare con i ragazzi. Si cercano fotografi, autori Writers, artisti visivi e molto altro. Due sono le caratteristiche necessarie: essere under 35 e avere voglia di mettersi in gioco con ragazzi tra gli undici e i quattordici anni. Il bando è aperto a tutti gli artisti di ambito nazionale, ma a Chiara Boscaro e Marco Di Stefano piacerebbe che «almeno uno o una degli artisti venisse dal territorio».

 

No Banner to display

Un nido laico alla scuola cattolica: nasce la nuova sezione primavera a Pessano

Unire laico e religioso non è mai facile, ma quando l’obiettivo è l’istruzione dei più piccoli e il loro ottimale indirizzamento alla vita si fanno anche – e non è solo un gioco di parole – i miracoli. A dimostrarlo è l’amministrazione comunale di Pessano con Bornago, che unendo due realtà già attive sul territorio comunale ha appena dato alla luce la prima sezione primavera facente parte del progetto Sistema educativo 0-6, istituito dalla normativa Buona scuola e finanziato da Regione Lombardia.

SEZIONE PRIMAVERA A PESSANO: DAL PROBLEMA ALLA SOLUZIONE

A unirsi in questo progetto sono state due strutture già presenti a Pessano, la scuola dell’infanzia paritaria di stampo cattolico Modini – presenza radicata sul territorio, che ha visto crescere gli abitanti di Pessano di generazione in generazione – e l’asilo nido privato I 7 nani, gestito dalla titolare Stefania Frigerio. Per un insieme di fattori che hanno influito sulle iscrizioni, queste strutture non statali del territorio hanno iniziato ad avere qualche problema, e da qui la necessità di intervento dell’amministrazione comunale, che ha pensato di unire le due realtà dando vita a una nuova sezione primavera, in un progetto sperimentale che segue le linee guida del Sistema educativo 0-6.

I 7 NANI E MODINI INSIEME CONTRO LE DIFFERENZE

E così è partito l’iter, anche se mettere d’accordo la laicità del nido con la tradizione cattolica della scuola non è stato facile, come ci ha raccontato Giuliana Di Rito, vicesindaco e assessore all’Istruzione: «Il privato e la paritaria ci hanno chiamato chiedendo aiuto, e noi non potevamo non tender loro una mano. È stato complesso riuscire a realizzare una collaborazione tra la coordinatrice del nido e il don, sono stati necessari parecchi passaggi, ma alla fine siamo riusciti a condividere il progetto pedagogico unendo le finalità di ognuno di loro, creando una sezione specifica all’interno della scuola dell’infanzia con personale specializzato, il coordinamento pedadogico dell’insegnante Stefania Frigerio, già titolare del nido, e l’approvazione della curia».

A tirare le redini del progetto è Regione Lombardia, che ha scelto di offrire finanziamenti  a chiunque decida di avviare il progetto 0-6, a patto che vengano applicati tutti i criteri necessari.

«Vogliamo far sentire la nostra presenza soprattutto alle giovani famiglie che, nei primi anni di vita dei loro bambini, si trovano ad affrontare spese molto importanti – ci ha spiegato Giuliana Di Rito -. Il nostro aiuto non va solo a privata e paritaria, però: per sostenere l’asilo comunale aderiamo alla misura Nidi Gratis di Regione Lombardia». Un impegno che all’amministrazione costa parecchio, «più di 180mila euro all’anno», come sottolineato dal vicesindaco, ma che, in aggiunta al neonato progetto della sezione primavera, permette loro di aiutare tutte le famiglie nella scolarizzazione dei propri figli.

LA FESTA DI INAUGURAZIONE

L’inaugurazione della nuova sezione è in programma per sabato 16 novembre, alle ore 10.30 presso la struttura di via Modini 2, che è stata scelta come sede ufficiale, in quanto rispetta le caratteristiche richieste dalla Regione.
«Siamo soddisfatti della scelta della sede che ospiterà il progetto – ha concluso il vicesindaco Di Rito -, in quanto in questo modo si agevolerà anche il passaggio alla scuola materna dei bambini che vorranno iscriversi lì. Un ambiente unico, quindi, strutturato e completo, che avvierà i bambini verso un percorso di scolarizzazione».

 

 

 

 

 

 

 

 

No Banner to display

Coronavirus, la mappa dei contagi in Martesana

La mappa, aggiornata quotidianamente con i dati resi disponibili dalle Amministrazioni Comunali, permette di visualizzare facilmente i numeri di casi presenti nella zona della Martesana. Cliccando sugli indicatori dei diversi Comuni, è possibile verificare i casi di contagio segnalati da ATS.

Aggiornato il 28 marzo

Bellinzago Lombardo 3 casi (15 marzo)
Brugherio 96 casi (25 marzo)
Bussero 20 casi e 2 deceduti (27 marzo)
Cambiago 15 casi (26 marzo)
Carugate 34 casi di cui 6 deceduti (23 marzo)
Cassano d’Adda 27 di cui 1 deceduto (19 marzo)
Cassina De’ Pecchi 20 casi un decesso (24 marzo)
Cernusco sul Naviglio 71 casi e 13 decessi (27 marzo)
Cologno Monzese 214 casi e 34 deceduti (27 marzo)
Gessate 15 casi e 4 deceduti (26 marzo)
Gorgonzola 49 casi e 5 deceduti (27 marzo)
Inzago 27 casi e 3 decessi (26 marzo)
Liscate 11 casi e 3 decessi (27 marzo)
Melzo 50 casi e 6 deceduti (27 marzo)
Pessano Con Bornago 17 casi e 3 deceduti (24 marzo)
Pioltello 113 casi e 17 deceduti (27 marzo)
Pozzuolo Martesana 13 casi e due decessi (21 marzo)
Segrate 119 casi e 11 decessi (27 marzo)
Vignate 24 casi e 2 deceduti (26 marzo)
Vimodrone 26 casi e 6 deceduti (23 marzo)

No Banner to display

La mappa dei contagi: aggiornamento del 20 aprile

Dati del 20 aprile

Bellinzago Lombardo Aggiornato il 4/4
11 casi
2 decessi
Brugherio Aggiornato il 20/4
173 positivi totali (tra cui 20 persone ospiti a Villa Paradiso)
79 (-23) in sorveglianza attiva
2 (=) decesso
19 (+6) decessi a Villa Paradisoaltre info:
62 anni è l’età media delle persone positive,
in maggioranza sono donne,
in molti casi sono operatori sanitari e soccorritori
Bussero Aggiornato il 20/4
17 (-1) in casa
5 (=) in ospedale
22 (=) in isolamento precauzionale
5 (=) deceduti
Cambiago Aggiornato il 15/4
18 (+2) casi
3 guariti
12 (=) in quarantena domiciliare
1 decesso
Carugate Aggiornato il 15/4
92 (+9) casi positivi di cui
13 (=) deceduti
11 casi clinici
11 (+1) ricoverati in ospedale
27 dimessi o guariti
75 in quarantena domiciliare
Cassano d’Adda Aggiornato il 10/4
103 casi totali
24 persone ricoverate
25 quarantena domiciliare
27 dimesse
15 decedute
Cassina De’ Pecchi Aggiornato il 15/4
5 persone guarite
14 (-5) ricoverati
19 persone in quarantena domiciliare
1 ricoverata presso RSA il Melograno
1 ricoverata presso RSA Pessano con Bornago
4 casi di persone non residenti a Cassina
4 (=) deceduti
53 (+3) persone con sintomi non sottoposte a tampone
Cernusco sul Naviglio Aggiornato il 15/4
100 (+3) positivi
22 (+1) decessi
64 (+4) dimessi
Cologno Monzese Aggiornato il 20/4
283 (-2) casi positivi di cui
119 (+3) totale persone dimesse
85 (-2) in quarantena a casa
79 (-3) ricoverati
79 (+17) persone con sintomi in casa (casi clinici)
47 (0) persone positive in casa
66 (=) deceduti
Gessate Aggiornato il 20/4
32 (=) attualmente positivi
11 (=) deceduti
1 (=) guarito
Gorgonzola Aggiornamento del 20/4
18 (-1) persone positive
88 (+9) in quarantena domiciliare
21 (+6) presso Vergani e Bassi; 8 (+1) in altre RSA del territorio
25 (-2) con stretto contatto di persona positiva
11 (+1) decessi
Inzago Aggiornato il 20/4
68 (-1) casi totali di cui
13 (-1) in ospedale di cui 3 dalla RSA Marchesi
55 in quarantena domiciliare di cui 19 sono ospiti della Casa di riposo Marchesi
9 (+1) il totale dei decessi, di cui un ospite dalla casa di riposo Marchesi
Melzo Aggiornato il 17/4
121 (31) positivi di cui
15 (-9) ricoverati
81 (=) in quarantena precauzionale
17 (+4) decessi
Pessano Con Bornago Aggiornato il 18/4
50 (+1) attualmente contagiate
7 segnalate dai medici di base
10 (+3) deceduti
7 (+5) guariti
Pioltello Aggiornato il 9/4
198 contagi
550 in quarantena
33 deceduti
8 guariti
Pozzuolo Martesana Aggiornato il 20/4
44 (+2) positivi di cui
6 (-2) ricoverati
3 (=) decessi
Segrate Aggiornato il 18/4
144 casi
55 guariti
26 (+1) decessi
Vignate Aggiornato il 13/4
47 (+10) casi
5 (+3) deceduti
Vimodrone Aggiornato il 17/4
91 (+17) casi
15 (=) deceduti
23 (+13) persone con sintomi (casi clinici)

Italia e Lombardia

La Protezione Civile il 20 aprile alle 18.00 ha riportato i seguenti dati per l’Italia: 181.228 (+2.256 ) i casi totali dall’inizio della pandemia. Le persone attualmente positive sono 108.237 (-20), di cui 80.758 (+169) si trovano in isolamento domiciliare, 24.906 (-127) sono ricoverati con sintomi e 2.573 (-62) si trovano in terapia intensiva. Sono 24.114 (+454) i deceduti e 48.877 (+1.822) i guariti. Il numero totale dei tamponi effettuati è di 1.398.024 (+41.483).

In Lombardia la situazione alle 17.30 del 20 aprile era la seguente: il totale di positivi è di 66.971 (+735) di cui 901 (-21) si trovano in terapia intensiva e 10.138 (-204) sono ricoverati. Il numero delle persone dimesse dalle strutture ospedaliere è di 43.011 (+252). Il numero dei decessi è di 12.376 (+163). A Milano, la provincia lombarda in cui si registra il numero più alto, al momento si contano 16.112 (+287). Il numero totale di tamponi effettuati nella regione è di 270.486 (+6.331).

No Banner to display

Pessano, aperto il bando per l’assegnazione degli orti

immagine di repertorio

E’ stato aperto il bando per l’assegnazione degli orti comunali a Pessano con Bornago. E’ possibile presentare la domanda fino al 26 febbraio tramite il sito del Comune. Per partecipare al bando è necessario essere residenti a Pessano con Bornago e non possedere o avere in godimento spazi verdi in Pese adibibili a coltivazione.

Le tipologie di assegnazione

Possono innanzitutto chiedere l’assegnazione di un orto comunale i pensionati o le persone in attesa di pensione di almeno 55 anni che dovranno presentare un’autocertificazione medica che attesti la loro idoneità fisica con la coltivazione. A fare la richiesta potranno essere inoltre le persone con una invalidità non inferiore al 74%, maggiorenni e che siano in ogni caso in grado di gestire un orto.

Ma spazio viene dato anche ad enti e associazioni. Possono infatti presentare la richiesta i rappresentanti legali di enti no profit, scuole e associazioni di volontariato con la sede operativa e legale a Pessano Con Bornago. Questi soggetti, però, per ottenere l’assegnazione devono presentare anche una progettualità con finalità sociale legata all’orto.

No Banner to display

Per i 7 martiri di Pessano con Bornago c’è anche Nando Dalla Chiesa (fotogallery)

Un corteo gremito quello che ieri, domenica 10 marzo, ha celebrato il 74° anniversario della morte dei sette martiri partigiani, trucidati dalle truppe nazifasciste nel 1945.

IL CORTEO

I cittadini si sono dati appuntamento alle ore 10.00 presso il Municipio di Pessano, dove sono state ricevute le delegazioni e si è reso omaggio al Comandante Gino Prinetti, che sacrificò la propria vita durante la lotta di liberazione nazionale. Il corteo ha attraversato poi le vie del paese, passando per il Cippo dei sette martiri e giungendo in Piazza della Resistenza.

UN OSPITE D’ECCEZIONE

Quest’anno la celebrazione ha potuto contare anche sulla presenza di un ospite speciale. Al corteo ha partecipato infatti anche Nando Dalla Chiesa, sociologo e Presidente Onorario di Libera, che ha speso parole di grande apprezzamento per la città di Pessano, arrivando a definirla una «grande comunità solidale e democratica». Il sociologo è poi intervenuto con un discorso sull’importanza della memoria.

«Con il tempo ho imparato a capire che la memoria è una delle più grandi risorse di cui disponiamo – ha spiegato – perché se non c’è memoria il resto perde senso. Si tratta di una precondizione assoluta che va coltivata con intelligenza, sensibilità e attenzione».

«La memoria è di tutti. Non è soltanto la memoria della Resistenza o della shoah. È anche la memoria delle foibe, del genocidio armeno o dei migranti morti nel Mar Mediterraneo. La memoria deve essere totale: non può essere mutilata».

Presenti alla manifestazione anche numerose personalità politiche, tra cui i Sindaci Alberto Villa di Pessano con Bornago, Luca Veggian di Carate Brianza, Luca Maggioni di Carugate, Curzio Rusnati di Bussero.

FOTOGALLERY

No Banner to display

Lombardia, inquinamento: dal 1° ottobre novità per la circolazione

In un periodo in cui il tema dell’inquinamento globale è al centro del dibattito pubblico gli enti si attrezzano al meglio. Tra loro c’è Regione Lombardia che ha stabilito che da domani, Martedì 1° ottobre, sarà vietata la circolazione a tutti i veicoli euro 3 diesel. Il blocco sarà attivo dal Lunedì al Venerdì, dalle 7.30 alle 19.30.

MONITORAGGIO VEICOLI INQUINANTI

Il 1° ottobre Regione Lombardia farà partire anche un progetto sperimentale, MoVe-in (Monitoraggio Veicoli inquinanti) che permetterà, a chi possiede veicoli benzina euro 0 e diesel euro 0, 1, 2 e 3, di ottenere una deroga  sui blocchi vigenti e poter utilizzare quindi il proprio per percorrere determinate distanze. Tutto questo sarà possibile grazie ad una scatola nera che potrà essere installata sul mezzo in grado di rilevare, grazie al collegamento satellitare, le distanze realmente percorse. Se interessati è possibile aderire al sistema da ottobre tramite un’ applicazione specifica.

E I VEICOLI COMMERCIALI?

Il bando, per piccole e medie imprese, che prevede incentivi per la demolizione di veicoli commerciali (ad oggi diesel fino ad Euro 4 e benzina fino ad Euro 1) sarà prorogato, con un aggiornamento dei criteri di accesso, fino al 2020.

AREA B

Sempre da domani, Martedì 1° ottobre, all’interno dell’Area B di Milano non potranno circolare i veicoli diesel Euro 4 senza FAP. I proprietari di questi veicoli disporranno comunque di un “pacchetto” di 50 ingressi in deroga (qui maggiori informazioni).

No Banner to display

No Banner to display