mercoledì, 12 Maggio 2021

Coronavirus, la ciclovia del Naviglio chiude anche in settimana

Dopo la decisione di chiudere l’alzaia del Naviglio il weekend, è arrivata oggi, 22 marzo, l’estensione del divieto anche agli altri giorni della settimana. Un chiusura totale che è prevista fino ad almeno Domenica 29 marzo. Il tratto interessato dal divieto è quello della ciclabile che parte da Cologno Monzese e arriva a Cassano d’Adda e di quello del Villoresi che va da Inzago a Pessano con Bornago.

La decisione

Sedici sono stati i Sindaci che si sono espressi unitamente nella decisione di chiudere: Cologno Monzese, Vimodrone, Cernusco sul Naviglio, Cassina de Pecchi, Bussero, Gorgonzola, Bellinzago Lombardo, Inzago e Cassano d’Adda per quanto riguarda la Martesana e da quelli dei Comuni di Inzago, Masate, Gessate, Cambiago e Pessano con Bornago per il Villoresi.

«Questa nostra scelta integra le disposizioni di ieri del Consorzio Villoresi circa la chiusura delle alzaie dei canali a gestione diretta e crediamo possa aiutare ancor di più a contenere la diffusione del contagio nelle nostre comunità, nella stessa direzione delle ulteriori restrizioni prese ieri da Governo e Regione Lombardia. – ha dichiarato a una sola voce il gruppo di Sindaci – Un sacrificio, lo sappiamo, ma un messaggio se possibile ancora più chiaro: restiamo a casa!»

No Banner to display

English4Good: una scuola digitale al servizio della comunità

English4good, progetto pessanese cui fondatrice è la 24enne Ilenia Romani

Con l’inizio dell’emergenza sanitaria c’è chi si è visto costretto a fermarsi e cessare temporaneamente ogni attività lavorativa. Ma c’è anche chi ha approfittato della situazione per non rimanere con le mani in mano e attivarsi per il bene della propria comunità. È il caso di English4Good, una scuola digitale nata per imparare l’inglese in compagnia, ma che allo stesso tempo permette anche di supportare le realtà attive nella lotta contro il Covid-19.

Imparare l’inglese facendo del bene

L’iniziativa, interamente gestita da studenti universitari, offre lezioni online a ragazzi e adulti di ogni fascia d’età. In cambio, gli insegnanti non chiedono soldi per sé, ma una donazione a una delle tante organizzazioni impegnate per superare la crisi sanitaria ed economica.

«Non chiediamo alcun compenso per le lezioni – ha spiegato Ilenia Romani, 24enne di Pessano con Bornago e fondatrice del progetto -. Ci limitiamo a suggerire alcune cause a cui lo studente può fare donazioni, per esempio la Croce Verde di Pioltello o La Grande Casa».

English4Good è nata a metà marzo – a poche settimane dall’inizio dell’emergenza – e in poco più di due mesi è riuscita a raccogliere quasi 1000 euro di donazioni, destinate a undici realtà diverse.

«Questa iniziativa è nata insieme ad alcuni amici che, come me, facevano lezioni di inglese – ha proseguito –. Allo scoppio dell’epidemia abbiamo pensato di adeguarci alla situazione e di fare la nostra parte per aiutare chi stava facendo qualcosa di buono durante l’emergenza. Con il passare del tempo abbiamo avuto sempre più richieste e ora per fortuna l’iniziativa sta prendendo piede velocemente».

La collaborazione con Aleimar

Il successo riscosso dall’iniziativa ha spinto i volontari di English4Good ad andare oltre le semplici lezioni di inglese e iniziare a collaborare con organizzazioni più strutturate, come Aleimar, un’associazione di Melzo che ha recentemente vinto un bando per offrire il proprio sostegno agli studenti dell’Istituto Iqbal Masih di Pioltello.

«Alcune scuole della nostra zona hanno riscontrato diversi problemi nell’organizzazione della didattica in questi mesi», ha spiegato Ilenia Romani. «Perciò, Aleimar ha iniziato ad offrire il proprio supporto psicologico, tecnico e soprattutto didattico. Ed è qui che siamo entrati in gioco anche noi: ogni pomeriggio ora facciamo lezione a 135 ragazzi».

I piani per l’estate

Con l’estate alle porte e l’incertezza che aleggia intorno alla riapertura dei centri estivi, i ragazzi di English4Good hanno iniziato a pensare anche ad una serie di iniziative per i mesi a venire.

«Adesso stiamo lavorando a School4Good, una proposta per l’estate destinata alle scuole e agli oratori della zona, che includa lezioni di potenziamento, peer to peer education e anche uno spazio aperto di discussione, per i bambini delle elementari ed i ragazzi delle medie».

L’idea è di continuare a proporre lezioni online. Dopodiché, se la situazione lo permetterà, si cercherà di organizzare corsi face to face, così da permettere ai tanti ragazzi che hanno perso ore di scuola di recuperare parte del programma.

«È un progetto ancora in divenire – ha concluso Ilenia Romani –. Abbiamo visto che il bisogno di aiuto scolastico c’è, e non solo per l’inglese. Dall’altro lato, anche l’offerta non manca: ci sono tanti ragazzi che vogliono fare volontariato e sono pronti a mettersi in gioco. Credo che sia un progetto virtuoso, che può aiutare a diffondere uno spirito di comunità».

No Banner to display

10 milioni di euro alle start-up innovative: il nuovo bando di Regione Lombardia

Regione Lombardia aprirà l’11 settembre Archè, il bando rivolto alle start-up innovative, culturali e creative del territorio lombardo. Uno stanziamento di 10 milioni e 400 mila euro per sostenere le nuove realtà imprenditoriali, sia piccole e medie imprese che professionisti, con l’obiettivo di offrire loro un futuro più competitivo, innovativo e tecnologico.

Sostegno alle nuove attività

La misura mira a sostenere, con una specifica attenzione, le start-up che hanno la necessità di un sostegno pubblico per trovare sbocco nei nuovi mercati.  Questo allo scopo di sviluppare esperienze di co-innovazione in particolar modo per rispondere agli effetti della crisi innescata dal Covid-19.

«Questa misura – ha precisato l’assessore allo Sviluppo economico Alessandro Mattinzolidimostra l’impegno di Regione Lombardia nel sostenere con contributi concreti chi affronta la crisi con la volontà di essere innovativi, digitalizzati, creativi aprendo start up. Nonché che garantiscono nuove competenze, servizi e prodotti. Aiuta anche a consolidare quelle esistenti che hanno dimostrato di poter stare sul mercato nonostante tutto».

Lo stanziamento complessivo di 10.400.000 euro sarà suddiviso in due aree. Per le start-up innovative la dotazione sarà di 3 milioni; per le start-up culturali e creative 2,4 milioni. Il bando chiuderà il 18 settembre prossimo.

«Regione Lombardia sostiene concretamente le start-up lombard e questo bando ne è la conferma – ha spiegato l’assessore all’autonomia e cultura Stefano Bruno Galli -. Queste risorse sono un contributo significativo affinché le imprese culturali, che rappresentano un’importante leva per lo sviluppo economico e produttivo, ma anche del capitale umano, possano superare il momento difficilissimo, che ha colpito tutti i settori della cultura lombarda».

 

Augusta Brambilla

No Banner to display

Nuovo Dpcm: sport, ristorazione e cultura i settori più colpiti

Sono valide da oggi, Lunedì 26 novembre, le nuove disposizioni contenute nell’ultimo Dpcm (qui la versione completa) firmato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Un nuovo decreto, l’undicesimo dall’inizio della pandemia, che il Governo ha ritenuto necessario per contrastare l’impennata  dei contagi.

«L’Italia proprio nei momenti difficili riesce sempre a dimostrare la propria coesione e la propria forza – ha dichiarato il Premier in conferenza stampa – Se in questo mese di novembre rispetteremo tutti queste nuove regole riusciremo a tenere la curva epidemiologica sotto controllo. Riusciremo così – ha sottolineato – ad allentare le nuove misure ad affrontare dicembre e ci auguriamo le festività natalizie con maggiore serenità».

Le principali novità 

Scuola

Per gli istituti secondari didattica a distanza al 75% (l’Ordinanza di regione Lombardia prevede didattica online completa per le superiori).

Lavoro

Ulteriore incremento dello smart working nella pubblica amministrazione e raccomandazione di utilizzarlo il più possibile anche nel settore privato.

Ristorazione

Bar, gelaterie, pasticcerie e ristoranti devono chiudere alle 18.00 tutti i giorni della settimana. Dopo questo orario rimane consentito l’asporto fino alle 24 e la consegna a domicilio.

Ai tavoli potranno sedere al massimo 4 persone, a meno che si tratti di un nucleo familiare più numeroso.

Vietato consumare cibo e bevande per strada dopo le 18.00.

Pelestre e piscine

Chiuse palestre, piscine, centri benessere e centri termali.

Cinema teatri e musei

Sono chiusi i cinema e i teatri, mentre rimangono aperti i musei.

Altre chiusure

Sono inoltre chiuse al pubblico le sale gioco, le sale bingo e i parchi divertimento.

Fiere e congressi

Sospese tutte le fiere. Congressi e convegni potranno essere svolti solo con modalità a distanza.

Spostamenti tra Comuni e Regioni

Nessun blocco agli spostamenti, ma resta caldo l’invito a non allontanarsi dal proprio comune di residenza, se non per necessità lavorative o sanitarie.

 

No Banner to display

Coronavirus, i dati in Lombardia di Venerdì 4 dicembre

Sono 4.533  i nuovi positivi oggi in Lombardia, con 42.276  tamponi effettuati, per un rapporto pari al 10,7%. I guariti e i dimessi sono complessivamente 6.015. Continua a scendere il numero di persone ricoverate, oggi meno 233, che arrivano così a 6.792. In terapia intensiva il numero scende di 14 per un totale di 822 ricoveri. I decessi sono 147. Nella provincia di Milano i nuovi positivi sono 1.463. Qui la mappa dei contagi in Martesana

Bollettino Covid Lombardia del 4 dicembre 2020

No Banner to display

Il sito CUBI fuori uso per un giorno a causa di un incendio a Strasburgo

Il mondo diventa sempre più piccolo, tanto che un incendio a Strasburgo, città che sembra essere così lontana da noi, ha, tra le tante cose, avuto conseguenze nella vita di alcuni cittadini della Martesana, che si sono ritrovati il sito della propria biblioteca inattivo. L’incendio ha infatti reso inaccessibile il sistema bibliotecario cubinrete.it per un giorno intero. Bloccati anche i siti di alcuni Comuni nel resto d’Italia

L’incendio

Nella notte tra il 9 e il 10 marzo un incendio ha colpito 4 aree del datacenter di Strasburgo di OVH. All’interno del datacenter erano presenti anche i server di Cubinrete, rete di biblioteche pubbliche di cui fanno parte, tra i tanti, i Comuni di Vimercate, Cassano D’Adda, Gessate, Gorgonzola, Inzago, Pessano con Bornago, Pioltello e Segrate. I server della rete bibliotecaria si trovavano nell’unico edificio rimasto intatto (SBG4) al quale per diverse ore è stata tolta l’energia elettrica in via precauzionale. I server fuori uso non hanno permesso l’utilizzo del catalogo e di altri servizi online, ora funzionanti.

Il sistema è stato ripristinato il giorno seguente

L’11 marzo Cubinrete annuncia sulla sua pagina Facebook: «Siamo tornati online»; già da ieri infatti sono stati ripristinati i sistemi ed è possibile usufruire nuovamente del catalogo e di altri servizi sul sito cubi.medialibrary.it.

L’OVH di Strasburgo, bloccati anche il sito del governo francese e di alcuni Comuni italiani

L’incendio che ha colpito la società OVH, tra le più importanti del settore tecnologia in Francia, ha bloccato diversi siti online, tra cui anche il sito del governo francese. La società possiede 250mila server, offre il proprio servizio di hosting a circa 1,5 milioni di clienti in 17 Paesi (tra cui Italia, Francia, Germania, ma anche Canada, Polonia, Stati Uniti). Le fiamme hanno danneggiato tre dei quattro edifici, senza vittime o feriti. In Italia il danno ha coinvolto alcune istituzioni lungo tutta la penisola: Pavia, Cattolica, Trapani sono solo alcuni dei comuni che, come Cubinrete, si sono ritrovati con i propri siti in “down”.

Giada Felline

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display