mercoledì, 12 Maggio 2021

COLOGNO
L’ASSESSORE PEREGO A ROMA ALL’INAUGURAZIONE DEL PARLAMENTO DELLA LEGALITÀ INTERNAZIONALE

Venerdì mattina l’Assessore alla Cultura, Dania Perego, si è recata a Roma per partecipare, a Montecitorio, all’inaugurazione dell’Anno Accademico del Parlamento della Legalità, in rappresentanza del Comune di Cologno Monzese. Il Parlamento della Legalità, fondato da Nicolò Mannino, che da anni si batte per la lotta alla mafia e all’illegalità, ha lo scopo di promuovere l’educazione dei giovani nelle scuole su questi temi.

L’invito all’inaugurazione per il Comune di Cologno deriva dalla partecipazione dell’Ente al progetto “Crescere ad arte nella legalità”, che vedrà svilupparsi in parallelo un percorso di giustizia riparativa all’interno del carcere e di prevenzione all’interno della scuola. A partire da metà gennaio infatti, tutte le terze medie della città e le classi del biennio del liceo Leonardo Da Vinci, parteciperanno a una serie di incontri organizzati da Luisa Colombo, da anni collaboratrice con il carcere di Bollate.

Alcuni detenuti dunque, attraverso la performance artistica come mezzo di comunicazione ed espressione, toccheranno i temi della prevenzione e dell’educazione alla legalità. L’arte percepita in logica preventivo/formativa per gli studenti e, dall’altra parte per i detenuti, un percorso in termini di recupero sociale.

Siamo felici di aver rappresentato Cologno quest’oggi – ha dichiarato l‘Assessore Perego – in quanto la nostra presenza qui sottolinea, ancora una volta, il grande impegno che la nostra amministrazione sta mettendo sul tema della legalità e della prevenzione”. Soddisfazione anche dal primo cittadino Angelo Rocchi che ha commentato: “La nostra presenza a Roma è a conferma della grande attenzione alla legalità che questa Amministrazione dimostra in ogni frangente, e della attenzione che tutti gli esponenti della mia Giunta Comunale dedicano ad uno dei nodi centrali della nostra attività amministrativa”. 

Una grande attività di educazione alla legalità, portata avanti in un modo nuovo e alternativo, di cui vi daremo sicuramente riscontro nei prossimi mesi.

 

No Banner to display

COLOGNO MONZESE
PEREGO E ROCCHI QUERELANO COCCIRO, ACCUSATO DI DIFFAMAZIONE

Che ci fossero divergenze insanabili tra l’amministrazione di Angelo Rocchi e il capogruppo PD all’opposizione Giovanni Cocciro, era cosa evidente da tempo, con una brusca accelerata a toni forti a partire dall’ormai noto consiglio fiume dello scorso 8 febbraio (qui), e un epilogo che chiude il confronto con una querela per diffamazione partita a firma del sindaco e dell’assessore Dania Perego.

“Il confronto e la dialettica politica sono normali e fanno bene alla città stessa, ma il tutto deve rimanere nei limiti del rispetto reciproco e dei rapporti civili -ha dichiarato Perego- Non sono ammissibili affermazioni diffamatorie al limite dell’insulto provenienti proprio da chi ama riempirsi la bocca di parole come pace e accoglienza. Io e il sindaco abbiamo deciso di procedere per vie legali depositando dai carabinieri un esposto querela nei confronti di Giovanni Cocciro che si è fatto leader di questa campagna di bassa lega.

In quel interminabile consiglio comunale, uno degli argomenti caldi, con tanto di protesta in aula, fu quello della chiusura della Scuola d’Italiano per Stranieri di via Milano, causa per la quale Giovanni Cocciro si è speso (e si sta spendendo) molto, così come Loredana Verzino di CSD. Le dichiarazioni del capogruppo che finiranno al vaglio di un giudice, partono proprio da quel giorno sino ai primi di marzo. Frasi e dissertazioni comparse su Facebook in questi mesi dunque, verranno passate sotto la lente d’ingrandimento per verificare se sussistano i presupposti per il reato di diffamazione del quale Perego e Rocchi accusano il collega del PD.

Spulciando vecchi post su Facebook firmati dal capogruppo Cocciro, si trovano frasi indirizzate all’amministrazione, definita “razzista“, “fascio leghista“, o appellativi indirizzati a Dania Perego definita ironicamente “assessore alla (d)istruzione“. Sono queste, con ogni probabilità, alcune delle frasi finite al centro della querela, azione che Perego e Rocchi intraprendono a titolo esclusivamente personale assumendosi personalmente eventuali oneri. “Non è possibile tacciare la mia amministrazione di razzismo solo per aver scelto di allocare in modo diverso, e non cancellare, le risorse a nostra disposizione sul tema dell’integrazione -ha spiegato Angelo RocchiAbbiamo deciso, in Giunta e poi in Consiglio Comunale,  di usare i fondi disponibili per integrare i nuovi cittadini stranieri partendo dalle famiglie e dalla scuola, con cui abbiamo condiviso il percorso. Credo sia del tutto legittimo rivedere le decisioni intraprese dalle precedenti amministrazioni, i cittadini hanno scelto di cambiare e saranno loro a valutare le nostre azioni. Qualcuno dovrà pur farsene una ragione, prima o poi“.

Da quando il reato di diffamazione mezzo social è equiparato a quello mezzo stampa, va da sé che l’accusa di diffamazione può ritenersi aggravata, come vale per i quotidiani ad esempio, poiché il post su Facebook può raggiugnere un’utenza potenzialmente numerosissima. Recenti sviluppi giudiziari però, potrebbero tranquillizzare Giovanni Cocciro. A gennaio 2017 infatti, il GIP di Milano Maria Vicidomini, archiviò l’accusa di diffamazione mossa da Matteo Salvini (Lega) a Cecile Kyenge (PD), dopo che l’ex Ministra per l’Integrazione aveva definito la Lega un partito razzista. Il fatto non è stato considerato reato dal Giudice milanese, poiché inserito “nell’esercizio del diritto di critica politica” (qui l’ordinanza), e poiché analizzato alla luce del contesto e delle circostanze in cui si è verificato.

“Indipendentemente da questo sono tranquillo -ha spiegato il capogruppo PD- Se il sindaco con queste cose vuole mettere a tacere l’opposizione, si sbaglia di grosso. Non indietreggio di un passo e continuerà a fare il mio lavoro mettendo in luce le azioni scorrette che questa amministrazione opera contro le fasce più deboli della popolazione. Se il giudice deciderà di aprire un fascicolo, sono qui per parlarne“. A sostegno di Cocciro si è espresso anche il segretario PD Colognese Alessandro Morsilli, che proprio su Facebook ha ribadito e chiarito la sua posizione: “Credo che molti cittadini colognesi, non solo del PD, percepiscano gli atti di questa giunta come guidati da una visione xenofoba, che individua nello straniero un nemico da combattere, contrapponendo gli interessi degli italiani a quello degli immigrati, alimentando così una pericolosa guerra tra poveri” scrive il segretario, che conclude poi: “Il razzismo è nel DNA della Lega sin dalle sue origini, un tempo ne erano vittime i meridionali, adesso è il turno degli stranieri. Non si può negare l’evidenza delle cose!  Esprimo a Giovanni Cocciro tutta la mia solidarietà, confermandogli che gli sono vicino in questa battaglia per una società più giusta, dove tutte le persone in difficoltà, indipendentemente dalle loro origini, vengano aiutate!

Sebbene le accuse siano di diffamazione, Angelo Rocchi scoperchia un vaso con questa querela, e spiega come da tempo stesse annotando tutti gli atteggiamenti del consigliere PD durante le sedute consiliari: “Mi sono sentito in dovere di querelare il Capogruppo PD Giovanni Cocciro che in questo periodo sta andando ben oltre il suo ruolo di consigliere comunale -si legge nel comunicato del sindaco. […] Dopo quasi due anni di governo, ho registrato che il Capogruppo del PD Cocciro in Consiglio Comunale ha spesso atteggiamenti provocatori che vanno ben oltre la corretta e utile dialettica politica, questo a mio avviso è controproducente e non fa altro che allontanare i cittadini dalla politica locale, così come riportatomi dagli stessi“.

Dunque una pagina di politica che è indice di un momento davvero triste in cui la comunicabilità tra le parti è pari a zero. Dania Perego, che fa sapere come si stiano attivando ricorsi contro altri singoli che su social hanno espresso critiche fortemente offensive verso al Lega, conclude dicendo: “Siamo stati eletti democraticamente dai cittadini di Cologno Monzese che ci hanno dato mandato di governare secondo il nostro programma elettorale votato a maggioranza. Tutto ciò fa molto arrabbiare chi ormai si vede messo da parte […] Mi auguro che prevalga il buon senso e si ritorni a toni civili e rispettosi per tutti“.

 

No Banner to display

“COMUNiamo”, gli aggiornamenti su Cologno passano in radio

radio cologno

Vuoi avere notizie di quello che accade nel tuo comune? E anche restare sempre aggiornato? L’Amministrazione comunale di Cologno Monzese darà avvio il 12 Novembre al progetto “COMUNiamo” che sarà fruibile tutti i giorni alle 8.45, 12.15 e 17.15 sulle frequenze radiofoniche di Deejayfox Radio Station. L’obiettivo, nato dalla collaborazione con l’emittente cittadina, è quello di fornire un nuovo strumento di comunicazione e informazione dedicato alla Città.

Una nuova voce

Sono tre gli appuntamenti giornalieri per un servizio di informazioni a disposizione della cittadinanza che mira ad arrivare nelle case dei cittadini in maniera semplice e immediata. Si spazierà dalla cultura allo spettacolo, dallo sport all’arte, si potranno seguire gli eventi e le iniziative del Comune, gli aggiornamenti della situazione Covid-19 sul territorio e si potranno ascoltare le interviste e gli interventi direttamente dalle Istituzioni Comunali. 

Tutte le comunicazioni, le novità, le progettualità e gli aggiornamenti dell’Amministrazione comunale potranno essere fruibili direttamente dal Web o dalle App della Radio. 

È possibile ascoltare “la nuova voce” dell’Amministrazione comunale con le App gratuite Android o App Ios oppure dal sito Web della radio con tutti i dispositivi.

Augusta Brambilla

No Banner to display

COLOGNO
I BAMBINI DELLE PRIMARIE SVELANO LA PROPRIA ANIMA IN UNA MOSTRA D’ARTE

Cologno Monzese da spazio ai suoi piccoli artisti !
Tutto avverrà in una mostra che verrà inaugurata l’8 giugno, alle ore 17.00 presso la Chiesa Antica SS Marco e Gregorio di piazza XI febbraio.

Verranno esposti per l’occasione, i lavori realizzati dagli alunni delle scuole primarie nel progetto “Giardini dell’anima”, un percorso artistico, terapeutico e creativo organizzato da “Libero Atelier di attività espressive” in collaborazione con il Comune e l’Azienda Ospedaliera ICP di Milano.

La realtà del Libero Atelier, si propone come laboratorio di terapeutica artistica, coordinato dalla prof.ssa Laura Tonani insieme a Cristina Farina e Mara Sfondrini, dall’ ottobre 1999. Negli anni, il percorso dell’ Atelier si è avvalso di consulenze valide e importanti nel mondo della Psicologia e Psichiatria, quali Silvia Vegetti FinziFausto PetrellaEugenio Borgna e Francesco Marchioro.

La mostra resterà aperta fino all’11 giugno. Per tutti i dettagli e le informazioni, vi rimandiamo alla locandina dell’evento (clicca qui).

AURORA LANZI 

No Banner to display

Cologno, la proposta del PD per affrontare l’emergenza sanitaria

Una mano tesa del Partito Democratico di Colgono Monzese all’Amministrazione comunale per la lotta la covid-19. In città c’è una recrudescenza dei casi, con 181 positivi e un’intera scuola primaria che ha attivato la didattica a distanza dopo che sono risultati positivi 10 alunni in 6 classi su 7 totali.

Un appello alle forze di maggioranza e a quelle di opposizione quello lanciato dai Dem, per limitare la pandemia in città «Come Pd colognese – hanno scritto – vogliamo offrire all’Amministrazione comunale una nostra fattiva collaborazione assieme, speriamo, alle forze politiche di opposizione e maggioranza che devono unirsi senza tentennamenti in questa battaglia per combattere e sconfiggere il virus».

Il piano tecnico e quello politico

Il Pd immagina due piani di interlocuzione, uno tecnico e uno politico.

Per quanto riguarda il primo chiedono di convocare il Comitato Operativo Comunale al quale dovrebbe aggiungersi una rappresentanza dei medici di base, della scuola e della RSA Mantovani, oltre ad un medico del lavoro e un infettivologo.

Sul piano politico, invece, il gruppo di opposizione ha chiesto di istituire una conferenza permanente dei capigruppo «dove si possano confrontare proposte e iniziative tese a combattere l’avanzata del virus e a reperire e convogliare risorse per aiutare i cittadini colognesi in difficoltà».

 

No Banner to display

Cologno, la spesa si fa in base al cognome

Closeup of woman with shopping cart
Closeup of woman with blue color shopping cart.

Un’ordinanza che disciplina l’accesso al supermercato sulla base del cognome per evitare gli assembramenti è stata firmata oggi, Lunedì 6 aprile, dal Sindaco di Cologno Monzese Angelo Rocchi «L’Ordinanza che ho firmato è un atto necessario per limitare al minimo gli assembramenti che si sono verificati negli ultimi giorni – ha scritto il primo cittadino. E’ un atto forte che sicuramente penalizza i tanti cittadini che stanno osservano rigidamente le disposizioni – ha proseguito – ma che si è reso obbligatorio nei confronti di tanti che, con la scusa di andare a fare la spesa, passeggiavano sul territorio senza motivi di urgenza, salute e lavoro. Dopo il 13 aprile, attesi anche ulteriori provvedimenti del Governo – ha concluso – siamo pronti a prorogare queste decisioni con una limitazione che andrà a regolamentari gli accessi su tutta la settimana per il tempo necessario».

L’ordinanza

L’ordinanza disciplina l’accesso a tutti gli esercizi commerciali di Cologno Monzese che vendono generi alimentari: ipermercati, supermercati, discount alimentari, minimercati e altri esercizi non specializzati di alimentari.

Dal 10 al 13 aprile l’ingresso sarà libero, mentre sarà regolamentato Martedì 7 (cognomi che iniziano con A-B-C-D-E), Mercoledì 8 (cognomi che iniziano con G-H-I-J-K-L-M-N-O) e Giovedì 9 (cognomi con iniziale P-Q-R-S-T-U-V-W-X-Y-Z).

Sono esclusi salla regolamentazione degli afflussi il personale sanitario, soccorritore e appartenente alla protezione civile. Non devono rispettare le modalità di accesso in base all’iniziale del cognome neanche gli uomini e le donne della Polizia Locale e delle forze dell’ordine, oltre alle associazioni di volontariato che collaborano con il comune per l’emergenza covid-19.

No Banner to display

COLOGNO – La magia del “teatro disegnato” di Gek Tessaro in scena al Cineteatro “Peppino Impastato”

gek tessaro colognoSarà rivolto soprattutto ai bambini ma lo spettacolo teatrale “La città e il drago”, ma la narrazione magica dell’autore e illustratore di libri per bambini Gek Tessaro promette di tenere col fiato sospeso anche i genitori.

Un “teatro disegnato” il cui intento è quello di riprodurre in immagini i suoni,  le note in segni, le pause in vuoti, i suoni gravi in pennellate più dense, gli acuti in graffi.

Figure d’ombra e sagome animate completeranno l’interpretazione di alcuni brani, nella grande magia della suggestione data dal buio in cui una lavagna luminosa proietterà le immagini ingigantite

L’appuntamento è per sabato 23 Febbraio alle h 15.30 presso il Cineteatro Peppino Impastato di Cologno Monzese (Via Volta) .

INGRESSO: intero euro 6,00 – ridotto euro 5,00 – ridotto “Club dei Ragazzi” euro 4,00

Per informazioni: Cineteatro Peppino Impastato – tel. 02-25308292, Barz and Hippo – tel. 02.95339774

No Banner to display

COLOGNO MONZESE
MEDIAZIONE LINGUISTICA E LABORATORI D’INGLESE NELLE SCUOLE

“Quando si costruisce una casa si parte dalle fondamenta e nella costruzione della comunità di domani è necessario partire dalle nostre fondamenta che sono i bambini, spesso vittime inconsapevoli di gravi situazioni di disagio. Penso che i servizi che stiamo per attivare siano dei validi ed efficaci strumenti per la crescita per la nostra Cologno. Sono soddisfatta di quanto stiamo costruendo”.

Con queste parole l’assessora Dania Perego ha ufficialmente comunicato l’inizio di due progetti pensati per le scuole, ai quali aveva spesso fatto cenno ultimamente, soprattutto relativamente all’ormai nota vicenda della chiusura della Scuola d’Italiano per stranieri. “I soldi verranno dirottati per servizi di mediazione e integrazione nelle scuole“, aveva detto allora Perego, e il 15 marzo la Giunta ha dato il via a questo percorso deliberando servizi di mediazione culturale nelle scuole statali dell’obbligo, nelle paritarie e in quelle per la prima infanzia.

Si tratta di ore di mediazione dedicate per i bambini più in difficoltà, e di corsi d’italiano riservati ai piccoli stranieri che ne avessero bisogno nelle scuole primarie e medie. I progetti sono mirati ad un inserimento più semplice dei bambini stranieri nel mondo scolastico, che possa poi riversarsi su più semplici comunicazioni tra scuola e famiglia, con attenzione particolare a chi si è appena trasferito in città. Questo si evince dal documento comunale, che parla anche di “concretizzare pari opportunità di istruzione, diritto allo studio e favorire il processo di integrazione dei minori stranieri attraverso la promozione del successo scolastico“.

A proposito, il sindaco Angelo Rocchi legge la delibera di Giunta in senso ampio: “abbiamo previsto degli strumenti di integrazione reale e di potenziamento della nostra offerta educativa che, veicolati dalla scuola, potranno senz’altro avere dei risultati molto favorevoli per lo sviluppo equilibrato del nostro tessuto sociale” . La seconda parte del progetto in partenza, non andrà a coinvolgere solamente i bimbi stranieri, anche, ma tutta la popolazione scolastica delle primarie di secondo grado, che potranno usufruire di laboratori per l’approfondimento della lingua inglese.

La comunità annovera una percentuale di residenti stranieri eccezionalmente elevata, che sfiora il 17% -conclude Rocchi- Noi rispetto all’esigenza di una integrazione reale possiamo vantare il dispiego di politiche a tutto campo che partono dalla scuola, per coinvolgere, oltre ai servizi comunali, anche associazionismo, volontariato e  parrocchie  in molteplici attività concertate e condivise”.

 

No Banner to display

Cologno si schiera contro l’invasione turca in Siria

Un voto quasi unanime del Consiglio comunale di Cologno Monzese ha condannato l’invasione turca nel nord della Siria. Non è stato facile arrivare alla votazione, tra disguidi, questioni regolamentari e minacce di astensione.

FIRMA O VOTO? 

Lo scorso Consiglio comunale (17 ottobre), lo stesso documento votato lunedì 4 novembre, era stato letto dal Sindaco, che aveva poi invitato tutti i Consiglieri comunali a firmarlo, lasciando, però, interdette le opposizioni che si aspettavano un voto. Solo l’intervento del Segretario Comunale, che ha spiegato come  non fosse possibile votare il documento perché non inserito all’ordine del giorno per tempo, aveva permesso di proseguire i lavori.

IL SINDACO: «VALUTERO’ SE ASTENERMI»

Le opposizioni avevano promesso di portare in votazione la risoluzione nel Consiglio successivo e così è stato. Mossa strumentale per il Sindaco, che ha bollato come perdita di tempo «votare un documento già sottoscritto», minacciando un’astensione al momento del voto.

GLI APPELLI

Dall’opposizione alla maggioranza, anche se con toni diversi, si è sollevato un appello rivolto al primo cittadino. Dal Consigliere Luciano Cetrullo (PD) che, in nome dell’unità su un tema di questo tipo, ha invitato il sindaco «a ravvedersi rispetto alla sua intenzione di astenersi», fino al collega Giovanni Cocciro (capogruppo PD) che ha ricordato come il documento sia stato «valutato, concordato e fatto insieme».

L’appello più importante, però , è arrivato dai banchi della maggioranza. «Chiedo al sindaco di ravvedersi sulla sua posizione, pur condividendola – ha detto la Consigliera Rosalia Brasacchio -. Le strumentalizzazione spero terminino perché di fronte a dei fatti così tragici e gravi sono inaccettabili».

Segnali che hanno colto nel segno e raggiunto lo scopo, visto che al termine della discussione il Sindaco ha comunicato il suo voto favorevole a una risoluzione approvata con 18 voti favorevoli e un solo contrario, quello di Lorenzo Corradini di Casa Pound che ha ribadito in aula le motivazioni già espresse con un post su Facebook.

No Banner to display

COLOGNO
ARRIVA L’8° EDIZIONE DEL GREEN VOLLEY FOR AFRICA. SPORT E BENEFICENZA

Cologno Monzese rinnova per l’ottava volta il suo appuntamento con SPLASH!,
il Green Volley for Africa, che si terrà sabato 28 e domenica 29 giugno.

l’8° edizione dell’evento di beneficenza e sport, si terrà presso la Piscina Comunale, in via Carlo Alberto Dalla Chiesa 49, dove nel week end si svolgeranno i tornei di pallavolo 4 contro 4 misto (sabato) e 4 contro 4 femminile e maschile (domenica).

Anche questa volta il ricavato andrà a sostegno dei progetti di cooperazione sociale dell’associazione “Jiango Be Africa” , gruppo di giovani colognesi che dal 2006 si è unito per portare avanti percorsi di aiuto concreto per le popolazioni della Repubblica Centroafricana.

AURORA LANZI

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display