Il C.C. Area di Carugate riparte alla grande con la musica dal vivo

Una programma musicale a 360 gradi: dal garage-rock all'alternative R&B, con punte di ska, passando per la "roda de cholo" brasiliana.

area carugate

Dopo un finale di 2022 all’insegna della musica live, il palco del C.C. Area di Carugate torna a infiammarsi con una programmazione musicale di tutto rispetto, attestandosi ancora una volta come punto di riferimento per la musica dal vivo in Martesana.

Tra band emergenti e gruppi affermati, la programmazione artistica realizzata per i primi mesi dell’anno spazia dalle sonorità più familiari del rock, jazz, blues e dello ska, fino ad arrivare alle note più particolari della tradizione brasiliana, passando dalle nuove tendenze della musica psyco-folk e dell’alternative R&B.

C.C. Area di Carugate: trent’anni di storia

Dal lontano 1986, rappresenta una vera e propria istituzione nella promozione di eventi culturali, sociali e politici, ma anche di mostre, concerti e incontri, che ha coinvolto nell’organizzazione e nella gestione delle attività diverse generazioni, mantenendo allo stesso tempo saldi e al centro del progetto i propri valori e la propria mission.

Il C.C. Area non è un bar, né una discoteca, ma un luogo di incontro e di aggregazione dove sperimentare percorsi di cittadinanza attiva in maniera libera e volontaria. Una tradizione che le “nuove leve”, hanno ereditato e portano avanti con impegno e dedizione e che nell’ultimo periodo si è espressa nella programmazione artistica e musicale di alto livello.

«Perché la scelta di frequentare ed essere socio di questo spazio –sottolineano i membri del consiglio direttivo– è libera ma deve avvenire necessariamente nel rispetto dei principi che lo costituiscono».

Il programma musicale

Gennaio e febbraio: otto band per otto live, la musica dal vivo al C.C. Area diventa un appuntamento fisso.

20 GENNAIO – RODA DE CHORO (strumentale brasiliana)
Lo “choro” è la più importante musica strumentale brasiliana, da cui sarebbero poi nati il samba e la bossa nova. Una “roda de choro” è un punto di ritrovo informale in cui musicisti e cantanti dialogano suonando i celebri temi della tradizione. Il gruppo milanese della Roda de Choro ha iniziato il suo percorso nel 2014. Le loro “rodas” hanno colorato diversi luoghi del capoluogo lombardo e fuori dalla città: Scighera, Enosud, C.I.Q, Jazz Café, 10gradi Nord, Vigevano, Consolato Brasiliano, Arci Pecco (Valchiusella), ecc…
21 GENNAIO – WET FLOOR (garage-rock)
Band garage-rock attiva dal 2005. Dopo svariati concerti nell’hinterland milanese e due EP, nel 2011 la band presenta il primo album autoprodotto “L’effetto del Curaro”, che li porta sui palchi più importanti del territorio milanese tra cui Magnolia e Carroponte, fino alla partecipazione al MEI Supersound di Faenza (RA).
Nel settembre 2014 esce il secondo lavoro ufficiale, “Profezia in 12 Pezzi”, registrato al Crono Sound Factory di Vimodrone con Simone Sproccati.  Alla sua uscita segue un fitto calendario live, che porta la band a suonare in molti locali della Lombardia (Bloom, Carroponte, Circolo Ohibò, tra gli altri), e in apertura di alcune importanti band (Gazebo Penguins, Giorgio Canali, Voina, Giorgio Ciccarelli, Canova, ecc). Nel2018 lavorano al nuovo album “La città era piena di rumore”, uscito il 10 aprile 2020.

28 GENNAIO – SPAZIO BIANCO (skapunk)
Band nata in Martesana, composta dai «sei orchi ed una principessa, per una musica ska da favola». Lo Spazio Bianco nel 2011 e l’anno dopo cominciano a salire sui palchi della zona, partendo da Trezzo sull’Adda, passando per Bussero e Cassano d’Adda. Hanno condiviso concerti con le più importanti band skapunk d’Italia, come i Matrioska o gli Shandon.

4 FEBBRAIO – THE BRIGHTEST ROOM

«Musica per chi ama la pioggia e film e immagini in bianco e nero». Questo è il manifesto dei The Brightest Room, progetto inizialmente solista, che si è poi evoluto in una band in cui ognuno contribuisce con le sue idee e dopo il secondo album ne stanno preparando un terzo.

11 FEBBRAIO – TAMASHI PIGIAMA (alternative R&B)

Progetto di alternative R&B: mescolano l’essenza improvvisativa del Jazz con elementi dell’Hip Hop e del Soul, con incursioni che vanno dall’elettronica all’Afrobeat. Il risultato è un suono fresco con testi ironici e disillusi, ispirato alle sonorità di progetti come Anderson Paak, Hiatus Kaiyote, Tom Misch, Thundercat. Il loro primo singolo “What It Takes” esce a Settembre 2021 e precede il primo album “Tamashi Pigiama”, uscito a Novembre.

17 FEBBRAIO – PAINT BOX (psyco-folk)

Nuovo progetto psycho-folk suonato tutto in acustico. Sullo stile british a cavallo tra i ’60 e i ’70, con voce, due chitarre e violoncello, richiama le atmosfere psichedeliche tipiche del genere, talvolta oscure e suggestive, talvolta gioiosamente fiabesche. Repertorio completamente originale, frutto del lavoro creativo di Pes (Paintbox, voce e chitarra acustica), con arrangiamenti dell’ottimo bluesman Roberto Cava alla chitarra elettrica e le finiture di Federico Parnanzini al violoncello.

18 FEBBRAIO – THE HOUSE OF WAX (garage-rock)

Band garage-rock energetico ispirato a band storiche come “The Fuzztones” “The Cynics” “The Nomads” “The Morlocks”. I The House Of Wax nascono nel 2011: il progetto ha l’intenzioni di creare e produrre brani inediti, perché sarebbe stato più semplice mettersi a suonare cover, ma ci sarebbe stata poca possibilità di essere creativi. Vogliono essere attivi e proattivi, e non solo semplici esecutori.

L’ingresso è sempre gratuito con tessera ARCI.

Orario inizio concerti 21.30 – C.C. Area – Carugate – Via G. Garibaldi, 26

Orario fine concerti 24:00

Per tutte le informazioni è possibile consultare la pagina Facebook dell’Area di Carugate 

Scarica qui il programma completo dei concerti