A Cologno Monzese l’evento “Educare oggi”

Tre appuntamenti per parlare della relazione educativa genitori-figli ai tempi del Covid-19

teenager
teenager

Il Covid-19 ha cambiato qualcosa nella relazione educativa? A Cologno Monzese è in partenza la rassegna “Educare oggi: la relazione educativa in famiglia genitori & figli adolescenti”. Un ciclo di tre incontri che si terranno il 6, il 13 e il 20 maggio, dalle 18.00 alle 19.30, gratuiti e online, con l’intento di dare voce a temi importanti, grazie alla collaborazione di Daria Casiraghi, psicologa e psicoterapeuta, e la partecipazione della presidente dell’Associazione Creare Primavera Odv Giovanna Celso.

No Banner to display

Una sfida educativa

La “Fondazione con i Bambini” ha finanziato il progetto triennale “Come pietre nell’acqua”, elaborato dalla Cooperativa di Arti e Mestieri Sociali, capofila del progetto, e l’Associazione Creare Primavera Odv, il Comune di Cologno Monzese e altre realtà sociali del territorio sono partner attiva di questo progetto che si occupa di Comunità Educante e Botteghe Esperienziali.

«Botteghe Esperienziali organizza laboratori come, solo per citarne alcuni, creazioni di gioielli e laboratorio di falegnameria, e ha in progetto di realizzarne uno che tratti di Street Art – ha dichiarato Alessandro Bonsaver coordinatore del progetto – Il nostro intento è quello di accattivare i ragazzi, delle Scuole Medie e fino all’ultimo anno delle Superiori, attraverso percorsi interessanti e ricchi di belle novità».

L’azione “Comunità Educante” si è concretizzata con “Educare Oggi”, un percorso formativo avviato tre anni fa e che ha coinvolto, nel primo anno, gli educatori e i tecnici del settore, nel secondo anno gli insegnanti delle Scuole Medie di Cologno Monzese e quest’anno, per il terzo anno, le famiglie tramite i Comitati dei Genitori e l’Amministrazione comunale.

Ascolto e confronto

La pandemia ha cambiato abitudini e stili di vita e ha modificato le relazioni personali e familiari, soprattutto con i figli nell’età dell’adolescenza che hanno subito e sofferto, più di tutti, questa condizione di disagio e di privazione. 

«Il titolo della rassegna è esemplificativo della nostra volontà di cercare di gestire al meglio la relazione con il figlio adolescente, in questo periodo pandemico, in uno spazio temporale in cui si sviluppa, cresce e si fortifica – ha sottolineato Alessandro Bonsaver – Le serate saranno un momento di formazione per le 30 famiglie iscritte e, insieme, cercheremo di fare emergere la loro voce unitamente ai loro bisogni».

Il primo appuntamento, dal tema “L’adolescente in famiglia…”, è fissato per il 6 Maggio. Il 13 Maggio si parlerà di “L’adolescente e il gruppo dei pari…” e l’ultimo incontro, il 20 maggio, sarà dedicato a “L’adolescente e la scuola …al tempo del Covid-19”. 

«Iniziative di questo tipo sono preziose perché l’attenzione verso il mondo giovanile è fondamentale, non solo per il loro futuro, ma per gli adulti e per tutta la società – ha concluso Alessandro Bonsaver – L’esperienza educativa al bello offre l’opportunità per migliorare e evolvere nel miglior modo possibile».

Augusta Brambilla