“Calendario dei liscatesi”, al via il contest fotografico

Al centro della settima edizione i nostri amici a 4 zampe

Liscate ha lanciato la settima edizione del concorso fotografico dal tema “Un animale per amico”, volto alla realizzazione del progetto “Calendario dei Liscatesi” 2021 a cura dell’Amministrazione comunale. L’obiettivo dell’iniziativa è quello  di promuovere e sostenere le risorse umane presenti sul territorio che concorrono a vivacizzare la comunità liscatese.

12 foto per 12 mesi dell’anno

Il concorso è aperto a tutti i cittadini, residenti e non, a partire dai 14 anni di età e a tutte le realtà operanti sul territorio comunale. 

Ciascun partecipante potrà dare libero sfogo alla propria fantasia e espressività nel rappresentare i “momenti aggregativi e associativi della vita di Liscate” in tutte le sue forme attraverso il proprio “obiettivo” e la propria sensibilità. Ogni concorrente può inviare al massimo tre fotografie in bianco e nero o a colori, in formato digitale e orientate in orizzontale e dovranno essere opere inedite. 

La partecipazione è gratuita. Le fotografie dovranno essere inviate esclusivamente tramite email a scuola.liscate@unioneaddamartesana.it entro e non oltre il 13 novembre 2020 alle 12.30 unitamente alla scheda di partecipazione compilata e firmata.

 Le immagini verranno valutate da una Giuria, che individuerà le migliori fotografie tra le quali sceglierà le dodici fotografie vincitrici da pubblicare sul calendario e che saranno poi proclamate durante l’evento “Il calendario dei liscatesi”, aperto a tutta la cittadinanza.  Tutte le restanti fotografie saranno allestite in una mostra fotografica. 

«Abbiamo scelto un tema che ha un duplice scopo – ha sottolineato Elisabetta Seghizzi, assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione – Sensibilizzare tutti noi ad un atteggiamento corretto, rispettoso e responsabile verso gli altri animali e, visto l’anno difficile che abbiamo passato, pensare che “Un animale per amico” possa regalareper ogni mese del 2021 un sorriso a ogni nostro cittadino grazie al calore che gli animali infondono».

Qui maggiori informazioni

Augusta Brambilla