Da Modena a Milano: il talento del pallavolista Matteo Meschiari

Passa anche da Gorgonzola la storia del giovane giocatore che debutta con l’Allianz PowerVolley Milano in serie A

Attraversa la Martesana il talento di Matteo Meschiari, classe 2002, pallavolista, modenese di origine e milanese di adozione, in forza all’Allianz PowerVolley Milano in Super Lega per la stagione 2020/2021. Per lui, giovane atleta, è la realizzazione di un sogno con una delle squadre più importanti del campionato di volley maschile di serie A. Vive a Segrate, ma a Gorgonzola frequenta l’Istituto Tecnico/Liceo Scientifico Tecnologico “G.Marconi”.

Una grande passione 

Matteo Meschiari si approccia allo sport come portiere del Sassuolo Calcio, ma il destino ha in serbo per lui ben altra strada. Il suo esordio nella Scuola di Pallavolo “Anderlini” della sua città natale avviene per puro caso «Due miei amici, compagni di scuola, che giocavano proprio nell’Anderlini, mi hanno spinto a provare con la pallavolo e ho accettato – ha dichiarato Matteo Meschiari – Da lì in poi mi sono dedicato al volley, che mi appassiona tantissimo».

Nel 2018 viene chiamato a Milano e milita, per due anni, nella squadra giovanile “PowerVolley Diavoli” in serie B.  Nel 2019 vince il titolo di Most Valuable Player del Trofeo regionale Under 18 e il Most Valuable Player del Memorial “Bruno Lubatti”, torneo nazionale under 18 maschile che si svolge nella città di Cuneo. 

«A Milano ho vissuto un’esperienza bella che, grazie anche all’appoggio dei miei genitori Paolo e Alida, ha mostrato tanti e differenti lati positivi – ha commentato Matteo Meschiari – Ho trovato, sin da subito, un clima di affiatamento con i compagni di squadra, lo staff tecnico e la dirigenza. Persone competenti e disponibili a farmi crescere e maturare».

La parentesi gorgonzolese 

A Modena era iscritto all’indirizzo biologico dell’I.I.S “Selmi” dove ha frequentato i primi due anni delle superiori mentre al Marconi di Gorgonzola ha scelto l’indirizzo informatico.

«Qui sono stato ben accolto sia dai docenti che dai compagni di classe – ha commentato Matteo Meschiari – Tutti mi sono stati vicini e mi hanno aiutato molto in questo percorso professionale e di vita. Un ringraziamento particolare lo rivolgo al professor Mauro Bertola, appassionato sportivo, che, sin dal primo giorno, mi ha sostenuto e incoraggiato a non mollare mai».

Il mio hobby preferito

Con i suoi 201 centimetri di altezza Matteo Meschiari è uno schiacciatore, con licenza di attaccare da zona 1, quindi da opposto quando è in seconda linea. Un debutto importante in SuperLega, il massimo campionato maschile di volley, per un giovane fuoriclasse che ha visto coronare il sogno di una “storia a lieto fine”.

«Amo il mio ruolo di schiacciatore che unisce potenza, precisione e varietà di colpi – ha spiegato Matteo Meschiari – Sono contentissimo, euforico e un po’ incredulo di poter vivere quello che io ho sempre creduto un sogno: allenarmi e giocare con i grandi campioni».

Il futuro della neo promessa è nei grandi sorrisi e nella pacatezza dei modi che rivelano un ragazzo educato e affabile «La pallavolo è il mio hobby preferito e una passione che mi accompagnerà per tutta la vita – ha concluso Matteo Meschiari – Guardo al domani con la consapevolezza di avere la possibilità di vivere una grande emozione e di continuare a crescere, sperimentare e migliorare. Il mio arrivo qui è un punto di partenza verso nuovi orizzonti e nuove sfide con la certezza di dare sempre il meglio. Per me stesso e per la mia squadra».

Augusta Brambilla