Coronavirus, le regole dell’emergenza tradotte in 7 lingue

L’Agenzia per la Tutela della Salute di Bergamo, nello stato di emergenza a causa del Coronavirus, ha avviato un importante progetto di diffusione delle linee guida tracciate dal Ministero della Salute che riguardano le 10 norme comportamentali per contenere l’epidemia che sono state declinate in 7 lingue straniere e sono diventate fruibili dai cittadini esteri che risiedono in Italia. Prassi utile, seguita anche dall’Ambito Territoriale Distretto 5 della Martesana.

Un progetto di integrazione linguistica-sanitaria

La Cooperativa Sociale Onlus di Pedrengo ha tradotto il testo italiano in sette lingue del mondo: l’urdu – lingua ufficiale del Pakistan parlato in India, Bahrain, Emirati Arabi Uniti, Oman, Qatar e Arabia Saudita -, il punjabi – che si parla in India, nel Punjab, e in Pakistan -, l’arabo, il francese, il blanga o lingua bengalase – che si parla in Bangladesh ed è la terza lingua più parlata in India -, l’inglese e il cinese.
Eleonora Beschi, vicepresidente della Cooperativa Sociale Onlus, ha dichiarato «quando a fine febbraio un’amministrazione comunale della provincia di Bergamo ci ha richiesto la traduzione in 7 lingue del decalogo predisposto dal Ministero della Salute ci siamo attivati immediatamente per predisporla ed inviarla. Il pensiero successivo è stato quello di diffonderlo, attraverso i nostri contatti, istituzionali e non, affinché raggiungesse il maggior numero possibile di cittadini migranti. Ci sembrava importante e doveroso condividere il lavoro svolto per mettere il più possibile chiunque nella condizione di tutelare la propria e altrui salute».

L’Ambito Territoriale Distretto 5

Ed è così che l’iniziativa è arrivata all’Ambito Territoriale Distretto 5 al quale appartengono i comuni di Melzo, Cassano d’Adda, Inzago, Liscate, Pozzuolo Martesana, Settala, Truccazzano e Vignate. Sul sito è possibile consultare il volantino del testo tradotto nelle 7 lingue del mondo e che riassume i 10 comportamenti da seguire:
1)Lavarsi spesso le mani
2)Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute
3) Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
4)Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci
5) Non prendere farmaci antivirali e antibiotici a meno che non siano prescritti dal medico
6)Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
7)Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate
8)I prodotti “Made in China” e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi
9) Contatta il numero verde 1500 se hai febbre o tosse e sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni
10) Gli animali da compagnia non diffondono il Coronavirus

Augusta Brambilla