Covid 19, truffa dei tamponi a domicilio e bufale sul contagio

Anche in Martesana girano bufale relative a presunti contagi. Buone notizie invece da Segrate

Sono molte le notizie che si stanno rincorrendo sul web da quando è stato reso noto l’arrivo del Coronavirus in Lombardia, ed è stato inevitabile il dilagare di bufale, alcune delle quali hanno interessato anche i Comuni della Martesana. Intanto però, buone notizie da Segrate, da cui viene fatto sapere che non ci sarebbe mai stato il caso di contagio all’Ospedale San Raffaele.

Esito negativo al San Raffaele

Smentito il presunto caso di contagio al San Raffaele sull’uomo di 78 anni che era stato ricoverato all’ospedale ai confini di Milano nei giorni scorsi. Secondo ilfattoquotidiano.it, e come ha anche riportato il Comune di Segrate sulla sua pagina facebook ufficiale – a seguito delle verifiche fatte con diversi tamponi il paziente sembrerebbe essere risultato negativo ai test.

Nessun caso di Covid19 a Cologno Monzese

Come ha fatto sapere il Sindaco di Cologno Monzese Angelo Rocchi, la notizia del contagio nel territorio comunale è falsa. La fake-news, diffusa sui social nelle scorse ore, riproduceva una finta schermata del Televideo, creata grazie a un’apposita applicazione, che riportava la seguente scritta: “CoronaVirus hinterland milanese 3 casi a Cologno Monzese zona rossa a San Maurizio a Lambro Sindaco Rocchi ha emanato ordinanza per i residenti di uscire di casa solamente per necessità in caso di malore febbre tosse mal di testa non recatevi non recatevi al pronto soccorso ma contattate numero urgenza 1500.”

Attenzione alle truffe

Non solo bufale in questi momenti di allarme, ma anche truffe ai danni di persone sole e anziani. Sono molte le segnalazioni che si trovano sul web, da parte dei privati e delle Pubbliche Amministrazioni, che avvertono di fare attenzione a presunti operatori sanitari che starebbero effettuando delle telefonate per proporre tamponi a domicilio. Si tratta naturalmente di una truffa e si invita a non accettare alcun tipo di servizio a domicilio e, nel caso di dubbio, a contattare le autorità.