Liberi di scrivere: i vincitori dell’edizione 2019 (video)

Si è concluso con successo Liberi di scrivere 2019, il concorso letterario lanciato dalla Biblioteca di Carugate e giunto alla sua settima edizione. I vincitori sono stati annunciati sabato 11 gennaio durante la cerimonia di premiazione che ha riservato qualche sorpresa ai primi posti della classifica e ha visto il trionfo di Sara Galeotti con il suo racconto “Innocenti manomissioni”.

Grande soddisfazione è stata espressa da Corrado Alberti, Direttore della Biblioteca, e Gianluigi Maino, vicesindaco e assessore alla cultura di Carugate, per i numeri record di questa edizione del concorso. Sono stati infatti 591 i racconti ricevuti, alcuni scritti a quattro mani, per un totale di 593 partecipanti che hanno rappresentato tutte le regioni d’Italia.

La lettura e la valutazione dei racconti ha impegnato per diversi mesi la Giuria di esperti composta dalla giornalista Silvia Calvi, dagli scrittori Elisabetta Bucciarelli, Lello Gurrado e Mirfet Piccolo, Danilo Lamberti del Gruppo Teatro Tempo, Valentina Vogliolo, libraia delle Librerie Coop, e presieduta dal poeta e giornalista Alberto Figliolia (che ci ha raccontato qui i “dietro le quinte” del lavoro della Giuria).

IL RACCONTO VINCITORE: “INNOCENTI MANOMISSIONI”

Per l’edizione 2019 del concorso è stato scelto il tema del “Tempo”. Gli aspiranti scrittori lo hanno interpretato con «macchine del tempo e viaggi nella quarta dimensione, orologiai delle più diverse specie, l’imprevedibile danza della memoria che può soccorrere oppure andarsene», ha commentato il presidente Alberto Figliolia.

Proprio della memoria che può andarsene parla il racconto primo classificato “Innocenti manomissioni”, scritto da Sara Galeotti, di Roma. «Ho scritto questo racconto per ricordare due persone a me care, una coppia di zii, che non hanno avuto figli, ma sono stati un punto di riferimento per tutta la nostra famiglia», ha spiegato l’autrice, che nella vita insegna Diritto all’università. E ha reso omaggio alla loro memoria attraverso quelle “innocenti manomissioni” che erano prima dispetti tra marito e moglie, poi una lettera d’amore e infine il segno della malattia che stava avanzando.

Il giudizio della Giuria è stato unanime per il primo posto, ma il racconto di Sara Galeotti ha incontrato anche il favore del pubblico. Con 877 preferenze su un totale di 2.757 voti “Innocenti manomissioni” è stato infatti il racconto più votato online dai nostri lettori. Per la prima nella storia del concorso, la scelta della Giuria di esperti e quello del pubblico coincidono: Sara Galeotti si è quindi aggiudicata il primo posto in entrambe le classifiche.

Le votazioni sono chiuse, ma a questa pagina potete leggere il racconto vincitore e tutti i 24 racconti finalisti di questa edizione.

I VINCITORI DI LIBERI DI SCRIVERE 2019

Ecco la classifica finale stilata dalla Giuria. I primi dieci racconti sono stati pubblicati in una raccolta disponibile presso la Biblioteca di Carugate e in altri centri di aggregazione della città.

1) “Innocenti manomissioni” di Sara Galeotti
2) “Dieci anni” di Maria Palmieri
3 ex aequo) “Tempo di mezzo” di Luca Degasperi
3 ex aequo) “L’escluso” di Debora Silvestri
5) “Il sogno di Miguel” di Andrea Zarroli
6) “Fedeli al duro accordo” di Gianluca Bartalucci
7) “Memoria” di Luca De Vito
8) “L’ultimo viaggio di Ismaele” di Max Fortune
9) “Bella a metà” di Luana Troncanetti
10) “La stagione dei giochi” di Eleonora Tarabella