PIOLTELLO
QUATTRO EVENTI PER RIAPPROPRIARSI DEGLI SPAZI CITTADINI, DELLA STORIA LOCALE, DELLA COMUNITÀ

Molti lettori ricorderanno l’iniziativa del comune che predispose una precisa cartellonista nelle vie del paese, per raccontare la storia dei luoghi chiave di Pioltello. Ebbene, a distanza di tempo, la voglia di far rivivere le origini della città, prende forma e diventa… divertente.

Pioltello Storica e Divertente” è infatti la rassegna di quattro incontri con la quale l’amministrazione comunale guidata dal Commissario Alessandra Tripodi, vuole ricreare attorno alle origini cittadine, momenti di aggregazione e socializzazione, eventi di divertimento e scoperta riunendo cittadini, artigiani e commercianti.

La manifestazione organizzata dall’associazione pioltellese Officine Buone dopo aver vinto il bando di assegnazione, partirà con un primo appuntamento il prossimo 16 gennaio, e si ripeterà il 23 gennaio, il 6 febbraio e il 27 febbraio (qui la locandina con calendario completo), e ogni incontro seguirà un canovaccio molto simile. Ad accompagnare i cittadini per una passeggiata nella vecchia Pioltello, ci sarà l’esilarante Lunario Vecchio, cantastorie e narratore interpretato da Loris Fabiani, che sciolinerà aneddoti e date, racconti e nozioni sulle origini della città, preparate appositamente dal gruppo degli “otto storici”. Attorno a lui in queste giornate, saltimbanchi, musicisti, cabarettisti, cibo e danze; ospiti di Zelig, giovani band e teatranti, in un’atmosfera di grande festa cittadina che vuole convogliare a sé i pioltellesi, muovendo i passi dalla storia verso il futuro.

“Dopo aver portato a termine il progetto già avviato della ZTL si è voluto proporre occasioni di aggregazione, di incontro, e, perché no, di festa, proprio nei quartieri dove la ZTL è attiva, ma anche nelle altre zone della Città -dichiara il Commissario straordinario Alessandra Tripodi– per offrire ai cittadini la possibilità di godere del proprio territorio, delle piazze, degli spazi aperti, di spettacoli offerti gratuitamente, ma anche di conoscere i negozi dei centri storici e di vivere da vicino la propria Città”.