COLOGNO
MORTI SUL LAVORO. UN EVENTO CON OSPITI ILLUSTRI, TRA CUI IL PROCURATORE GUARINIELLO

Tragica fatalità o delitti contro l’Umanità ?

E’ questo l’interrogativo principale che lancerà l’amministrazione comunale di Cologno Monzese sabato 11 aprile alle ore 9.30 nella sala consiliare di Villa Casati. Si parlerà di morti sul lavoro, di tragedie della nostra storia recente che hanno protato alal morte di decine e decine di persone, con conseguenze anche sul territorio e l’ambiente.

Quali possono essere le responsabilità, e quale la prevenzione possibile da adottare? Se ne discuterà con ospiti di rilievo che porteranno testimonianze fondamentali.

Questo tema è sempre stato al centro della nostra attenzione. Non a caso abbiamo, fin dall’inizio del nostro mandato amministrativo, formalizzato la istituzione di pattuglie di  vigili per le opportune verifiche e controlli all’interno dei cantieri in termini di sicurezza sul lavoro -ha spiegato l’assessore al lavoro Pino Angelico, che coordinerà la serataLa conferenza di sabato è l’ennesimo spunto di riflessione  per continuare nella nostra azione sempre più efficace rispetto a queste tematiche. L’obiettivo non deve essere solo un doveroso ricordo, ma anche la ricerca continua della verità e della giustizia, ed il rigido rispetto delle normative che dovrebbero impedire il ripetersi di queste tragedie”.

E basta leggere i nomi dei relatori della serata in Villa Casati, per capire la portata dell’evento.

Raffaele Guariniello, Sostituto Procuratore della Repubblica di Torino è anche coordinatore del gruppo Sicurezza sul Lavoro e Tutela consumatori. Il suo nome è legato a due cause giudiziarie storiche. Quella del noto “caso Eternit”, che condannò per la prima volta al mondo, i vertici di un’azienda (L’Eternit AG dei fratelli Schmidheiny), costituendo un precedente importante per una serie di processi in tutta Europa. In quel caso i due fratelli furono ritenuti responsabili della morte di numerosi ex dipendenti della fabbrica, deceduti a causa di un mesotelioma da contatto con l’abseto. La seconda vicenda che porta la firma di Guariniello, è quella sciagurata dell’incendio divampato nell’acciaieria Thyssen Krupp di Torino nel dicembre 2007, che uccise sette operai. All’epoca, Guariniello chiuse l’indagine e il processo in due mesi ottenendo la condanna di tutti gli imputati per omicidio volontario.

Con il Procuratore di Torino, ci sarà Antonio Boccuzzi, per 13 anni operaio proprio alla Thyssen, sindacalista all’interno della fabbrica e unico superstite dell’inciendio del dicembre 2007, accomapgnato da Laura Rodinò, Laura De Masi e Luigi Santino, rappresentanti dei familiari delle vittime della Thyssen.

Altro ospite con una testimonianza importante è Bruno Pesce, Coordinatore dell’ Associazione Familiari Vittime Amianto di Casale Monferrato.

Saranno presenti all’incontro anche Michele Michelino, Presidente del Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio, e Fulvio Aurora Segretario Associazione Italiana Esposti Amianto.

FRANCA ANDREONI