CERNUSCO
PARTITO IL CERNUSCO BLUES FESTIVAL. BELL’ATMOSFERA E GRANDE MUSICA

E’ partita l’esperienza del primo Cernusco Blues Festival, unico nel suo genere, perché apre le porte di una Struttura Residenziale per Disabili ad eventi di largo interesse culturale per tutta la cittadinanza.

Con ieri pomeriggio 29 aprile, la kermesse promossa dalla RSD La Parolina e Punto d’Incontro, ha aperto i battenti con due interpreti di grande qualità, Pablo Leoni e Danny De Stefani, che hanno dato sfoggio di grandi doti da bluesmen, proponendo alcuni dei brani più classici del genere, riempiendo il gazebo esterno con un sound davvero di grande impatto.

E’ stato solo un primo appuntamento-test, nel tardo pomeriggio, per rodare la macchina e farsi trovare pronti per i due grandi eventi internazionali di maggio e giugno, quando arriveranno ospiti di alto calibro.

Inizia una nuova avventura per noi -ha spiegato il Responsabile de La Parolina, Roberto Guzziperché per la prima volta la RSD si apre alla comunità e diventa risorsa aperta al territorio, proprio quello che vuole diventare con iniziative come questa. Per le persone con grave disabilità è un piacere poter stare con tanti amici condividendo l’ascolto della buona musica, musica che aggrega, unisce, e crea un terreno comune di esperienza”. 

A registrare questo primo show, anche Radio Mxt, la radio web della Martesana gestita dai giovani dei centri di aggregazione, e tra gli spettatori anche l’esperto di blues di Radio Cernusco StereoBlackjack, conduttore del programma di genere Urban Night, che riserverà sicuramente un piccolo spazio all’esperienza live della RSD La Parolina. 

Quello sentito oggi è un esempio di cultura e intrattenimento -ha spiegato Pablo Leoni, musicoterapista de La Parolina, ma anche musicista e formatore- la musicoterapia abbraccia un rapporto più ampio con al musica, con le sensazioni, con il contatto corporeo e la compensazione affettiva, ed è davvero una via da seguire con le persone che io amo chiamare specialmente abili“.

“A volte suoni in locali dove ti aspetti chissà quale partecipazione dal pubblico -ha raccontato Danny, bravissimo chitarrista blues- e poi invece partecipi a questo evento, e c’è un ritorno che a pelle si sente subito, ed è un’esperienza fantastica“.

I residenti della struttura, gli operatori, le famiglie e gli appassionati del genere, hanno quindi avuto un piccolo assaggio di ciò che riserveranno i due incontri di punta della rassegna, quello con Randolph Matthews il 27 maggio dalle 19.00 alle 21.00, con cena, e quello del 21 giugno con Fiona Boyes sempre alla stessa ora e con cena all’aperto.

Per questi due eventi, sono già previsti un centinaio di spettatori, e a breve vi daremo informazioni in più per poter prenotare un posto a cena mentre il blues internazionale vi terrà compagnia.