CASSINA ELEZIONI
UN CAFFE’ IN RADIO
CON MAURIZIO ATTANASIO

A Radio Cernusco Stereo, il Caffè con il candidato ha visto al microfono Maurizio Attanasio e Paolo Pagani, due dei candidati sindaco di Cassina De’ Pecchi. Potete ascoltare le interviste integrali sul sito della radio, ma nel frattempo ecco i passaggi principali dei trenta minuti con Maurizio Attanasio

 

MAURIZIO ATTANASIO – LISTA CIVICA CASSINA SANT’AGATA
Architetto in pensione, conoscenza di vecchia data di Cassina di cui fu sindaco dal “92 al “95, Maurizio Attanasio ricorda che allora durante la sua amministrazione, aveva due bimbe piccole che lo aspettavano a casa con la moglie, e oggi invece, la bimba piccola è una ed è la sua nipotina. Il tempo passa dunque per il Candidato Sindaco classe “52, nonno con la passione per la barca a vela, che rintraccia differenze e analogie con la sua precedente campagna elettorale anni “90: “Oggi come allora il paese arriva da un momento di grande instabilità politica data dal crollo delle giunte che amministravano il paese, ma a quei tempi si sorrideva perché si era in forte espansione, il bisogno di infrastrutture era in crescita, mentre oggi assistiamo alla chiusura di imprese e attività, una su tutte la Jabil”.

Nokia e situazione lavorativa e occupazionale in paese:
Proprio sulla spinosa e triste vicenda della ex Nokia Siemens, Maurizio Attanasio specifica: “E’ un problema grosso che riguarda Cassina ma che in realtà deve coinvolgere negli interventi anche livelli più alti regionali e statali. Come amministrazione si deve pensare al futuro occupazionale del paese e lo si può fare sulla scorta di due punti: Innanzitutto favorire l’entrata in paese delle aziende attraverso agevolazioni fiscali, abbassamento di alcune tasse o addirittura esenzione da alcuni tributi. E in secondo luogo agevolare le aziende che intendono assumere personale locale“. Ma nell’ Attanasio-pensiero, un occhio di riguardo va non solo alle grandi imprese, ma anche ai commercianti locali, ai piccoli negozianti: “E’ una questione culturale quella che porta al gente a preferire le grandi distribuzioni commerciali, i grandi centri piuttosto che le piccole attività locali. Questo è un problema sociale perché viene svilita la professionalità dei negozianti e colpite le attività di paese. E’ importante invece ridare centralità e valore a questi commerci”.

La canzone del candidato
Il Candidato della Lista Civica Cassina Sant’Agata, ha scelto la canzone di Battisti “Emozioni”, come intermezzo musicale per glia scolmatori, e le “emozioni” che vorrebbe legare al suo progetto elettorale, sono quelle connesse alla realizzazione e alla concretizzazione dei programmi: Poter realizzare a tutti gli effetti ciò che abbiamo in mente per il paese e che i cittadini stessi ci hanno segnalato come priorità, sarebbe una grande emozione, così come vedere cambiare in meglio il proprio paese grazie ad azioni concrete. Un paese che, sottolineo, secondo me è già molto bello”.

Le domande scomode
Sul commissariamento del paese Attanasio replica brevemente: “E’ stato un bene che la giunta D’Amico sia implosa. Avevano iniziato con una premessa sbagliata, la costruzione di un tunnel sotto la Padana per un investimento di 30 milioni di euro, cosa che Cassina non si sarebbe mai potuta permettere. Poi la rottura è arrivata sul PGT, contro il quale stando all’opposizione, mi ero sempre battuto, ma che non è mai andato giù nemmeno alla maggioranza stessa, crollata proprio su questo punto“. Sulla vicenda dell’ ex Sindaco Zambetti, poi Assessore Regionale (leggi qui), il candidato replica: “Lo conoscevo molto bene, ero all’opposizione quando fu sindaco. Che posso dire ? Quando ho appreso ciò che aveva fatto sono rimasto davvero stupefatto”.

Il programma e la lista
Nella Lista Civica di Maurizio Attanasio, nessun componente ha tessere di partito e nemmeno ci tengono ad accostarsi ad uno schieramento piuttosto che ad un altro. La trasversalità caratterizza la Lista, e una comunione di intenti legata alle necessità impellenti per Cassina e ad un punto di vista comune su quali siano le esigenze: “Non siamo per le grandi intese che portano instabilità politica e potrebbero crollare sotto il peso di scelte ideologiche e appartenenza partitica. Questa è una situazione che non vogliamo”.

Nel concentrare in poco tempo il succo del suo programma elettorale, il candidato sindaco sviscera 5 punti centrali: “Un PGT che preveda l’intoccabilità delle aree verdi, un impegno tassativo a fermare la speculazione immobiliare e la cementificazione. E’ finita un’epoca. In secondo luogo una Cassina più civile, con l’eliminazione progressiva e totale di tutte le barriere architettoniche, a partire dalla stazione della metropolitana inaccessibile a chi ha problemi di varia natura. Puntiamo poi sulla riqualificazione e salvaguardia di alcune zone particolari come il Centro Borsellino, le scuole vicine alla sede comunale e Cascina Casale, area da completare e implementare”. All’interno del programma, Attanaiso cita poi la viabilità e il forte legame che la futura amministrazione dovrà stabilire con le associazioni del territorio, cui per anni è stato delegato molto lavoro in campo sociale.

Chiude l’intervento radiofonico, un piccolo motto come invito al voto: Un Sindaco a Tempo Pieno, non a giorni alterni, perché amministrare la città è un lavoro”.