mercoledì, 16 Giugno 2021

Il flash mob di Cernusco in Comune per dire «Stop al consumo di suolo»

Ph: benecomunecernusco.it
Cernusco in Comune si dà appuntamento in via Cevedale per un flash mob di protesta alla variante n.2 al PGT di Cernusco. L’obiettivo, impedire al Comune di edificare sopra un’area agricola e confinante con il Plis Est delle Cave, ritenuta “di grande pregio paesaggistico e ambientale”.
Alla manifestazione aderiscono Bene Comune Cernusco, Comitato verde per Cernusco e Legambiente Martesana. Il flash mob si concentrerà Sabato 17 alle 10.30 nell’area agricola di via Cevedale.

I motivi del flash mob

Quello che il comitato cittadino chiede è “un nuovo PGT a consumo di suolo zero, senza nessuna nuova edificazione a Cernusco, e un vero Parco delle Cave, come presidio concreto e quotidiano di importanti aree verdi, finalmente fruibile in ogni sua parte e curato ogni giorno dell’anno”.

Proprio via Cevedale è compresa nel progetto edilizio residenziale di 15.000 mq. Con la proposta di variante richiesta dal privato proprietario però, la superficie edificata verrebbe ridotta del 15%, eliminando completamente anche la porzione di edilizia convenzionata. Una variante che per Cernusco in Comune rappresenta “un’occasione per invertire la rotta” e dunque dare lo stop definitivo al consumo di suolo.

“Queste modifiche non sono sufficienti a tutelare e salvaguardare questa area agricola di grande pregio paesaggistico e ambientale. Oggi è il momento del coraggio e della lungimiranza. Ecco perché chiediamo di cancellare definitivamente la possibilità di edificare in questo comparto agricolo”.

Il campo da baseball

Il caso di via Cevedale non rappresenta un unicum per il comitato, che ricorda anche il progetto di ampliamento del centro sportivo di via Buonarroti, con il quale è stata prevista la costruzione di un campo da tennis sopra un terreno agricolo.
Su questa vicenda si è espresso anche Paolo Pileri, ordinario di Pianificazione territoriale e ambientale al Politecnico di Milano, nell’articolo apparso su altreconomia.it Quando un campo da baseball fa male al suolo. E non tutti lo capiscono.

No Banner to display

Still A Fool, la giovane band che tiene vivo il ritmo del blues in Martesana

Still a Fool Band Da sinistra a destra:Giosuè Consiglio (batteria), Augusto D'Alessandro (chitarra), Elena Canti (voce), Roberto Colombo (basso), Maria Chiara (sassofono)

L’emergenza sanitaria da Covid-19 e il conseguente lockdown non hanno impedito ai cinque giovani musicisti – Augusto D’Alessandro (chitarra elettrica), Roberto Colombo (basso elettrico), Elena Canti (voce),  Mariachiara Salvi (sax) e Giosuè Consiglio (batteria), della band Still A Fool di continuare a tenere vivo in Martesana il ritmo della musica Blues, un genere che non tramonta mai.

Dietro le quinte di un brano

La musica è parte importante della vita di ciascuno di loro e, unita alla voglia di sperimentare nuove strade, li ha visti impegnati nella realizzazione di video-blog, per mostrare il dietro le quinte del loro processo creativo.

«All’inizio è stata dura – ha dichiarato Augusto D’Alessandro -. Avevamo dei concerti programmati che purtroppo sono stati sospesi. Dopo un momento iniziale di spaesamento, abbiamo deciso che, in un modo o nell’altro, dovevamo continuare a suonare. Così abbiamo iniziato a lavorare a distanza, producendo video di cover in modo da mantenere attivi i social con la nostra musica. Abbiamo pensato di rendere visibile il processo che c’è dietro alla nascita di un brano e il video blog ci è sembrato il modo migliore per farlo. Questo modus operandi – ha proseguito – ci permette di imporci delle scadenze e poter analizzare il lavoro con un occhio più critico, indispensabile per migliorarci».

Un’intervista a Urban Nights

La band Still A Fool è stata recentemente ospite della trasmissione Urban Nights di Radio Cernusco Stereo, intervistata dal conduttore radiofonico Mattia Chiarella. Un modo per raccontare le esperienze vissute e le progettualità future, intervallate da momenti musicali in cui la band ha presentato alcuni brani inediti.

«La collaborazione con Mattia è nata a inizio 2020. Stefano Bertolotti di Ultra Sound Records, il coproduttore del nostro primo album Blues Van, ha inviato a Mattia la copia fisica dell’album e da lì è nata l’idea dell’intervista – hanno dichiarato Augusto e Roberto -. É stato un incontro emozionante perché ci ha aperto la strada a un mondo nuovo, ben lontano da quelle che finora sono state le nostre abitudini. Trovarsi alle prese con un programma radiofonico ci ha portati a vestire i panni, oltre che dei musicisti, degli speaker e questa è stata una grande novità per tutti noi».

Vicini anche se lontani

«Il nostro obiettivo è quello di rimanere in contatto con il nostro pubblico, cercando di portare contenuti sempre nuovi che vadano a legarsi alla produzione della nostra musica e alle nostre serate dal vivo – hanno proseguito all’unisono -. Non meno importante, vorremmo portare tutti a conoscenza di cosa significhi realmente “fare musica”. Dietro un brano di cinque minuti si nascondono ore di prove, di incontri e di sacrifici. Questo ancor più nel caso di brani inediti. Vorremmo mostrare cos’è veramente la musica, quali sono le fasi che stanno dietro al singolo brano, quali le emozioni che fanno nascere o che seguono la creazione di un pezzo. Ogni singolo brano ha una storia a sé: cambiano l’ispirazione e il processo creativo. È proprio questa diversità che permette di affrontare temi differenti e veicolare nell’ascoltatore differenti sensazioni».

Il futuro è già qui

«Stiamo lavorando sodo per poter riprendere al meglio con le serate dal vivo e il primo appuntamento sarà il 2 novembre in streaming sul canale della Ultra Sound Records – hanno concluso -. Continueremo a pubblicare inediti: il nostro primo brano auto-prodotto “Woman in White” è uscito il 10  settembre e abbiamo già iniziato a lavorare sul prossimo. A ottobre inizierà anche un’altra serie di video, che abbiamo registrato in collaborazione con Mattia Chiarella, incentrati sul nostro primo album Blues Van».

 

Augusta Brambilla

No Banner to display

Cernusco e Legambiente insieme per il primo Festival della Sostenibilità

gorgonzola plastic free

Tre incontri per parlare di buone pratiche per rendere le nostre azioni quotidiane più sostenibili e rispettose dell’ambiente. A corollario del classico appuntamento con “Puliamo il mondo”, il Comune di Cernusco sul Naviglio e Legambiente uniscono le forze per la prima edizione del Festival della Sostenibilità.

Tre incontri virtuali

A causa delle misure anti-assembramento, i tre incontri in programma non si svolgeranno in presenza, bensì da remoto, trasmessi sulla pagina Facebook del Comune di Cernusco. Il primo appuntamento sarà martedì 22 settembre alle ore 21, dove si parlerà di mobilità. All’incontro, introdotto dall’assessore all’ecologia Daniele Restelli, parteciperanno Annamaria Caggiani (Legambiente), Luciana Gomez (assessore all’innovazione), Michele Cremonesi (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) e l’ingegnere Riccardo Urciuoli (Legambiente).

Martedì 29 settembre il focus si sposterà sul tema dell’energia, con gli interventi di Andrea Poggio (Legambiente), ing. Riccardo Urciuoli, il Sindaco Ermanno Zacchetti e l’architetto Roberto Cancellara, esperto di efficienza energetica in campo edilizio.

Ultimo appuntamento martedì 8 ottobre, dove si parlerà di consumo con Alessandro Russo (Presidente Gruppo CAP), Massimo Brambillla, Damiano di Simine (Legambiente) e l’assessore Daniele Restelli.

«La prima edizione di questo Festival ha l’obiettivo di rafforzare l’opera di sensibilizzazione alla cittadinanza illustrando azioni concrete e proponendo approfondimenti sui temi del rispetto dell’ambiente e la messa in pratica di buone abitudini per abbassare il nostro impatto sul pianeta – ha spiegato il Vice Sindaco e assessore all’ecologia Daniele Restelli -. Noi abbiamo lavorato per ridurre il consumo di plastica, investire sulla mobilità dolce, educare i ragazzi e ragazze delle scuole alla raccolta differenziata ma ovviamente c’è una parte degli stili di vita di ciascuno su cui possiamo solo proporre modelli positivi per sostenere i cittadini nel percorso comunitario verso un miglioramento della gestione delle risorse ambientali e dell’evoluzione green della nostra città. Ringrazio il circolo Il Molgora di Legambiente per la preziosa collaborazione nell’organizzazione di questi eventi».

Puliamo il mondo 2020

All’interno del Festival dello sviluppo sostenibile organizzato da Asvis, il Comune di Cernusco aderirà anche quest’anno a Puliamo il mondo, l’iniziativa promossa ogni anno da Legambiente per sensibilizzare i cittadini sulla cura del territorio. Saranno due i punti di ritrovo pensati per questa edizione: uno al Parco degli Alpini e l’altro al Parco degli Aironi, dove ci si ritroverà domenica 27 settembre alle 9.30. Per partecipare, occorre prenotarsi inviando una mail a puliamoilmondocsn@gmail.com.

No Banner to display

Gorgonzola, un evento per scoprire la storia del Molino Vecchio

Il Centro Intergenerazionale di via Oberdan a Gorgonzola ospiterà il convegno Tra terre e acque: storia di un mulino, che si terrà sabato 3 ottobre dalle 10.00 alle 12.30. Organizzato dall’Associazione Riaprire i Navigli, l’appuntamento si pone l’obiettivo di far conoscere la storia del Molino Vecchio di Gorgonzola, che una recente indagine presso l’Archivio di Stato data a prima della scoperta dell’America.

Un bene monumentale

Nel 2009 l’edificio, di proprietà pubblica, è stato dichiarato bene monumentale e posto sotto il vincolo della Soprintendenza per la sua importanza storica e culturale. L’abbandono e l’incuria dell’ultimo mezzo secolo lo hanno reso quasi invisibile, nonostante la sua posizione vicina al plesso scolastico che ne porta il nome.

Il convegno ha l’intento di far conoscere il Molino a tutto il territorio dell’Est milanese e anche a un pubblico più vasto, attraverso il censimento “Luoghi del cuore Fai”, Fondo ambiente italiano, per cercare i fondi necessari al suo restauro, tramandando questo bene alle future generazioni.

La prima parte del convegno ripercorrerà le vicende millenarie dei mulini ad acqua, che sostituirono la forza muscolare di schiavi e animali per muovere i macchinari necessari alla produzione di beni artigianali e alla trasformazione degli alimenti, fino allo scavo del Naviglio Martesana e la proliferazione dei molini idraulici sulle rogge di derivazione. Verrà tratteggiato il profilo di Gualtiero Bascapè primo proprietario del Molino di Gorgonzola, uomo di fiducia di Lodovico il Moro e committente d’arte. La relatrice sarà la prof.ssa Luisa Chiappa Mauri, che per prima negli anni Ottanta si occupò dei mulini ad acqua medievali nel Milanese, e il dott. Fabrizio Alemani, del Centro studi storici di Inzago, autore di un recente studio sulle macchine idrauliche azionate dal Naviglio Martesana.

Nella seconda parte, l’Associazione italiana Amici dei Mulini Storici, che da diversi anni si occupa del recupero filologico dei vari tipi di mulini e della loro valorizzazione, illustrerà alcuni esempi emblematici di cui è stata artefice e testimone.

Come partecipare

Le norme di sicurezza sanitaria in materia di prevenzione della diffusione del contagio da Covid-19 impongono il distanziamento e la tracciabilità dei presenti. La sala ha una capienza di 50 posti, perciò è indispensabile la prenotazione via mail (indirizzo: concordiola@gmial.com) entro giovedì 1 ottobre 2020.

 

Augusta Brambilla

No Banner to display

Alla scoperta dei fontanili: il tour di Europa Verde Martesana

Una biciclettata lungo il Naviglio Martesana alla scoperta delle bellezze naturali del territorio. Sabato 11 luglio si terrà il Giro Fontanili Martesana, un’iniziativa lanciata dal gruppo Verdi – Europa Verde.

Il ritrovo è previsto per le ore 16.00 presso la Bicistazione Gasolio Cicli, all’altezza della fermata della MM2 Cologno Sud. La prima tappa del percorso sarà da Cologno Monzese fino a Vimodrone, dove alle ore 17.00 ci si potrà fermare per una pausa merenda in compagnia. Dopodiché, la seconda tappa del percorso terminerà al Parco dei Germani di Cernusco sul Naviglio, dove si conta di arrivare intorno alle 18.00.

Alla scoperta del territorio, ma anche del programma

La biciclettata lungo il Naviglio Martesana sarà un’ottima occasione per ripercorrere le bellezze che abitano i nostri territori, in particolare i fontanili, che rappresentano un patrimonio naturale da salvare e difendere. Negli scorsi anni, Legambiente e altre associazioni si sono date da fare per convincere alcuni comuni della zona a riqualificare i fontanili dell’area Adda-Martesana, così da ripristinare la corretta funzionalità idraulica e ricostruire la biodiversità ittica originale.

Il giro in bici di sabato 11 luglio sarà utile anche per entrare in contatto con gli esponenti locali del gruppo Verdi – Europa Verde, conoscere il loro programma e scoprire i valori alla base della loro attività politica. I partecipanti alla biciclettata di questo sabato potranno anche contribuire a scegliere il nome del nuovo Circolo, che comprenderà le sezioni locali di Cologno Monzese, Vimodrone e Cernusco sul Naviglio.

No Banner to display

Ciak, io sono il Multipak: la campagna di CEM Ambiente e Emisfero Destro Teatro

Sei attento all’ambiente e alla raccolta differenziata? CEM Ambiente ha lanciato la nuova campagna Ciak, io sono il Multipak, ideata da Emisfero Destro Teatro con l’obiettivo di offrire uno sguardo sul proprio personale rapporto con la raccolta, il riuso e il riciclo di plastica, tetrapak, alluminio e acciaio, così da contribuire al corretto smaltimento dei rifiuti.

Liberare la mente e la creatività

Un’iniziativa di sensibilizzazione aperta a tutti, che sarà attiva dal 1° al 19 luglio. Per partecipare basta girare un breve video della durata di 2 minuti, da soli o in compagnia, sulla propria raccolta differenziata. Spazio alla fantasia e alla creatività anche per la scelta del luogo e per il soggetto del video, che potrà essere impostato sotto forma di storia oppure mostrare scene di ordinaria quotidianità. Il materiale utile alla realizzazione del video, che andrà caricato sul portale www.ciak.iosonoilmultipak.it, verrà diffuso tramite i social, il sito di CEM Ambiente e i canali di Emisfero Destro Teatro.

I video più simpatici e creativi saranno valorizzati da CEM Ambiente e utilizzati per la prossima campagna istituzionale sul Multipak. Dopo l’estate, inoltre, ci sarà la presentazione dei video selezionati, valorizzati con un premio ecosostenibile. Ad essere premiato sarà anche il Comune dal quale saranno arrivati il maggior numero di video.

«Con questa nuova campagna di comunicazione abbiamo voluto lanciarci in una sfida non facile: chiedere ai nostri utenti come differenziano, riusano e riciclano il Multipak – ha spiegato Giovanni Mele, presidente di CEM Ambiente -. Negli ultimi tempi, infatti, la qualità del rifiuto è leggermente peggiorata e capire dai cittadini come fanno la differenziata per noi è molto importante per correggere errori e dare nuovi suggerimenti di corretta divisione dei rifiuti».

Per avere ulteriori informazioni, è possibile consultare il sito www.ciak.iosonoilmultipak.it.

Augusta Brambilla

No Banner to display

Dopo mesi di stop, riparte anche Ecomuseo Martesana

La pandemia da Covid-19 ha costretto ad uno stop l’intero settore della cultura e degli eventi. Fra le realtà più attive nel nostro territorio c’è senz’altro Ecomuseo Martesana, un’associazione di valorizzazione culturale e turistica delle principali attrazioni dei territori ad Est di Milano. Dopo diversi mesi di interruzione, l’associazione ha fatto sapere di essere pronta a tornare in pista, con una serie di eventi volti come sempre a far scoprire i luoghi e le realtà più affascinanti della Martesana.

«Cari lettori e care lettrici – si legge nella nota diffusa da Ecomuseo -, sono stati mesi impegnativi da affrontare a causa degli eventi che tutti e tutte abbiamo purtroppo conosciuto. Non è stato facile e non sarà facile, tuttavia piano piano… si riparte!».

I primi eventi

Uno dei primi eventi estivi segnalati da Ecomuseo Martesana sono le visite guidate alle sorgenti della Muzzetta, a Rodano, che si terranno sabato 27 giugno, 11 e 25 luglio, 12 e 26 settembre. Ad ogni visita potranno partecipare massimo dieci persone. Per scoprire tutti i dettagli dell’iniziativa e le modalità di prenotazione, clicca qui.

Mercoledì 1 luglio nel Parco di Villa Cornaggia a Inzago arriva la rassegna Cinema sotto le stelle. Appuntamento alle 21.30 con il film Adorabile Nemica, diretto da Mark Pellington.

Fino al 15 dicembre 2020, inoltre, prosegue la campagna del FAI “I luoghi del cuore“, volta a mappare in modo spontaneo edifici e ambienti naturali poco conosciuti, ma che assumono un preciso significato per le comunità che li ospitano. Il censimento del FAI per il 2020 interessa diversi siti dell’area della Martesana, molti dei quali necessiterebbero di interventi conservativi. Tra quelli più conosciuti ci sono senz’altro la Cascina Bindellera di Cassina de’ Pecchi, il Molino Vecchio di Gorgonzola e la Chiesa (e Convento) di San Francesco, sita a Pozzuolo Martesana.

No Banner to display

1870-2020: Cassina de’ Pecchi compie 150 anni

Il 9 giugno 1870 – esattamente 150 anni fa – un decreto regio firmato da Vittorio Emanuele II stabiliva l’accorpamento del comune di Sant’Agata Martesana a quello di Cassina de’ Pecchi. L’entrata in vigore sarebbe avvenuta solo a partire dal mese di settembre del 1870, ma è lecito considerare il 9 giugno di quell’anno come data di nascita effettiva del comune di Cassina de’ Pecchi così come lo conosciamo oggi.

Un nuovo comitato

Per festeggiare al meglio l’importante ricorrenza, nelle scorse settimane è nato il Comitato Cassina 150, che assieme alle diverse associazioni cassinesi e all’amministrazione comunale si occuperà di organizzare le celebrazioni.

Il comitato, che già si è dotato di un sito web e di una pagina Facebook, è composto principalmente da accademici, docenti universitari ed esperti di storia contemporanea, in particolare della storia di Cassina de’ Pecchi.  I membri sono: Alfredo Canavero, Professore di Storia Contemporanea all’Università di Milano; Maria Rosa Gessa, bibliotecaria e scrittrice; Arnaldo Ganda, Professore di Bibliografia e Biblioteconomia presso l’Università di Parma e Marco Soresina, anche lui professore di Storia Contemporanea alla Statale di Milano.

Il Presidente del Comitato è Francesco Cau, cassinese dal 2011 e grande appassionato di storia locale.

«È un momento davvero importante per il nostro paese – ha dichiarato Cau – e merita di essere celebrato nel migliore dei modi coinvolgendo tutto il tessuto sociale e associativo che opera nel nostro territorio, insomma tutta la popolazione di Cassina. Purtroppo – ha aggiunto – siamo ancora nel mezzo della pandemia causata dal Covid-19, ma celebrare i 150 anni di Cassina sarà sicuramente il modo migliore per riunire di nuovo la nostra comunità, riscoprendo così il nostro passato, valorizzando il nostro presente e progettando il nostro futuro».

Il sito internet e la pagina Facebook del Comitato saranno aggiornati periodicamente con tutte le notizie sui festeggiamenti che si terranno in città.

No Banner to display

Plis delle Cave, due progetti per la salvaguardia dell’ecosistema

Immagine di repertorio

Sono due i nuovi progetti a cui è stato dato avvio per il PLIS delle cave, il parco della Martesana che che si dispiega tra i comuni di Brugherio, Carugate, Cernusco Sul Naviglio, Cologno Monzese e Vimodrone. Gli interventi che sono stati messi in cantiere si rivolgono entrambi alla tutela e valorizzazione dell’habitat naturale e si focalizzano sulle tematiche legate all’emergenza climatica e alla sostenibilità ambientale.

La città nel parco: tra biodiversità e sostenibilità

Con un finanziamento di 5.000 dollari americani, ottenuti con il progetto Patagonia, i promotori del progetto AmbienteAcqua Onlus e Progetto Natura Onlus provvederanno a censire la fauna del parco con l’obiettivo di definire azioni mirate, volte a migliorarla e conservarla. All’azione di censimento e riqualificazione, verrà affiancata un’attività educativa-culturale, rivolta a chi ha interesse nell’attività di conservazione, che si articolerà attraverso percorsi didattici per le scuole, incontri divulgativi e laboratori di Citizen Science.

Dario Veneroni, Presidente del PLIS est delle cave nonché Sindaco di Vimodrone, uno dei comuni abbracciati dal parco, ha spiegato «Il Comitato di Gestione del PLIS est delle cave conferma la sua attenzione verso una realtà fondamentale per tutti i comuni che ne fanno parte. Grazie alla volontà delle Amministrazioni comunali e delle realtà associative del territorio – ha continuato – sarà possibile non solo conoscere meglio l’ecosistema del parco e programmare interventi migliorativi, ma anche coinvolgere la cittadinanza nella sua tutela. Di particolare importanza – ha sottolineato il Presidente, proprio a proposito di questo primo progetto educativo – saranno le attività didattiche nelle scuole, che permetteranno ai più giovani di prendere consapevolezza di ciò che li circonda».

Strategia clima

La seconda progettualità rientra nella partecipazione del PLIS delle cave ad un bando finanziato da Fondazione Cariplo. Principale obiettivo di questo ambizioso progetto è il contrasto al cambiamento climatico, per cui verranno messe in atto azioni e strategie locali mirate, che potrebbero avere effetti positivi anche sul nostro territorio, qualora il progetto vada in porto e riesca ad essere effettivamente finanziato. Di sicuro una rinnovata attenzione da parte di amministratori e associazioni locali che insieme stanno progettando sul futuro di questa importante porzione di territorio.

No Banner to display

Una nuova ambulanza per la Croce Bianca di Carugate

Un’ambulanza nuova di zecca, che a breve diventerà operativa sul territorio. È la novità arrivata oggi alla sede della Croce Bianca di Carugate, che da mesi è impegnata in prima linea, con tutti i volontari e soccorritori professionisti, nella lotta alla diffusione del virus.

«Il nostro servizio non si ferma mai»

Un acquisto, quello dell’ambulanza, che già era stato organizzato nei mesi precedenti allo scoppio dell’emergenza sanitaria e che è stato reso possibile dalla generosità delle donazioni e dal prezioso lavoro svolto dai volontari.

«Siamo felici e molto emozionati – si legge sulla pagina Facebook della Croce Bianca di Carugate – Cogliamo fin da ora l’occasione per ringraziare tutti Voi che ci avete aiutato a rendere possibile questo traguardo. Grazie! Il nostro servizio non si ferma mai! Grazie a tutti coloro che continueranno ad aiutarci!».

«Abbiamo voluto ringraziare i volontari e chi ha fatto una donazione anche con una scritta sul fianco del veicolo – ha aggiunto Gianfranco Zappa, presidente dell’associazione -. Avevamo in programma di fare un’inaugurazione con la sottoscrizione premi il 25 aprile, ma l’emergenza non l’ha reso possibile. Speriamo di riuscire a farlo in futuro».

Il mezzo è arrivato ieri, mercoledì 6 maggio, presso la sede della Croce Bianca, ma non sarà operativo ancora per un mese circa. Il tempo necessario per fare tutti gli accertamenti burocratici e permettere all’ATS di annoverare la nuova ambulanza fra i mezzi d’urgenza a disposizione del 118.

L’emergenza vista dai volontari

I volontari e i soccorritori professionisti della Croce Bianca di Carugate sono stati all’opera ininterrottamente, giorno e notte, durante le fasi acute dell’emergenza Coronavirus, con turni estenuanti e un susseguirsi continuo di servizi.

«Devo dirlo con sincerità: adesso stiamo respirando», ha raccontato Zappa. «I servizi in questi giorni sono diminuiti e soprattutto non sono più tutti casi Covid».

In un primo momento anche i soccorritori hanno avuto qualche difficoltà a reperire tutti i dispositivi di protezione, poi «grazie alla nostra caparbietà e alla generosità degli aiuti siamo riusciti a mettere a disposizione della nostra squadra tutti i DPI necessari».

«C’è inoltre un dato che ci tengo a sottolineare – ha aggiunto il presidente dell’associazione –: anche durante le fasi più acute dell’emergenza, nessuno dei nostri volontari si è tirato indietro. Abbiamo avuto un supporto totale e completo».

La campagna di raccolta fondi della Croce Bianca di Carugate è ancora aperta. Per fare una donazione, visita il sito ufficiale.

No Banner to display

No Banner to display