“L’unica Speranza è che Conte muoia”: polemica per il cartello a Cernusco

Il cartello choc di un commerciante, appeso alla porta del suo negozio, ha scatenato le polemiche

Una “Speranza” che nulla lascia all’interpretazione quella nutrita da un rivenditore di abbigliamento a Cernusco, che ha appeso sulla porta del suo negozio l’inequivocabile cartello “L’unica Speranza è che Conte muoia“, rivolto al Presidente del Consiglio e al Ministro della Salute.

Negozio a Cernusco, il cartello contro Conte 

La scioccante comunicazione, subito seguita dall’invito a non entrare in più di 3 persone all’interno del locale, ha scatenato le polemiche.

A parlarne sui social è stata la giornalista Selvaggia Lucarelli, che ha commentato “la crisi non cambia le persone, le rivela“. Molti anche i commenti dei residenti a Cernusco, tra chi dichiara ingiustificabile il gesto e chi cerca di comprenderne le ragioni attribuendole alla disperazione.

Una polemica che vede la luce in concomitanza con il rientro in zona rossa della Lombardia, che prevede la chiusura di tutte le attività al pubblico non considerate essenziali.

Qui la nostra videointervista a Marco Dominelli, titolare del negozio, in seguito alla vicenda.