Didattica online: le richieste delle minoranze di Cologno Monzese

Device e connessione per sostenere le famiglie in difficoltà. Tutta l'opposizione presenta una mozione

foto di Claudia De Salvo

Le nuove disposizioni per il contenimento del Covid-19 obbligano alcuni studenti a fare la didattica online. Altri a scuola ci possono andare, ma si trovano comunque davanti ad un computer perchè in quarantena. E così, come per la scorsa primavera, si ripresentano le stesse problematiche dovute alla strumentazione e alla potenza della connessione.

I consiglieri comunali di minoranza di Cologno Monzese hanno presentato una mozione per impegnare la Giunta a stanziare risorse a supporto delle famiglie in difficoltà con i figli in didattica a distanza. Mozione che doveva essere discussa durante il Consiglio comunale di Mercoledì 18 novembre, ma che per ragioni tempo la maggioranza consiliare a deciso di rinviare.

Device e connessione

I consiglieri hanno sottolineato come la didattica online sollevi per alcune famiglie un problema sia di strumentazione che di connessione«I dirigenti delle scuole primarie si stanno adoperando per dotare i propri studenti di device, ma permane il problema delle famiglie con più fratelli che contestualmente fanno didattica a distanza e pertanto quelli in possesso possono essere non sufficienti – hanno scritto – Ci sono studenti che non dispongono di connessione a internet e la mancanza di tale connessione, non potendo l’istituzione scolastica intervenire direttamente, rende difficile e complessa la didattica che non può e non deve essere diversa dagli altri compagni di classe».

L’impegno per la Giunta

Partendo da queste considerazione le minoranze chiedono all’Amministrazione comunale di impegnarsi su entrambi i fronti, quello dei device e quello della connessione. Da un lato, dunque, «sostenere la scuola, primaria e secondaria di primo grado e anche le superiori dove ce ne sia bisogno, nell’acquisto di connessioni a consumo necessario per la didattica a distanza per quegli studenti privi di risorse economiche», dall’altro «sostenere le scuole primarie e secondarie, ove le stesse siano impossibilitate, ad acquistare e concedere in comodato d’uso gratuito device per gli studenti».

La raccolta di device dello scorso aprile

Lo scorso aprile, durante la prima ondata di Covid-19 che aveva obbligato tutti gli studenti a casa, l’Amministrazione comunale di Cologno Monzese aveva avviato una raccolta di Tablet e Notebook dotati di videocamera e microfono per gli studenti che non ne avevano a disposizione.