Pessano, area cani: «l’obiettivo è aprire entro fine ottobre»

In Consiglio Comunale, l'assessore Berneri ha aggiornato i cittadini sui tempi e i dettagli del progetto

La data di apertura della prima area cani di Pessano con Bornago è alle porte.

Durante il Consiglio Comunale del 30 settembre, il consigliere di minoranza Anna De Vecchi (M5S) ha presentato un’interpellanza, in cui ha chiesto all’Amministrazione di fare chiarezza circa i tempi e la scelta dell’area destinata allo sgambamento dei cani.

Le ha risposto direttamente l’assessore all’ecologia Appio Berneri, che ha colto l’occasione per offrire delucidazioni sui tempi e i dettagli del progetto.

L’APERTURA ENTRO FINE OTTOBRE

In primo luogo, l’assessore Berneri ha voluto rispondere ai dubbi circa la scelta dell’area, che è stata selezionata «perchè permetteva di fare contemporaneamente più di un’operazione».

«Si tratta di una zona centrale del paese, – ha spiegato Berneri – di facile accesso ed è già corredata da una pista ciclabile. Inoltre, per ridurre l’impatto verso il condominio adiacente, è stata prevista la realizzazione di una recinzione con una distanza di cinque metri dal cancello dell’edificio».

L’assessore ha poi spiegato che i lavori al momento sono fermi «per volontà dell’amministrazione, dal momento che abbiamo deciso di aprire l’area cani solo una volta effettuata la piantumazione». In particolare, Berneri ha fatto sapere che il progetto prevede una riqualificazione dell’area prato con interventi di piantumazione e messa a dimora di arbusti e alberi, tra cui ventidue querce, che assicureranno uno spazio d’ombra ai cani e ai loro proprietari.

Per quanto riguarda i tempi dei lavori, l’amministrazione ha spiegato che si tratta di un «un problema di finanze pubbliche», ma ha assicurato che la prima fase del progetto – quella riguardante la piantumazione – «si concluderà per la terza settimana di ottobre. Perciò, l’intenzione è quella di aprire e inaugurare l’area cani per la fine del mese».

Una volta conclusa questa fase, si procederà con gli interventi successivi, che includono, tra le altre cose, anche l’installazione di panchine e cestini, che al momento sono «già pronti presso il magazzino comunale».