Il Blues in martesana porta il nome della band Still a Fool

Cinque giovani ragazzi inseguono un sogno sulle note del blues

Il nome accattivante, Still a Fool, lo hanno preso in prestito da un brano di Muddy Waters, padre dei Chicago Blues, perché è proprio questo appassionante genere musicale, il blues, che ha ispirato la loro carriera: loro sono cinque giovani, hanno talento e vengono dalla martesana.

UN NOME, UNA STORIA

«Nella scelta del nome della nostra band, con umiltà e ironia, abbiamo seguito l’esempio dei Rolling Stones. Come loro speriamo di trarre ispirazione dal blues classico per creare il nostro stile personale», hanno dichiarato i musicisti.

Cinque anime diverse, motivate dalla stessa passione: per i set acustici Augusto D’Alessandro alla chitarra elettrica, Roberto Colombo al basso elettrico e Elena Canti, la voce del gruppo.  Per i set elettrici, il trio si completa con Mariachiara Salvi al sax, tenore, e Giosuè Consiglio alla batteria.

LA BAND

«Nel 2017 abbiamo deciso di dare vita a questo progetto musicale – ci hanno raccontato Augusto e Roberto, fondatori della band -. A noi si sono uniti Elena, Mariachiara e Giosuè e abbiamo iniziato a suonare, creando in poco tempo il repertorio necessario per organizzare le nostre serate. In studio ha suonato con noi anche il produttore Stefano Bertolotti».

Un genere, il blues, che amano da sempre: «Siamo una blues band, ma le diverse influenze e caratteristiche di ciascuno di noi hanno contribuito alla creazione di un sound di insieme molto personale. Ci rivolgiamo, principalmente, agli amanti del blues e di generi affini come il Soul, il Rythm and Blues e a tutti coloro a cui piacciono i brani strumentali e jam».

LA PRESENZA IN MARTESANA

Gli Still a Fool si sono esibiti in alcuni locali milanesi e della martesana, e la loro sonorità è stata il sottofondo musicale alle inaugurazioni di eventi come mostre e reading di poesie.

«Lo scorso febbraio, a Cassano d’Adda, siamo stati coinvolti nello spettacolo teatrale messo in scena dai ragazzi della Scuola di Teatro Spazio Lab 36. – hanno raccontato con entusiasmo -. Poi siamo stati ospiti di Radio Cernusco Stereo, per la quale abbiamo suonato dal vivo durante una trasmissione del loro palinsesto».

UN OCCHIO AL FUTURO

In cantiere ci sono tanti progetti futuri, tra i quali uno molto importante: «Stiamo lavorando al nostro primo album di inediti, in collaborazione con la Ultra Sound Records, che uscirà a settembre. Il nostro obiettivo, ora, è di organizzare un tour in Europa per portare il progetto nelle nazioni in cui il Blues è particolarmente apprezzato, come la Svizzera, la Francia, la Germania e la Scandinavia».

I prossimi appuntamenti li vedranno protagonisti a Chamois in Valle d’Aosta il 13 luglio, al Parco di Gorgonzola il 17 e il 24 agosto e alla Sagra del Gorgonzola il 20 settembre.

«La musica e il blues, in particolare, rappresentano una parte importante della nostra vita – hanno concluso i ragazzi all’unisono -. Siamo sempre disponibili a vivere nuove esperienze e per questo accettiamo, volentieri, i contatti e le richieste per partecipare a concerti e eventi che possano permetterci di vivere e condividere le belle emozioni che la musica sa trasmettere».

 

Augusta Brambilla