MARTESANA
FILIERA CORTA E TUTELA DEL PAESAGGIO.DIVERSI COMUNI INSIEME PER IL PROGETTO “ADDA MARTESANA, TRA ACQUA E TERRA”

Tredici aziende agricole, sette amministrazioni comunali, un’associazione sportiva e Regione Lombardia: ecco i soggetti che contribuiranno alla realizzazione del progetto “Adda Martesana, tra acqua e terra”, un’azione di partenariato tra soggetti pubblici e privati che si pone l’obiettivo di valorizzare il territorio e rafforzare la competitività delle imprese agricole, favorendo la filiera corta e la tutela del paesaggio.

No Banner to display

I comuni interessati da questo progetto sono quelli della porzione sudorientale della Zona Omogenea Adda Martesana di Milano Città Metropolitana, cioè Bellinzago Lombardo, Cassano D’Adda, Inzago, Liscate, Melzo, Pozzuolo Martesana e Truccazzano, per una superficie complessiva di 88,75 chilometri quadrati e circa 70.100 abitanti.

Ma, nei fatti, cosa si farà? Gli interventi previsti riguardano immobili rurali e oasi naturalistiche: si prevede la realizzazione di 26 km tra siepi e filari campestri, la ristrutturazione dei percorsi ciclopedonali esistenti e la costruzione di nuovi.

A Bellinzago Lombardo, in particolare, verrà riqualificata Roggia Ghiringhella con la realizzazione di una tensostruttura da utilizzare come mercato agricolo.

A Liscate verranno completati i percorsi ciclabili, ne saranno ricostruiti diversi tratti e verranno, contestualmente, costruite piazzole di sosta e aree attrezzate. Verranno messi in atto anche interventi per rendere più fruibili le zone del Fontanile Albanedo e del Fontanile Castellazzo.

A Pozzuolo Martesana, territorio di Red, l’associazione sportiva affiliata al progetto, verranno effettuate le riqualificazioni dell’ex cava, oggi Oasi Naturalistica, e dell’ultimo tratto di pista ciclopedonale che collega il comune con Melzo, progetto che renderà anche più semplice il raggiungimento dell’Oasi.

Al momento il progetto è al vaglio della Regione Lombardia, che è in possesso di una dote di fondi europei per oltre 44.000.000 euro, destinati alla realizzazione di progetti entro il 2022.

Abbiamo presentato un progetto importante – ha commentato Angela Comelli, Presidente dell’Unione Adda Martesana – che prevede una forte collaborazione tra pubblico e privato per lo sviluppo economico e turistico del nostro territorio, mettendo l’accento su alcuni temi strategici nella programmazione europea come la mobilità sostenibile, l’alimentazione sana e naturale e la tutela del paesaggio.”