MELZO
TETTO DA RIFARE A CAUSA DELLE PIOGGE. LE MEDIE DI VIALE GAVAZZI TRASFERITE

Saranno ospitati temporaneamente nel plesso della scuola primaria di via Bologna, poiché tutte le aule del primo piano della loro scuola, risultano in condizioni inappropriate a causa delle forti piogge abbattutesi sulla città poco più di un mese fa, a fine luglio. Parliamo dei ragazzi delle scuole medie del plesso Ungaretti di viale Gavazzi, che dal primo giorno di scuola di lunedì 12 settembre, traslocheranno fino a che i lavori di totale ripristino del tetto e di rimessa a punto delle aule, non saranno terminati.

Il Commissario Straordinario Cristiana Cirelli, e il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo Ungaretti, Dott.ssa Stefania Strignano, avevano già comunicato il cambiamento a tutte le famiglie attraverso un’accorata lettera, nella quale spiegavano che il provvedimento adottato di comune accordo, si è reso urgente vista la necessità di “lavori di ripristino risolutivi e realizzati secondo la normativa vigente in materia di sicurezza -si legge nella missiva- che necessitano, pertanto, l’allontanamento degli alunni e del corpo docenti dalla loro sede naturale per un periodo di tempo abbastanza lungo“.

Nonostante il primo intervento di luglio necessario a tamponare i primi danni con urgenza, i lavori intrapresi in seguito e le valutazioni tecniche occorse, hanno rilevato l’impossibilità di poter ultimare la sistemazione del tetto e degli interni in tempo per l’inizio dell’anno scolastico. Il comune si è quindi adoperato affinché i disagi per alunni, docenti e famiglie siano ridotti al minimo, e la sistemazione di via Bologna sembra proprio andare in questa direzione. La struttura infatti è dotata di ampi spazi che consentiranno ai due cicli scolastici di non sovrapporsi, di non essere costretti in locali angusti, e di non avere tempi e lavoro condizionati da questa convivenza. Il numero delle aule è sufficiente ad ospitare tutti, medie ed elementari saranno in due aule distinte dell’edificio, i turni mensa saranno alternati senza interferire l’uno sull’altro e per ingresso e uscita non esiste problema visti gli orari differenti.

“E’ in fase di organizzazione l’ampliamento del servizio di piedibus per quelle famiglie che ne avessero necessità -fanno sapere infine dal Comune- e si stanno valutando altre soluzione per compensare le famiglie dal disagio relativo al trasporto“.