PESSANO
APERTO IL CANTIERE PER LA FIBRA OTTICA TARGATA CAP HOLDING E CITTA’ METROPOLITANA

Un anello di oltre 2000 km di fibra ottica, rende l’area metropolitana di Milano tra le più cablate d’Europa, con un investimento di 2 milioni e 300 mila euro del quale beneficeranno, in Martesana, Carugate, Cologno, Cernusco e Pessano. Proprio qui è iniziata lo scorso 27 luglio nel cantiere di via Carlo Porta, la posa degli ultimi chilometri di anello della fibra, che consentirà di navigare con la banda ultra larga rendendo il territorio appetibile per le aziende di Telecomunicazioni, e più facilmente gestibile da parte delle amministrazioni.

Ad illustrare l’ambizioso progetto realizzato grazie alla sinergia di intenti di Gruppo Cap e Città Metropolitana di Milano, c’era il neo sindaco di Pessano Alberto Villa, accanto al presidente del Gruppo Cap Alessandro Russo con il suo staff, al direttore Information Technology Michele Tessera ( i tre da destra a sinistra nella foto di copertina) e a Cristoforo Massari, responsabile delle Infrastrutture di Città Metropolitana.

“Ringrazio vivamente Città Metropolitana -ha esordito Villa- per l’impegno e la professionalità dimostrata. Questo progetto porterà al Comune dei vantaggi, sia economici con una riduzione dei costi della telefonia del 40%  sia di potenziamento della connettività ed inoltre permetterà la valorizzazione del nostro territorio come “bene” di tutta la collettività”. I lavori prevedono l’ inserimento della fibra ottica direttamente nei collettori fognari, riducendo così i costi della infrastruttura e l’impatto sull’ambiente.

 “Questo investimento –rimarca il presidente di Cap, Russo- è il frutto di un modo innovativo di guardare al servizio idrico e consentirà di abbassare i costi di connettività. Rappresenta un intervento strategico da parte della nostra azienda che si conferma un player di rete ed un partner fondamentale per i comuni, in grado di creare valore nella gestione pubblica del servizio idrico al fine di sviluppare il benessere sociale dei cittadini.”

Città Metropolitana è la depositaria del progetto che ha visto già coinvolti altri comuni della provincia di Milano ai quali si uniranno anche Sesto S. Giovanni, Cinisello Balsamo, Paderno Dugnano e Garbagnate Milanese. Un esempio di collaborazione fattiva ed efficace, foriera di grandi risultati.

A.B.