SEGRATE
AL VIA IL TELEFONO D’ARGENTO, SOSTEGNO 24 ORE SU 24 PER GLI ANZIANI

Agosto è il mese più difficile per gli anziani; il caldo e le città che si svuotano fanno salire l’allerta e per questo l’amministrazione segratese ha deciso di attivare un numero di telefono dedicato a questa fascia della popolazione.

Il telefono d’Argento02 26902402, supporterà gli anziani 24 ore su 24, sia durante i giorni feriali con la presenza degli operatori dei Servizi Sociali del Comune, sia in serata e nei giorni festivi con il supporto dei membri della confraternita Fraternità della Misericordia di Redecesio. Il funzionamento è molto semplice: la telefonata consentirà a chi risponde di valutare il bisogno e la richiesta di intervento, e di attivare così il personale specializzato, per fornire nell’immediato l’aiuto richiesto.

“Un’iniziativa in linea con il programma di mandato del Sindaco Paolo Micheli -ha spiegato Santina Bosco, Assessore ai Servizi Sociali, con delega alla Terza Etàche punta alla centralità della persona e ad aiutare le persone in difficoltà, in questo caso gli anziani, perché nessuno si senta solo o ignorato, ma possa contare su una rete di sussidiarietà costruita dai servizi sociali cittadini e dal volontariato”.

Durante i mesi estivi quando i figli e i nipoti sono in vacanza, spesso a molte persone anziane basta scambiare due chiacchiere con una voce amica, presente in qualsiasi momento, anche per piccole paure, in modo da farli sentire sicuri e mai soli, obiettivo che infatti cerca di porsi l’Amministrazione.

Ma non si tratta solo di un sostegno emotivo, ma di un aiuto concreto. Se la persona avrà bisogno di svolgere piccole commissioni, come comprare una medicina in farmacia, fare la spesa vicino a casa, oppure essere accompagnato ad una visita, il Comune sarà sempre presente proprio attraverso il Telefono D’Argento, mentre nel caso di un intervento prettamente sanitario, se ne occuperà direttamente la Fraternità della Misericordia.

In pratica –ha concluso l’Assessore Bosco il Telefono d’Argento è un’ estensione del servizio effettuato nel corso dell’anno in un mese particolarmente a rischio per chi non è più giovane”. 

Alla fine del mese, si calcoleranno i numeri di quanti utenti hanno usufruito del servizio e su questa base sarà deciso l’eventuale mantenimento del servizio e anche di alcuni ulteriori potenziamenti.

GABRIELE ROSSI