CARUGATE
SCULTORI DI FAMA PER FESTEGGIARE IL 10° COMPLEANNO DELL’ OLMO D’ORO

Ci sono cose strane e inspiegabili nella vita di un’associazione, ad esempio il fatto di essere rinomata in gran parte della Regione Lombardia, di aver scolpito in rifugi della Valle d’Aosta come nelle regioni del centro Italia, di aver raggiunto dieci anni di vita con centinaia di iscritti e appassionati, decine di riconoscimenti e premi, eppure, avere una fama che spopola più fuori confine che nel proprio paese.

É questo il caso degli scultori dell’Olmo d’Oro, che comunque sono fermamente convinti di voler puntare ancora su Carugate, dove hanno organizzato nella loro sede del Parco Centro per venerdì 5 giugno, un simposio di tutta una giornata con undici grandi scultori da tutta Italia, per onorare il decennale dell’associazione, abbinato all’annuale festa “arte nel parco“, che riempirà con musica, ristoro, esibizioni ed esposizioni artistiche, le giornate di sabato 6 e domenica 7 giugno.

Tema del simposio, che partirà alle 09.00 del mattino, é sì il cibo, per restare nel tema centrale dell’anno di Expo 2015, ma declinato nel centenario della Prima Guerra Mondiale, e quindi legato al piacere della tavola, ma anche alla sofferenza della fame. A giudicare le opere sará una commissione formata da alcuni artisti ed esperti d’arte carugatesi, come il Maestro Sangalli, Arianna Galli dall’Accademia delle Belle Arti di brera e Maria Capizzi, oltre al l’assessore competente Michele Bocale. “Verrà premiata una sola opera -spiega il Pesidente dell’Olmo Claudio Ferrariniche riceverà un assegno da 300 euro, mentre le altre resteranno a Carugate con l’intento di far partire una sorta di mostra itinerante in alcuni luoghi chiave del paese”. La cerimonia di premiazione si terrà domenica alle 16.00 prima della chiusura della festa.

È proprio la festa non tradirà le aspettative di chi pensa di trovare nel Parco Centro, nuovi stimoli artistici per dare sfogo alla propria creatività. Non mancheranno infatti artisti della lavorazione al tombolo, i vasai, gli scultori di pietra, gli artigiani dell’argilla e del vetro, i pittori e ovviamente gli scultori di legno.

Per i dieci anni infatti, gli allievi dei corsi di scultura dell’Olmo, che ormai hanno sedi dislocate in diverse province della Lombardia, hanno realizzato a 40 mani una formella con il logo dell’Olmo, che verrà installata sulla parete della sede e inaugurata sabato alle 14.00. Musica, danze e balli folcloristici faranno come sempre da intrattenimento per la serata di sabato, mentre il punto ristoro offrirà piatti pronti realizzati da un pastificio di Brugherio.

Nell’organizzazione non manca nulla, ora tocca alla partecipazione. Arte e divertimento sono assicurati.

Contenuto a scopo promozionale