BRUGHERIO EPIFANIA
ATTESI IL CORTEO E L’ESPOSIZIONE DELLE RELIQUIE DEI RE MAGI

Foto di copertina presa dal web, archivio del “Il Cittadino”, che ne detiene i diritti

L’Epifania è una festività molto sentita a Brugherio, città che conserva le reliquie dei Re Magi.
Tanti sono gli appuntamenti fissati per le celebrazioni e i festeggiamenti cittadini, a partire dalla possibilità di degustare il “Menu dei Re Magi”, come via abbiamo preannunciato qui.

Il primo evento tra quelli organizzati dalla Comunità Pastorale Epifania del Signore sarà l’incontro con il Monsignor Marcello Semeraro, fissato per domenica 4 Gennaio alle ore 21.00 presso il salone polifunzionale dell’Oratorio San Giuseppe.
Sarà un importante momento di condivisione in cui il Monsignore porterà la propria personale testimonianza relativa all’esperienza di collaborazione con Papa Francesco, a cui è molto vicino. Il giorno successivo sarà sempre Monsignor Marcello Semeraro a tenere la messa vigilare dell’ Epifania, alle ore 18.00 presso la chiesa di San Bartolomeo.

Come da tradizione, martedì 6 Gennaio le reliquie dei Re Magi saranno esposte alla venerazione dei fedeli, che potranno vederle nel loro splendido reliquiario del ‘700 sempre nella chiesa di San Bartolomeo.

Nel giorno dell’ Epifania Le celebrazioni coinvolgeranno tutte le parrocchie.
Per far rivivere a grandi e piccini le emozioni del cammino dei tre saggi, alle ore 15.15 tre uomini vestiti da Re Magi percorreranno in processione le strade che portano dalle chiese di San Paolo, San Carlo e Santa Maria Nascente sino a via De Gasperi, punto di incontro dei tre cortei. Da qui proseguiranno accompagnati dal Corpo Musicale di San Damiano-Sant’Albino, sino a giungere alla chiesa di San Bartolomeo per un momento di preghiera e per il tradizionale gesto di venerazione del “bacio degli umitt”. Seguirà un momento di ristoro offerto da Unitalsi e accompagnato dalle note della banda.

Come ogni anno sarà un momento speciale di preghiera e condivisione per tutti i cittadini di Brugherio, aperto anche ai tanti altri fedeli dei paesi vicini.