CERNUSCO
LE IENE DAI SERVIZI SOCIALI, SI SCATENA LA BAGARRE SUI SOCIAL NETWORK

E’ polemica accesa a Cernusco, dopo il servizio delle Iene, annunciato dalla redazione di fuoridalcomune.it le scorse settimane e andato in onda ieri sera. (guarda il video completo).
Un pezzo a tinte forti che coinvolge direttamente i servizi sociali del comune, accusati di aver sottratto tre minori ai loro genitori per il solo fatto che la loro casa fosse in disordine.

Nessuna verifica delle fonti invece, delle documentazioni e delle motivazioni che avrebbero portato gli assistenti sociali ad intraprendere la scelta più drastica nei confronti della famiglia Viviani.

Ma nel frattempo i social network si sono scatenati, e in men che non si dica sono stati postati messaggi di disprezzo nei confronti delle istituzioni cernuschesi.

Sapevo di essere governato da incapaci ma dopo aver visto il video delle Iene ne ho avuto la certezza piena!!” accusa qualcuno.
“Le nostre istituzioni dovrebbero solo vergognarsi!” replica qualcun altro. Fino ad arrivare a messaggi più pesanti con le minacce di alcuni cittadini di “tagliare la testa alle istituzioni coinvolte”.
Commenti quasi al limite della querela: “Ma questi cretini dei servizi sociali, ora intervistati alle Iene, saranno mica quei geni di Cernusco sul Naviglio vero?? incapaci

Secco, invece, il commento del Sindaco Eugenio Comincini che accusa il programma di “Mistificare la realtà attraverso la rappresentazione televisiva”   e aggiunge: “Di sicuro chi si dovrebbe vergognare non sono gli assistenti sociali del Comune. Gli incapaci sono quanti, senza conoscere fatti, norme e istituzioni coinvolte, pensano che gli assistenti sociali giochino con la vita delle persone.

Un argomento molto delicato, dove il riserbo dovrebbe essere massimo, dato il coinvolgimento nella vicenda di tre minori, come ricorda un altro post: “Su queste cose meglio tacere piuttosto che appunto diffondere messaggi od impressioni errate. Conosciuto l’argomento e consci di aver fatto tutto correttamente, magari qualche politico (assessore?) avrebbe dovuto accompagnare i signori delle Iene alla porta del municipio e salutarli cortesemente (non è ceto obbligatorio ospitarli e offrirsi al loro pasto….). Questo si che mi suona strano non sia stato fatt !

In attesa del comunicato ufficiale dell’amministrazione, l’invito a moderare i toni è sempre opportuno soprattutto sui social network, dove i messaggi sono pubblici e si diffondono rapidamente, e il rischio di incorrere in qualche cantonata è sempre dietro l’angolo.

 

articolo di: DAVIDE SALVI