CERNUSCO SUL NAVIGLIO – Il Comune finanzia progetti in Benin, Uganda e Repubblica Dominicana

L’ampliamento di una casa-famiglia con la costruzione di un piano rialzato e nuovi servizi igienici (Benin), l’installazione di un sistema per rendere potabile l’acqua di una scuola (Uganda) e un supporto alle realtà locali che si occupano di infanzia a rischio di esclusione, disabili e diritto allo studio (Rep. Dominicana). Questi i progetti che il Comune di Cernusco sul Naviglio ha finanziato per un totale di 16.000 euro attraverso un bando a cui hanno partecipato diverse associazioni operanti nel terzo settore.

Attraverso il progetto che si è classificato al primo posto (finanziato con 3.780 euro sui 6.000 necessari) saranno adeguati i servizi igienici della casa-famiglia, realizzata in Benin dall’Associazione So.ba.di.ma.lo., per garantire una maggiore igiene. Non solo. Sarà anche ampliata la struttura con la costruzione di un piano rialzato per consentire una migliore distribuzione dei bambini ospitati.

Al secondo posto, invece, un progetto (proposto  dall’Associazione Balidhabene e finanziato con 6.120 euro su un costo totale di 10.000 euro) che prevede l’installazione di un sistema di potabilizzazione dell’acqua nella scuola professionale Balidhabene Trainig Centre, in Uganda, e la fornitura di reti antizanzare da letto per ridurre la diffusione di malattie come le infezioni intestinali e la malaria.

Il terzo progetto che ha ottenuto il finanziamento è Nessun@ Esclus@ (ha ottenuto il finanziamento di 6.100 euro su un totale di 24.420 euro): si tratta di un supporto fornito ai bambini disabili in età di inserimento scolastico e agli adolescenti provenienti da nuclei familiari in situazioni di disagio socio-economico. Sara realizzato nella Repubblica Dominicana dall’Associazione ColorEsperanza.

Al bando ha partecipato anche l’Associazione Spazio Solidale che si è classificata al quarto posto e che non ha ricevuto il contributo per mancanza di fondi.

Nell’altra area di intervento prevista dal bando, quella relativa all’educazione allo sviluppo, è stato finanziato, con un contributo di 3.300 euro, il progetto formativo del C.N.G.E.I. denominato “Acqua in b(R)occa” che coinvolgerà anche le classi prime della scuola media Aldo Moro della città, con incontri di sensibilizzazione sul tema dell’acqua.