Leonora Tess: la giovane promessa della lirica italiana è di Gessate

L'amore per la musica e i suoi progetti futuri

Eleonora Boaretto, in arte Leonora Tess, gessatese classe 1996, è una giovane promessa della lirica italiana. Nata in una famiglia da sempre appassionata di opera lirica, a sei anni ha iniziato lo studio del pianoforte.

UNA PASSIONE INIZIATA IN FASCE

«Diciamo che più che essermi avvicinata alla musica, mi ci sono trovata dentro da quando ero ancora nella pancia di mia mamma, perché a casa nostra non è mai mancata la musica. I miei genitori, appassionati di opera lirica, mi raccontavano le trame delle opere come se fossero state fiabe, e io ascoltavo una composizione come un cartone animato della Disney – ha esordito Leonora Tess –. A 3 anni non mi addormentavo senza “Il barbiere di Siviglia” di Rossini di sottofondo, sapevo tutta l’opera a memoria, anche se il personaggio che più mi appassionava era Figaro, e a 5 anni sono stata teatro per la prima volta con mio papà».

LA FORMAZIONE

In prima superiore è stata ammessa al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano mentre frequentava il Liceo delle Scienze Umane. Alla fine delle scuole superiori ha deciso di iniziare a studiare canto, senza abbandonare il pianoforte, ed è stata ammessa al triennio accademico di canto lirico al Conservatorio Gaetano Donizetti di Bergamo, dove ha conseguito la laurea triennale.

«La mia passione più forte è il canto, ed è nata dallo studio del pianoforte – ha dichiarato Leonora Tess – Ho sempre preferito accompagnare i cantanti piuttosto che suonare da sola. A casa, per rilassarmi, prendevo lo spartito di un’opera, versione canto e piano, e la suonavo cantando tutte le parti dei cantanti. Questa capacità che ho sviluppato con lo strumento certamente ancora adesso mi aiuta nello studio del canto e nella lettura a prima vista degli spartiti».

I RICONOSCIMENTI

Numerose le esperienze su svariati palcoscenici sia in Italia che all’estero. Ha interpretato protagoniste femminili di opere liriche tra le quali, solo per citarne alcune, Berta del Barbiere di Siviglia, Annina della Traviata, Giannetta dell’Elisir d’Amore, Serpina de La Serva Padrona. Si è esibita anche in tournée in Cina con Frasquita nella Carmen di Bizet e in Ungheria con Tiziana Fabbricini. Finalista di concorsi lirici internazionali, ha ricevuto premi come giovane talento ai concorsi italiani di Mesero, Milano e Sissa – dove le è stato assegnato anche il terzo premio.

UN GRANDE IMPEGNO

«È una professione che richiede alcuni piccoli sacrifici e accortezze, ed è sicuramente difficile conciliare sempre lo studio, la vita professionale e il tempo libero – ha continuato Leonora Tess – L’esperienza più bella che finora ho vissuto è stata la tournée a Fuzhou in Cina e in Ungheria. Ricordo con emozione le recite di Carmen a Messina e le tante esperienze vissute al teatro novarese Coccia e con il Maestro Beltrami, al quale sarò sempre grata per essere stato uno dei primi che ha creduto nelle mie potenzialità».

Sono tanti i progetti futuri di Leonora, tra i quali la laurea biennale in canto lirico, gli spettacoli e gli eventi in cantiere.

«Posso dire che sabato 17 e domenica 18 febbraio sarò al Teatro Alighieri di Ravenna per interpretare il ruolo di Barbarina ne “Le nozze di Figaro” di W. A. Mozart, sotto la direzione di Erina Yashima e con la regia di Giorgio Ferrara – ha concluso Leonora Tess –. Il mio più grande sogno in questo momento è sicuramente quello di riuscire ad andare avanti sempre meglio in questo percorso. Il canto e la musica hanno sempre fatto parte della mia vita, sono cresciute insieme a me e mi fanno essere quella che sono nella vita di tutti i giorni. Credo che l’odore del palcoscenico stia diventando una specie dipendenza e per questo spero che il mio mestiere mi accompagni sempre».

 

Augusta Brambilla