Città Metropolitana, dopo l’arresto Siria Trezzi rimette le deleghe

L'ex Sindaco di Cinisello Balsamo si trova agli arresti domiciliari con l'accusa di corruzione

Siria Trezzi ha rimesso le proprie deleghe presso la Città Metropolitana di Milano. Negli scorsi giorni, l’ex Sindaco di Cinisello Balsamo era stato arrestato per corruzione insieme a Roberto Imberti, marito e imprenditore.

«Con una lettera datata 19 giugno e indirizzata al Sindaco metropolitano Beppe Sala, la consigliera delegata alla mobilità Siria Trezzi ha rimesso le deleghe presso la Città metropolitana di Milano a seguito della vicenda giudiziaria che la vede coinvolta», ha spiegato Palazzo Isimbardi con una breve nota.

Le accuse di corruzione

Stando alle indagini della Guardia di Finanza iniziate nel 2016, Trezzi – insieme al marito e ad altri membri della giunta comunale – avrebbe truccato le procedure per alcune concessioni edilizie, in cambio di favori e – nel caso del dipendente comunale – denaro contante.

Siria Trezzi è stata Sindaco del Partito Democratico a Cinisello Balsamo dal 2013 al 2018. Dopo la mancata rielezione, ha ricevuto l’incarico di consigliere delegato presso Città Metropolitana, da cui ha appena rassegnato le dimissioni. Qualche giorno fa, Trezzi si era autosospesa dal PD, che aveva espresso il proprio rammarico attraverso una nota.

«Abbiamo appreso in queste ore – si legge – la notizia delle misure cautelari, eseguite dalla Guardia di Finanza, nei confronti di Siria Trezzi e di Ivano Ruffa. Tutti noi siamo colpiti e rammaricati, ed esprimiamo piena fiducia nel lavoro della magistratura. Confidiamo che le persone coinvolte chiariranno tutto, dimostrando la loro totale estraneità ai fatti contestatigli».