COLOGNO
BLITZ IN UNA PELLETTERIA CINESE. 13 I LAVORATORI IN PRECARIE CONDIZIONI

I Carabinieri di Sesto San Giovanni, coadiuvati da quelli del nucleo ispettorato Lavoro di Milano, sono intervenuti in una pelletteria abusiva in via Barcellona a Cologno Monzese a seguito di alcune segnalazioni.

Ad insospettire le forze dell’ordine è stata la reticenza dei proprietari, due persone di nazionalità cinese di 46 e 48 anni, che cercavano scuse per non permettere il controllo.

Una volta all’interno della struttura i militari hanno trovato un gran numero di macchinari e una cucina capace di fornire pasti a un gran numero di persone.

Insospettiti ulteriormente hanno quindi proceduto alla perquisizione completa di tutti i locali fino all’amara scoperta. Nascosti in un minuscolo intercapedine di cartongesso, coperto da mobili e altro materiale, erano stati fatti entrare 13 lavoratori, anch’essi di origine cinese, che sono stati liberati dai CC.

Una volta scoperto il nascondiglio gli operai, tutti naturalmente irregolari, sono stati fatti uscire ad uno ad uno. Le condizioni all’interno del nascondiglio, così come in tutto il resto del capannone, erano al limite della decenza viste le pessime condizioni igienico sanitarie in cui i tredici erano costretti a lavorare e, probabilmente, anche a vivere.

I due proprietari sono stati tratti in arresto con l’accusa di favoreggiamento e sfruttamento dell’immigrazione clandestina.