CARUGATE – Le bancarelle più belle sono quelle di Rosanna Biffi e Giuliano Zambelan

Prodotti fatti interamente a mano e nati dall’ingegno e dalla creatività dei proprietari: queste erano le caratteristiche ricercate dall’Amministrazione Comunale di Carugate per individuare le due bancarelle che domenica 19 settembre, nell’ambito della Festa del paese (diventato ormai città), si sarebbero dovute aggiudicare i premi messi in Palio per il quinto Concorso Migliore bancarella dell’anno.

I premi sarebbero dovuti essere consegnati durante la mattinata, ma scegliere non è stato facile come previsto. Per questo la decisione ha richiesto più tempo: solo alle 17 il vicesindaco Paolo Grimoldi è riuscito a proclamare i vincitori.

Il primo premio è andato alla bancarella di Rosanna Biffi, residente a Besana Brianza, che da 5 anni realizza tovaglie e accessori per la casa decorati a mano con stencil e acquarelli. La signora, oltre alla traga, ha ricevuto un buono per due coperti presso il ristorante Da Peppino, offerti dall’Amministrazione comunale.

Il secondo premio, invece, è stato dato a Giuliano Zambelan, di Melegnano, che da 2 anni produce divertenti accessori e targhe in legno, con lettere di legno a comporre vari nomi. Oltre alla targa, l’uomo ha vinto un buono per due coperti presso la pizzeria Il Grillo Parlante di Carugate.