Si è spento lo scrittore Giuseppe Severi, memoria storica di Cologno Monzese

Umbro di origine e colognese d’adozione, Giuseppe Severi ha raccontato la storia della città attraverso i suoi libri e un prezioso patrimonio di fotografie

giuseppe severi cologno
Una delle fotografie del Fondo Giuseppe Severi - Biblioteca di Cologno

La comunità di Cologno Monzese ha dato oggi l’ultimo saluto a Giuseppe Severi, lo scrittore che ha raccolto e raccontato la memoria storica della città. Di origine umbra, appassionato di storia e tradizioni locali, da quando si è trasferito a Cologno negli anni ’60 ha dedicato alla città più di dieci libri e 14mila fotografie.

Un patrimonio prezioso di ricordi e immagini che raccontano di osterie, lavatoi e corti. Ritratti di epoche lontane, che grazie alla passione di Giuseppe Severi possono rivivere anche nella memoria dei più giovani.

Nel 2017 lo scrittore ha scelto di donare parte del suo archivio storico all’amministrazione comunale: migliaia di fotografie che sono custodite presso la biblioteca di Cologno, con la quale Severi ha collaborato nel tempo.

Ed è proprio la biblioteca che ricorda Severi con sincero affetto e celebra la sua memoria con una bibliografia dedicata alle sue opere e il Fondo Giuseppe Severi, un archivio digitale delle fotografie da lui raccolte.

L’immagine di apertura fa parte di questo archivio e si intitola “Ragazzi giocano a carte dopo gli anni della seconda guerra mondiale“.