Manifattura K è tra i vincitori del programma “Per chi crea”

Contributo erogato grazie al progetto "Stranger teens", dedicato ai ragazzi tra gli 11 e i 14 anni

Marco Di Steafano e Chiara Boscaro, direttori di Manifattura K

Manifattura K ha fatto centro. Il teatro di Pessano con Bornago, ormai in chiusura, è infatti una delle otto residenze artistiche ad essersi aggiudicata un contributo (30.000 euro) da SIAE e MIBAC, grazie al programma nazionale “Per chi crea”, che destina il 10% dei compensi “Per copia privata” a supporto della creatività e della promozione culturale dei giovani.

STRANGER TEENS

Manifattura K, casa di Associazione K, che si occupa di produzione e programmazione culturale, si è aggiudicata il bando grazie al progetto “Stanger Teens”, che si svolgerà a Pessano fino alla chiusura della ex Filanda e, dalla primavera 2020, a Varese.

«Un titolo [stranger teens… ndr] che strizza l’occhio alle serie che piacciono ai più giovani per un progetto di residenza che porterà a Pessano due artisti multidisciplinari under35 di livello nazionale, tutto dedicato ai giovanissimi della fascia 11-14 anni – hanno detto Chiara Boscaro e Marco Di Stefano, direttori di Manifattura K -. Gli artisti coinvolti – hanno proseguito – lavoreranno con i ragazzi e le ragazze a laboratori di ricerca e sperimentazione di nuovi linguaggi. Tutti gli artisti coinvolti, poi, nella primavera del 2020, metteranno competenze e capacità al servizio di una performance collettiva e innovativa, a cui ragazzi e le ragazze potranno partecipare come pubblico (stiamo già organizzando un servizio di trasporto per permettere a tutti di arrivare a Varese). I giovanissimi – hanno concluso – avranno la possibilità di partecipare gratuitamente a tutte le attività, proprio in questi giorni stiamo procedendo a contattare scuole, oratori, CAG».

UNA SPERANZA

Primo passo è la ricerca e selezione dei due artisti multidisciplinari da portare a pessano per lavorare con i ragazzi. SI cercano fotografi, autori Writers, artisti e visivi e molto altro. Due sono le caratteristiche necessarie: essere under 35 e avere voglia di mettersi in gioco con ragazzi tra gli undici e i quattordici anni. Il bando è aperto a tutti gli artisti di ambito nazionale, ma a Chiara Boscaro e Marco Di Stefano piacerebbe che «almeno uno o una degli artisti venisse dal territorio».