Caldo e animali domestici: le raccomandazioni del Ministero della Salute

Il comune di Gorgonzola ha reso disponibile l'opuscolo dedicato alla salute degli animali d'affezione durante le calde giornate estive

area cani gessate

Durante la stagione estiva, con le giornate calde e afose, occorre tutelare la salute non solo di anziani e bambini ma anche degli animali domestici. Per questa ragione il comune di Gorgonzola ha pensato di rendere disponibile sul suo sito un opuscolo del Ministero della Salute dedicato proprio a questo tema.

LE INDICAZIONI

Cani, gatti, piccoli animali e uccelli non sudano: la loro termoregolazione avviene mediante un sistema di “raffreddamento ad aria”.

È necessario prestare attenzione al colpo di calore, che è una grave condizione patologica per la quale la temperatura corporea si innalza sino a 41-43 gradi; al colpo di sole in quanto negli animali a mantello nero, il colore aumenta l’assorbimento dei raggi solari; negli animali a mantello e cute bianchi risultano particolarmente sensibili la zona della testa, occhi, orecchie e muso; negli animali tosati perché viene a mancare la protezione del pelo.

Le raccomandazioni suggeriscono di non lasciare gli animali in auto, non è sufficiente lasciare i finestrini un poco aperti e neanche parcheggiare all’ombra, perché l’abitacolo del veicolo si riscalda rapidamente e non lasciare gli animali legati in luoghi esposti alla luce solare diretta.

È importante assicurarsi che abbiano sempre a disposizione acqua fresca, soprattutto dopo l’esercizio fisico; evitare di portarli a spasso nelle ore più calde della giornata; valutare la possibilità di portare i cani in spiaggia solo se sussistono condizioni favorevoli, come ad esempio la ventilazione e l’ombra.

Inoltre, è consigliabile comunque non tenere gli animali in ambienti eccessivamente condizionati ed evitare gli sbalzi di temperatura.

 

Augusta Brambilla