Riapertura dei Navigli: al convegno con gli architetti di Milano c’è anche il vice sindaco di Bussero

Massimo Vadori ha partecipato al convegno "Milano: la riscoperta dell'acqua da Leonardo ad oggi" in veste di relatore

La riapertura dei Navigli è un tema caro agli abitanti di Milano, che, tra progetti, studi di fattibilità e analisi dei costi, potrebbero rivedere le acque del Naviglio tornare a scorrere in città dopo quasi un secolo.

Negli ultimi giorni il tema è tornato al centro dell’attenzione pubblica, grazie al convegno Milano: la riscoperta dell’acqua da Leonardo ad oggi, a cui ha partecipato in veste di relatore anche Massimo Vadori, Vicesindaco di Bussero.

IL CONVEGNO

La conferenza, che si è tenuta nel mese di giugno, è stata organizzata da Fondazione Carlo Perini in collaborazione con il Comune di Milano ed è stato l’appuntamento conclusivo del ciclo “Milano città d’acque“.

Durante il suo intervento, Massimo Vadori ha spiegato l’importanza della valorizzazione dei corsi d’acqua, illustrando alcuni progetti messi in atto dalle Amministrazioni locali, come la riqualificazione di Cascina Gogna, a Bussero.

IL PROGETTO DI RIAPERTURA DEI NAVIGLI

Nel sottosuolo di Milano giacciono oltre 200 chilometri di corsi d’acqua, che, se ripristinati, potrebbero costituire una vera e propria “infrastruttura verde” per la città. L’obiettivo del progetto, presentato dal Sindaco di Milano Giuseppe Sala nell’estate del 2017, prevede una riapertura progressiva, divisa in più fasi, che possa restituire ai cittadini di Milano lo storico tracciato dei Navigli di fine Ottocento.

Dal punto di vista urbanistico, il progetto potrebbe contribuire a consolidare il rilancio di Milano come importante meta turistica, ma anche offrire una nuova visione della città sul piano ambientale.

I NUOVI NAVIGLI MILANESI

La riapertura dei navigli è un tema storicamente caro al Vicensindaco di Bussero Massimo Vadori, che lo scorso anno aveva collaborato con gli architetti Antonello Boatti e Marco Prusicki alla realizzazione de I nuovi Navigli Milanesi, un volume che offre un’ampia panoramica del progetto.

Sempre nel 2018, Vadori ha anche partecipato a un convegno al Centro Intergenerazionale di Gorgonzola, in cui si discuteva della possibilità di riapertura dei canali meneghini e sui benefici che avrebbe portato al territorio.