Waiting for Vintage Roots: il festival di Inzago si prepara all’edizione 2020

Un evento per attendere insieme l'11° edizione del festival, che si terrà il prossimo anno

Ti piace la musica americana degli anni 30, 40 e 50? Vuoi vivere l’America degli anni ruggenti? L’appuntamento da non perdere è il Waiting for Vintage Roots Festival di Inzago, per celebrare quello che da dieci anni è un evento imperdibile in martesana.

IL FESTIVAL

Il Vintage Roots Festival è nato nel 2008, una sera d’estate in piazza Maggiore a Inzago, dalla volontà di Davide Bianchi e Savino Raguseo di dare vita a un festival di Rock’n’roll. Nel 2009, scelsero di organizzare il festival su una identità musicale e culturale ben precisa, l’American Roots music ossia le correnti musicali in voga prima dell’avvento del Beat inglese nel 1963.

UN ANNO DI STOP

In attesa dell’undicesima edizione del Vintage Roots Festival, che – saltando quest’anno – si terrà dal 23 al 28 giugno 2020, l’associazione culturale Vintage Roots, in collaborazione con la Pro Loco inzaghese, ha organizzato un evento preparatorio in programma per domenica 30 giugno a Melzo.

L’EVENTO DI DOMENICA 30

Melzo, le vie e le piazze del centro storico si animeranno a partire dalle 12 e fino alle 24 con la cultura e lo stile di vita americano degli anni trenta, quaranta e cinquanta.

Band, Dj Set, Stage di Ballo ’50 Gentle Jive con Jay Cee da Parigi, mostra di auto Americane pre ’65 e Vintage Market. La serata si concluderà con un live di spessore internazionale con Cherry Casino and the Gamblers da Berlino.

Voluto e sostenuto interamente dal DAM, Distretto Attività Melzesi, e con il patrocinio del comune di Melzo, sarà un momento di aggregazione per famiglie, giovani, adulti e bambini.

Per restare aggiornati sul Festival e sugli eventi a esso legati è possibile visitare la pagina Facebook ufficiale.

 

Augusta Brambilla