Gaming zone in biblioteca: la novità a Gorgonzola

Il progetto svilupperà un'area dedicata al gioco da tavolo e allo sviluppo delle relazioni

La Biblioteca di Gorgonzola non sarà più solo luogo preposto alla lettura e allo studio, ma si appresta a introdurre una importante novità legata alla creazione di una gaming zone.

UN RITROVO PER TUTTE LE ETÀ

L’Amministrazione comunale vuole così sperimentare e sviluppare una zona aperta a tutte le fasce d’età in cui rendere disponibili giochi da tavolo al prestito e alla condivisione all’interno di un ritrovo protetto per gamers appassionati, principianti o educatori curiosi.

Il nuovo servizio bibliotecario si prefigura anche l’intento di catturare l’interesse di un pubblico sempre più ampio senza dimenticare, come sottolinea Valentina Bondesan in “Gaming@yourlibrary”, che «la cornice all’interno della quale simuove il gaming è quella intramontabile della lettura».

«FAVORIRE LO SVILUPPO DI CAPACITÀ COGNITIVE»

«Il gioco è un modo divertente per allenare la mente e favorire relazioni sociali. Verranno proposti giochi non fini a se stessi ma in grado di sviluppare positivamente, in grandi e piccini, capacità cognitive, di comunicazione, collaborazione e risoluzione dei problemi», ha dichiarato Nicola Basile, assessore con deleghe alle Politiche per la famiglia e la persona, Politiche giovanili, Cultura e Partecipazione.

COME CONTRIBUIRE

Tutti sono chiamati a contribuire all’avvio di questo nuovo progetto, donando alla biblioteca civica giochi, dadi, carte o altro materiale, purché in buono stato e completo. Sarà compito dei bibliotecari provvedere alla selezione e quelli che saranno esclusi dalla gaming zone troveranno nuova vita in postazioni passagioco per lo scambio gratuito, che verranno attivate ad hoc.

 

Augusta Brambilla