A Cologno la bandiera della pace più lunga d’Italia

Domani, 23 febbraio, manifestazione a Cologno. Gli organizzatori chiedono un'altra gestione dell'immigrazione e attaccano l'amministrazione

Centocinquanta metri. Questa è la lunghezza della bandiera della pace che domani, 23 febbraio, alle ore 15.30 verrà dispiegata in Piazza Castello a Cologno Monzese. Gli organizzatori vogliono lanciare un messaggio chiaro: un diverso approccio all’immigrazione è possibile. Diverso da cosa? Dalla quella che definiscono senza mezzi termini una «deriva autoritaria e neofascista di una certa destra»

UN MESSAGGIO PER IL SINDACO ROCCHI

La manifestazione affronta un tema nazionale ma avviene in una città, Cologno Monzese, dove il tema immigrazione sta tenendo banco da parecchio tempo. Sono gli stessi organizzatori a fare il collegamento nazionale-locale. «A Cologno Monzese-hanno scritto– siamo spettatori di scelte amministrative che perseguono il medesimo obiettivo proposto a livello nazionale di distrarre dai problemi veri e di alimentare l’avversione verso gli stranieri». All’amministrazione vengono contestate diverse azioni come la chiusura dello sportello informativo stranieri, la chiusura della scuola di italiano per stranieri e la concessione di spazi pubblici per la “rievocazione nazista”.

GLI ADERENTI: PARTITI, SINDACATI E ASSOCIAZIONI

Gli aderenti: Acli, Anpi, Auser, CISL Funzione Pubblica, Cologno Solidale e Democratica, Cologno Bene Comune, Cologno Social Media, Partito Socialista Italiano, Rivista Poliscritture, UIL, Libera Casa contro le mafie, Partito Democratico, Mimopo, Italia-Cuba, Rifondazione Comunista, Sinistra Italiana e SA.SE.F.