No al razzismo: gli studenti del Di Vittorio di Pioltello a San Siro

i bambini si sono recati allo stadio per partecipare all'iniziativa dell'Inter B.U.U.

Sabato 19 gennaio circa 150 studenti dell’Istituto Mattei Di Vittorio si sono recati a San Siro, in occasione dell’incontro di calcio di Serie A Inter-Sassuolo, giocato di fronte a oltre 11mila ragazzi, provenienti dalle scuole di Milano e provincia, dalle scuole calcio Inter e dal CSI.

CONTRO RAZZISMO E VIOLENZA

Tutti insieme per dimostrare, dopo la squalifica del Meazza a causa dei cori razzisti indirizzati durante la partita Inter-Napoli al giocatore di colore Kalidou Koulibaly, che lo sport, e i giovani in particolare, sono contro il razzismo e la violenza.

Una partecipazione attiva quella dei ragazzi del Mattei Di Vittorio all’iniziativa dell’Inter, denominata B.U.U. Brothers Universally United, acroninimo in inglese di fratelli universalmente uniti. Sostenuta dagli insegnanti coinvolti, dalla vicepreside Letizia Roberta e dalla preside Lucia Pacini, che hanno organizzato la “trasferta” e accompagnato l’impegno profuso dagli studenti nella realizzazione degli striscioni antirazzismo dal titolo “Le razze umane: voto 0. La razza umana: voto 10”.

UN CAMBIAMENTO CULTURALE

L’assessore alla Scuola Maria Gabriella Baldaro ha dichiarato: «No alla violenza nello stadio, no ai cori razzisti e xenofobi. L’Istituto Mattei Di Vittorio di Pioltello afferma con decisione un messaggio culturale importante allo stadio Meazza, durante la partita del campionato di Serie A Inter -Sassuolo. La partita è finita 0 a 0, ma chi ha vinto sono loro e le loro voci unite all’unisono in un messaggio d’amore. I bambini e i giovani ci danno speranza per un futuro migliore, decisamente contro tendenza rispetto allo spirito che aleggia nel nostro Paese. Penso che le discriminazioni, l’indifferenza e i pregiudizi non debbano sostare nemmeno per un attimo nelle nostre scuole. Complimenti ai ragazzi e ai loro insegnanti, veri artefici del cambiamento culturale. Evviva le scuole di Pioltello”.

L’insegnante Mirco Raso, tra coloro che hanno promosso la partecipazione degli studenti alla partita, ha sottolineato: «Gli alunni del Mattei Di Vittorio hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa dell’Inter contro il razzismo negli stadi e in 150 tra bambini e docenti si sono recati allo Stadio Meazza per assistere alla partita a porte chiuse tra Inter e Sassuolo. Eravamo 11mila allo stadio, 11mila bambini di tutte le razze che condividevano il messaggio di B.U.U Brothers Universally United, fratelli universalmente uniti, con un unico obiettivo: testimoniare la tolleranza e il rispetto verso l’altro! Grazie all’Inter e all’Ufficio Scolastico per aver dato questa grande opportunità ai nostri bambini!».

 

Augusta Brambilla