Guai per il nuovo polo scolastico di Cernusco. Alunni costretti a spostarsi

Il nuovo blocco all'impianto di riscaldamento fa discutere l'opposizione

Non c’è pace per il nuovo polo scolastico cernuschese. Dopo i “Piccoli brividi” di Dicembre ancora problemi per il plesso di Largo Cardinal Martini.

Inaugurata nel Settembre 2017 alla presenza dell’allora Premier Paolo Gentiloni (video qui)e di tutti i big del PD milanese, venerdì scorso, 18 Gennaio, sono stati rilevati problemi all’impianto di generazione del calore. Da qui la decisione di smistare i bambini della materna e delle primarie nelle altre scuole cittadine. L’ordinanza di chiusura rimarrà valida fino a domani, martedì 22 gennaio, ma la situazione dovrebbe tornare alla normalità già dal giorno successivo.

PROBLEMI ALL’IMPIANTO DI RISCALDAMENTO

Quando salta l’impianto di riscaldamento in una scuola siamo davanti ad un problema, se questo avviene di venerdì ci troviamo davanti ad un grosso problema. La ditta che si occupa della manutenzione non ha avuto la possibilità di intervenire durante il weekend e questo ha obbligato l’amministrazione comunale, con un’ordinanza lampo, a disporre la chiusura del plesso di Largo Cardinal Martini, fatta eccezione per il nido dove il problema di riscaldamento è subito rientrato. Da lunedì 21 Gennaio i bambini della materna sono stati ospitati nella scuola di via Dante, mentre quelli delle elementari in via Manzoni (prime, seconde e terze) e in piazza Unità D’Italia (quarte e quinte). «Ci rendiamo conto del disagio– ha detto il sindaco Ermanno Zacchettie ringraziamo la dirigenza scolastica, il personale, le famiglie, gli uffici e i fornitori dei servizi scolastici per la collaborazione. Continueremo a monitorare di ora in ora la situazione– ha aggiunto- così da poter revocare il provvedimento nel caso in cui il problema si risolvesse e le aule possano essere riscaldate».

POLEMICA INTERNA ALL’OPPOSIZIONE

Ad accendere la polemica è Rita Zecchini (La città in comune- sinistra per Cernusco) ex assessore all’istruzione della Giunta Comincini e lo fa dal suo profilo Facebook. «E’ da novembre che denunciamo in Consiglio comunale i guasti al sistema di riscaldamento della nuova scuola. Siamo a Gennaio– ha proseguito- e dobbiamo assistere a un assurdo trasloco forzato di tutte le classi della primaria  e della scuola d’infanzia. Il problema– ha concluso- è stato ampiamente sottovalutato dal sindaco e dall’assessore all’Istruzione». A stretto giro è arrivata la risposta di Caudio Gargantini (Cernusco Civica), anche lui consigliere di opposizione, ma decisamente più duro con la collega di minoranza piuttosto che con l’amministrazione.« E’ bene ricordare che questa amministrazione è stata brava a tamponare il disagio e a non lasciare a casa i ragazzi gestendo con intelligenza gli spostamenti, coordinandosi con la dirigenza dell’ Istituto Margherita Hack , presso gli altri due plessi scolastici così da gestire le lezioni evitando disagi alle famiglie.   Amministrazione di cui tu hai fatto parte». Secondo Gargantini le responsabilità sono tutte da imputare alla precedente amministrazione di cui Rita Zecchini ha fatto parte fino a qualche mese prima dell’inaugurazione del polo scolastico.