Back to school: il punto sulle scuole cernuschesi all’alba del nuovo anno

Dal nido alle superiori, tutte le novità che i vostri figli troveranno in questi primi giorni di scuola

Il ritorno a scuola di bambini e studenti cernuschesi questa mattina è stato ricco di emozioni e gioie, come ogni anno scolastico. Ma dietro alla loro emozione c’è un grande sistema, quello dell’istruzione, che non si è fermato con l’inizio delle vacanze a giugno. Durante l’estate infatti sono molte le novità che hanno integrato il sistema scolastico cernuschese e per questo abbiamo chiesto all’assessore all’Istruzione Nico Acampora di farci il punto della situazione.

NIDO E SCUOLA DELL’INFANZIA

Una delle novità più importanti è sicuramente l’apertura dell’asilo nido comunale di via Cardinal Martini. 30 posti inseriti in una struttura nuova e all’avanguardia quale è il plesso di via Lazzati e che integrerà l’offerta, già ampia, fornita dagli asili nido comunali di via Don Milani e di via Mosè Bianchi per un totale di 138 bambini iscritti. Grazie all’iniziativa “nidi gratis” di Regione Lombardia, circa il 65% delle famiglie iscritte ai nidi non pagheranno nessuna retta mensile. 

Per quanto riguarda invece la scuola dell’infanzia, il provveditorato ha concesso al Comune di Cernusco la possibilità di istituire una nuova sezione nella scuola materna di via Lazzati. Vista la grande richiesta, data dall’espansione della città in quella zona, il Comune ha deciso di impegnare delle risorse in questa direzione ed ampliare l’offerta della scuola dell’infanzia cernuschese mettendo a disposizione nuove aule. Dopodiché, lavorando a stretto con i Dirigenti Scolastici, è riuscito ad ottenere dal Provveditorato l’assegnazione di due maestre per la nuova sezione. Da segnalare anche il rifacimento dei giochi all’aperto in via Dante e in via Don Milani.

SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Le novità più importanti riguardano sicuramente la nomina dei Dirigenti Scolastici che guideranno i due Istituti Comprensivi di Cernusco: l’Istituto Rita Levi Montalcini e l’Istituto Margherita Hack. Se Nicola Ferrara è stato riconfermato alla guida dell’Istituto Montalcini diversa sorte è toccata a Claudio Mereghetti che non è più il dirigente dell’Istituto Hack. Al suo posto infatti è stata nominata Stefania Strignano, già dirigente della nuovissima scuola di Melzo e cittadina cernuschese.

Per quanto riguarda invece il lato delle infrastrutture scolastiche, sono da registrare gli interventi svolti in Piazza Unità d’Italia e l’inizio dei lavori nella scuola di via Manzoni. In p.za Unità d’Italia, grazie ai 420 mila euro stanziati dal Comune, ci si è adeguati alle norme antincendio (CPI) che prevedevano anche il totale rifacimento delle porte delle aule. In via Manzoni invece i bagni sono stati riqualificati e il locale mensa è stato risanificato. Indubbiamente la scuola di via Manzoni, la più vecchia tra le scuole cernuschesi ma anche la più storica, necessita di un restyling molto profondo. Con l’entrata in funzione, a pieno regime, del plesso di via Lazzati, chissà che non sia vicino il momento di un ammodernamento.

SCUOLE SECONDARIE SUPERIORI E PIANO DIRITTO ALLO STUDIO

Le buone notizie però arrivano anche fino alle scuole superiori. Stiamo parlando di 175.000 euro richiesti dal Comune di Cernusco ed erogati da Regione che andranno a finanziare il sostegno educativo degli studenti Cernuschesi con Disabilità che frequentano le scuole superiori. Un finanziamento importante, che garantirà il diritto allo studio di 28 ragazze e ragazzi disabili cernuschesi iscritti in ben 14 Istituti Superiori sparsi fra la provincia di Milano e Monza.

Infine il Piano di Diritto allo Studio, che andrà in votazione in Commissione alla fine del mese, vede al suo interno delle importanti novità. Una di queste è l’istituzione dello Sportello di Orientamento per DSA, dove i genitori di ragazzini affetti da disturbi dell’apprendimento potranno ricevere tutte le informazioni necessarie per rendere migliore l’esperienza didattica dei loro figli.