Controllo del vicinato: anche Cernusco firma con altri 40 comuni

Insieme a Cernusco anche Pioltello, Cassina, Cologno, Bussero e Rodano

La firma del protocollo da parte del sindaco Zacchetti

Anche la firma apposta dal sindaco di Cernusco sul Naviglio Ermanno Zacchetti si trova tra quelle degli altri 40 sindaci del territorio metropolitano che hanno sottoscritto con il prefetto il protocollo d’Intesa Progetto Controllo di Vicinato.

REGOLE E RICONOSCIMENTO

L’idea è quella di disciplinare le attività di controllo già presenti sul territorio, inserendole in un contesto istituzionalmente riconosciuto e più controllabile, oltre che regolamentato.
A Cernusco sono attivi, a oggi, due gruppi di Controllo di Vicinato nella zona a Nord della città.

UNA COLLABORAZIONE CON LE FORZE DELL’ORDINE

La sicurezza dei cittadini – ha spiegato il sindaco Ermanno Zacchetti è un bene pubblico fondamentale, che deve passare anche dalla promozione della cultura della legalità e della cura da parte dei cittadini della propria comunità. Partendo da esperienze di Controllo del Vicinato già attive in diversi comuni, questo protocollo le conduce alla valorizzazione di una collaborazione tra polizia locale, forze dell’ordine e cittadini che passa certo dalla tempestiva segnalazione da parte di quest’ultimi di situazioni particolari ma anche e prima di tutto dalla partecipazione ad avere cura del proprio quartiere. Un modo di contribuire alla sicurezza che non si sostituisce alle forze dell’ordine, ma che collabora per aumentarne l’efficacia, proprio come un tempo vicini di casa e amici guardavano gli uni le proprietà e i beni degli altri per senso civico: la collaborazione e la fiducia tra vicini sono fondamentali perché s’instauri un clima di tranquillità che venga percepito da tutti i residenti e particolarmente dalle fasce più vulnerabili, come anziani e persone sole”.

Il Protocollo d’Intesa sottoscritto con la Prefettura prevede in capo all’Amministrazione Comunale l’onere di stimolare il dibattito e la partecipazione dei cittadini attorno ai problemi della sicurezza nelle aree di residenza, a predisporre adeguata cartellonistica indicante l’attivazione sul territorio del progetto “Controllo di vicinato”, a sensibilizzare i cittadini interessati a segnalare particolari situazioni, nonché a monitorare la corretta esecuzione del progetto stesso.

ESCLUSIVA OSSERVAZIONE

Ma cosa potranno fare i cittadini? La loro azione dovrà essere di esclusiva osservazione, e prevede di segnalare alle Polizie Locali, solo attraverso i propri coordinatori, situazioni ed eventi attinenti la sicurezza urbana e il degrado sociale, tramite rete mobile o con l’impiego degli strumenti informatici in possesso, astenendosi in ogni caso dall’assumere comportamenti incauti od imprudenti, che potrebbero determinare situazioni di pericolo.

Come prevede il Protocollo promosso dalla Prefettura: “È fatto sempre divieto di utilizzare uniformi, emblemi, simboli, altri segni distintivi o denominazioni riconducibili, anche indirettamente, ai Corpi di Polizia statali e locali, alle Forze Armate o ad altri Corpi dello Stato, ovvero che contengono riferimenti a partiti, movimenti politici e sindacali, nonché sponsorizzazioni private. E’ esclusa qualsiasi iniziativa personale, ovvero qualunque forma, individuale o collettiva, di pattugliamento del territorio

UN LAVORO GIÀ INIZIATO NEGLI SCORSI ANNI

In questi anni – ha sottolineato Zacchettisono già state numerose a Cernusco sul Naviglio le iniziative concrete volte al mantenimento e all’incremento della prevenzione e della Sicurezza Urbana in città che hanno portato ad un ampliamento dell’attività della Polizia Locale con l’attuazione del Progetto CernuscoSicura, alla partecipazione ad iniziative sovra comunali di sicurezza organizzate dalla Regione Lombardia (S.M.A.R.T.), alla redazione di opuscoli in tema di prevenzione rivolti a diverse fasce di età della popolazione, all’implementazione e mantenimento di un’efficiente rete di videosorveglianza, alla fornitura di moderne strumentazioni ad utilizzo della Polizia Locale, alla costante presenza e  monitoraggio del territorio da parte del Nucleo Comunale Volontari di Protezione Civile ed in generale alla costante presenza capillare della Polizia Locale in turni lavorativi diurni e serali”.