CERNUSCO
DALLA REPUBBLICA DOMINICANA ALLA MARTESANA, UN CORTO PER RACCONTARE LE DIVERSITA’

L’incontro di due giovani mondi in terra latina: ecco quel che racconta “En pocas palabras”, il nuovo cortometraggio girato dall’associazione ColorEsperanza  grazie all’impegno di Giorgia Albani e Viviana Grasso, due ragazze che hanno deciso di dedicare la scorsa estate al volontariato in Repubblica Dominicana presso l’associazione.

ColorEsperanza produce dal 2008 cortometraggi accomunati dalla presenza di persone portatrici di disabilità: in questo caso i protagonisti sono i ragazzi non udenti del Centro de Atencion a la Diversidad della provincia Hermanas Mirabal. “Nel cortometraggio si nota l’incontro tra due mondi diversi, quello delle persone udenti con i sordi ma anche quello dei giovani dominicani raccontati dall’occhio narrativo di due ragazze italiane” ci spiega il fondatore e vicepresidente dell’associazione Roberto Codazzi, cernuschese trasferitosi a Salcedo, in Repubblica Dominicana.

La situazione di evidente disagio comunicativo del ragazzo non udente sottolineata dal filmato viene capovolta nel momento in cui è un soggetto udente a sentirsi in difficoltà perché non comprende il linguaggio dei segni: due mondi apparentemente divisi ma che alla fine si incontrano grazie all’apertura e al desiderio di condivisione di entrambi. “Mi silencio no impide mi capacidad” (il mio silenzio non limita ciò che sono) si legge sulla t-shirt di una ragazza del Centro.
Questo tipo di collaborazione ha un significato profondo per ColorEsperanza – spiega Codazzi – perché per noi i progetti in Repubblica Dominicana non sono semplici azioni di solidarietà internazionale ma sono motivo per creare ponti, scambi ed incontri”.

Proprio a proposito di ponti, il cortometraggio ha superato i confini dominicani ed è stato selezionato per la partecipazione al Festival Internazionale del Cinema Nuovo che si è svolto ad ottobre a Gorgonzola, e che si occupa di raccogliere filmati girati da portatori di disabilità.
“En pocas palabras” è solo l’ultimo dei prodotti dell’associazione, che annovera anche due libri pubblicati, “Haiti: l’isola che non c’era” (del 2011) e “Scuola, design e solidarietà” uscito da poco.
Il cortometraggio (visibile QUI) è un  vero e proprio inno alla condivisione Italia – Repubblica Dominicana, ancora una volta firmato ColorEsperanza.

ELEONORA RIVA