SEGRATE
AD INSEGNARE LA LEGALITA’ AI PIU’ GIOVANI CI PENSA L’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO

“Educazione alla legalità” è il nome del progetto pensato dall’Ordine degli Avvocati di Milano che, in collaborazione con gli enti locali, intende contribuire alla diffusione tra giovani e giovanissimi di una cultura della legalità, che abbia ad oggetto la natura e la funzione delle regole nella vita sociale, i valori della democrazia e l’esercizio dei diritti e doveri della cittadinanza.

Dopo essere approdato in varie scuole della Lombardia, la proposta arriva ora anche a Segrate dove il Comune, in collaborazione con l’Ordine e le Parrocchie cittadine, ha organizzato una serie di quattro momenti di approfondimento gratuiti mirati alla formazione dei cittadini italiani di domani. Gli appuntamenti sono rivolti in particolare ai ragazzi dai 15 ai 18 anni, ai loro genitori e agli educatori, i principali punti di riferimento per la crescita di ogni giovane. Ogni volta interverranno avvocati esperti delle materie trattate, che approfondiranno i temi scelti con un taglio pratico, che prevede anche il coinvolgimento attivo dei partecipanti.

Gli incontri del ciclo “Educazione alla Legalità. Cosa ne pensano i nostri ragazzi” si terranno sempre il lunedì alle ore 20.45, a partire dall’11 aprile. Il primo appuntamento sarà un’introduzione al percorso, e si parlerà di legalità e democrazia con gli avvocati Ornella Vetrone e Corrado Limentani e la partecipazione del Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Milano Remo Danovi. Seguiranno poi, lunedì 18 aprile “Dipendenze-Prevenzione” sul tema di alcol e sostanze stupefacenti, lunedì 9 maggio “Disagio minorile” su bullismo, vandalismo ed educazione stradale, ed infine lunedì 16 maggio “Nativi digitali”, riguardo rischi e pericoli del web. I primi due incontri si terranno presso la Sala Cinema San Felice in Piazza Centro Commerciale, mentre gli ultimi due presso il Centro Civico di Redecesio.

Saranno tutti temi caldi e molto importanti quelli trattati dai quattro incontri organizzati a Segrate sul tema della legalità, a maggior ragione perché inerenti alla crescita dei giovani di oggi che costruiranno il futuro della città e della nazione.