CARUGATE
LE OPERE DEI CITTADINI PER HUMUS ART, NELLA PRESTIGIOSA PUBBLICAZIONE DELL’ ACCADEMIA DI BRERA

Nel secondo numero dei Quaderni di Grafica, Pubblicazione didattica dell’Accademia di Belle Arti di Brera sono state riportate anche le opere “Stampare con la natura – legno, colore, luce” del 2010 e Mappe della Memoria del 2014. Questi elaborati, di proprietà del Comune di Carugate, sono frutto di due workshop di stampa d’arte interni alla Biennale d’Arte Pubblica e Relazionale Humus Art, coordinati dalla Prof. Alessandra Angelini, artista e docente di stampa d’arte della Accademia meneghina.

Il libro vuole essere, come afferma la professoressa nella prefazione, “uno stimolo per la ricerca di nuove soluzioni artistiche”. Il focus infatti è la presentazione di una ricerca d’avanguardia incentrata sul rispetto ambientale, la volontà di esplorare nuovi confini artistici e la voglia di farlo attraverso l’insegnamento. “Questi principi, sono stati condivisi e portati avanti da Humus Art fin dalla sua prima edizione, che ha fatto della collaborazione con realtà di prestigio come l’Accademia di Brera la base sulla quale costruire un progetto d’arte di spessore, qualità e ricerca”, ha poi aggiunto Arianna Galli, curatrice della Biennale di Arte Contemporanea carugatese.

Entrambe le opere sopracitate hanno avuto come soggetto Carugate con i suoi spazi, il suo vissuto, la sua comunità: “I lavori prodotti raccontano di noi cittadini, di ciò che eravamo, siamo e saremo -ha proseguito la Professoressa Galli, carugatese- La parte più interessante è relativa alla produzione: studenti di Brera e cittadini, hanno operato insieme, sotto la guida della Prof.ssa Angelini, per creare all’interno di un unico manufatto una visione plurale del territorio. Lo scambio di informazioni, conoscenze, sensibilità avvenuto durante i vari workshop è stato enorme e ha permesso non solo ai carugatesi di affiancarsi a tecniche di stampa d’avanguardia, ma anche ai giovani alunni di Brera di trovare uno spazio che valorizzasse le loro abilità e i loro saperi”.

foto_opera_humusart_9Inoltre la procedura utilizzata, basata sull’uso di matrici fotopolimeriche, si avvale di procedimenti rispettosi dell’ambiente. Questa tecnica fa sì che gli acidi e i solventi, elementi tipici della stampa tradizionale, vengano sostituiti dalla luce e dall’acqua: una svolta epocale in campo grafico, che Carugate ha accolto entusiasta. “Non è un fatto scontato rientrare all’interno in questa pubblicazione ne essere citati con ben due opere. Uno degli intenti di Humus Art è quello di avvicinare la ricerca artistica ai cittadini e grazie alla professionalità e alla disponibilità della Prof.ssa Angelini, abbiamo fatto molto di più, abbiamo permesso ai cittadini di sperimentare direttamente le fasi di un processo artistico d’alto livello e abbiamo portato uno degli enti artistici più importanti al mondo ad operare su Carugate. Direi che tutto questo non rientra nella categoria “risultati scontati”. Tutto ciò ci porta a lavorare con più impegno per l’edizione di quest’anno della biennale, anch’essa ricca di iniziative e progetti di qualità”. Così ha concluso Arianna Galli.

La collaborazione tra Accademia e Humus Art nata nel 2010 è proseguita in varie forme e si auspica una collaborazione anche per l’edizione 2016. La pubblicazione è disponibile per la consultazione presso la Biblioteca Civica di Carugate.