CARUGATE
PROCARUGATE CORRE DA SOLA. LA CIVICA E’ CRESCIUTA E SCEGLIE MAGGIONI COME CANDIDATO

I ragazzi son tornati. I ragazzi sono cresciuti, e ora sono “pronti“. E’ questo il messaggio che arriva dalla civica ProCarugate contestualmente all’annuncio ufficiale del candidato sindaco alle prossime elezioni: Luca Maggioni. 

Il nome non è nuovo, ed è lo stesso che alle passate amministrative aveva raccolto insieme alla sua lista di volti giovani e nuovi al mondo politico carugatese, la fiducia del 19% dei cittadini, e che ora, dopo cinque anni in consiglio comunale, ritorna a presentarsi alla città forte di un’esperienza importante nel locale, ma non solo. Maggioni infatti, professore con una laurea in Storia e un dottorato in Scienze Politiche, è reduce da una prestigiosa esperienza lavorativa alla Camera dei Deputati, che gli consente ora di spendere competenze maturate nello studio con quelle acquisite in ambito politico di alto livello: “E’ il candidato ideale per guidare un profondo rinnovamento del territorio carugatese“, scrive infatti al lista nella sua presentazione.

E’ dunque trascorso del tempo dalla prima campagna elettorale, e le cose son cambiate in casa ProCarugate: “Molti ci giudicavano troppo giovani e inesperti -ha spiegato Maggioni– ed è proprio a loro che ci rivolgiamo in queste prime battute di campagna elettorale, convinti come siamo di essere davvero pronti a prendere in mano le redini della città“. Ciò che non è mutato però, è lo spirito che il gruppo ha voluto mantenere, quello che muove da radici di lista civica e che oltre non vuole andare, rifiutando qualsiasi accordo con i partiti costituiti, sebbene proposte siano arrivate da destra e da sinistra.

Il nucleo alla base è per la maggior parte lo stesso che si era mosso cinque anni fa, ma supportato da nomi non estranei alla storia della politica carugatese. Non ci sono conferme e da ProCarugate non trapela alcuna certezza, ma pare che nomi importanti come quello dell’ex sindaco Carlo Zorloni e dell’ex assessore Piergiorgio Comelli, potranno essere riferimenti concreti per un gruppo che così andrebbe ad unire lo slancio innovativo e progettuale di menti giovani, con l’esperienza amministrativa già spesa sul campo da figure più navigate. “Cinque anni di consiglio comunale insieme a Gianluigi Maino mi sono serviti per conoscere meglio la macchina amministrativa della nostra città -ha proseguito il neo candidato- e il nostro gruppo si sta arricchendo del contributo di alcuni ex amministratori e di molte persone di esperienza che hanno scelto di sostenere il nostro progetto mettendosi al servizio della nostra città”. 

Giovani non è sinonimo di inesperti dunque, così come competenza non è parola che appartenga solo ad una certa fascia d’età. Ci tengono a ribadirlo gli esponenti di ProCarugate, che ripetono: “Non chiamateci più giovani“, se per giovani si intende ragazzi alle prime armi con poche idee e per giunta confuse. Infatti, al contrario, i membri della civica hanno le idee chiare, e stavolta si muovono nella campagna elettorale con sicurezza: “Il nostro impegno è figlio del desiderio di avere una città amministrata da persone competenti, che abbiamo come obiettivo primario il bene dei cittadini e sappiano coinvolgerli nella sua gestione. Perchè un paese più amato, è un paese più bello -ha concluso Maggioni- Abbiamo entusiasmo e competenze, umiltà e disponibilità ad ascoltare, ma soprattutto tante idee e la progettualità per poterle realizzare“.

Dunque Maggioni si affianca al nome di Grimoldi (PD) nella lista dei candidati sindaco già ufficializzati, mentre si attende di sapere l’esito della consultazione popolare per la civica Carugate in Movimento, e si aspetta di conoscere il futuro del centro destra, con Lega Nord e Forza Italia che non si sono ancora esposte.