A Gessate arriva l’evento “Spirto Gentil”

Concerto nel centenario della nascita di Luigi Giussani. Venerdì 11 novembre nella Chiesa Parrocchiale SS. Pietro e Paolo

Il Centro Culturale S. Mauro di Gessate e il Centro Culturale don Renzo Fumagalli di Cambiago, in occasione del Centenario della nascita di Don Luigi Giussani, hanno organizzato il concerto “Spirto Gentil”.
L’appuntamento è fissato per venerdì 11 novembre alle 21 nella Chiesa SS. Pietro e Paolo a Gessate con l’ascolto guidato delle musiche di F. Chopin, L. Van Beethoven, W.A. Mozart a cura di Roberto Andreoni compositore, docente e musicologo e con i musicisti Nicolas Benzoni maestro dell’Associazione Harmonia – Scuola di Musica “Tinina Amadei” e con Beatrice Baldissin e Anna Prodi ex allieve.

Musica e sensibilità educativa

Mons. Luigi Giovanni Giussani, nasce a Desio nel 1922 e muore a Milano nel 2005, stato un presbitero, teologo e docente italiano. Negli anni 1969-1970 il movimento da lui creato prese il nome di “Comunione e Liberazione” e don Giussani ne assunse la guida presiedendone il Consiglio generale. L’11 febbraio 1982 il Pontificio Consiglio per i Laici riconobbe la Fraternità di Comunione e Liberazione e don Giussani ne guidò la Diaconia Centrale. Fu creato Monsignore da Giovanni Paolo II nel 1983 con il titolo di Prelato d’onore di Sua Santità. Sei anni dopo, nel 1989, contribuì alla costituzione della Fondazione Banco Alimentare. Fra le sue numerose opere vi è la trilogia del “PerCorso”, redatta a partire dagli appunti delle lezioni di religione che aveva tenuto negli anni Cinquanta al liceo Berchet e in seguito all‘Università Cattolica di Milano.
Il titolo della collana Spirto gentil” deriva da quello di un’aria dell’opera “La favorita” di Gaetano Donizetti, brano tra i preferiti da don Giussani sin dall’adolescenza.

«Don Giussani era cresciuto in una casa povera di pane, ma ricca di musica e così sin dall’inizio era toccato, anzi ferito dal desiderio della bellezza” tanto che – ha raccontato lui stesso – a 15 anni ascoltando un’aria del IV atto de “La Favorita” di Donizetti egli intuì per la prima volta “che Dio c’era e quindi che non poteva esserci niente se non c’era il significato”. Perciò, nel 1997 volle intitolare la collana di CD di musica “Spirto Gentil”, l’incipit cioè della celebre aria – si legge nella nota di presentazione del progetto – Il Centro Culturale San Mauro e il Centro Culturale Don Renzo Fumagalli hanno pensato ad un momento che dia la possibilità di ascoltare dal vivo qualcuno di questi brani secondo il “Metodo esistenziale” di don Giussani, e questa iniziativa è resa possibile grazie al coinvolgimento dell’Associazione Harmonia con la sua Scuola di Musica Tinina Amadei, i cui musicisti eseguiranno con l’esecuzione dal vivo i brani musicali».

L’ascolto guidato sarà condotto dal compositore Roberto Andreoni, docente e direttore di numerose scuole in Italia e all’estero, tra cui l’Istituto IES Abroad di Milano, e docente di composizione al Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro.

 

Augusta Brambilla